1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. jide

    jide Nuovo Iscritto

    io sono la parte acquirente , e voglio recedere da un compromesso , firmato a ott 2010 , la mia decisione di recedere riguarda il fatto che non mi è stato detto della mancanza di agibilita , e tanto meno non veniva menzionata nel compromesso . il venditore si rifiuta di ridarci la caparra , perche lui sta facendo i lavori per avere l agitabilita , ma dopo 6 mesi ancora nessun foglio . io ho richiesto l agenzia la risoluzione del contratto .
    la mai domanda è .... il venditore puo rifiutarsi di firmarla ? e se si rifiuta puo portarmi a fare la atto ? arrivati a questo punto a noi nn interessa piu la casa , ma non vorremmo perdere la caparra e tanto meno perdere altri soldi grazie
     
  2. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    una casa si puo' vendere anche senza l'agibilita'.
    se il venditore non ti ha detto che mancava e' stato disonesto ma l'importante e' che ottenga l'agibilita' al rogito.
    Verifica con un tecnico se ci siano delle non conformità urbanistiche sanabili o meno per cui le cose stanno andando per le lunghe.
    mi sembra strano.
     
  3. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Il compromesso Ott 2010 avrà avuto una data entro la quale si fissava l'atto definitivo. Se scaduto, hai diritto alla risoluzione per inadempienza del venditore, se non scaduto, aspetta il termine e se la casa sarà dotata di agibilità la devi comprare, diversamente si prefigge nuovamente inadempienza del venditore.
     
  4. jide

    jide Nuovo Iscritto

    ti ringrazio ccc1956, ma ora come ora la casa nn mi interessa piu , il fatto che lui non mi abbiamo avertito che mancava la gibilita a me sembra piu che una cosa disonesta , ma quasi una truffa , a mio modesto parere ,.. ma io vorrei sapere se lui puo portarmi a fare l atto per forza nonostante io non la voglia piu

    Aggiunto dopo 1 :

    adriano , il termine per il rogito è a settembre 2011, ma io non faccio piu in tempo a fare il mutuo ,perche ricorrevo a un mutuo regionale , dove il tempo di emissione va da 8 mesi a un anno . e con un altra banca non riesco ad arrivare alla somma .
     
  5. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Jide, non evidenziarti che manca l'agibilità, non è cosa grave se nel lasso di tempo fissato all'atto definitivo, il venditore la ottiene. Il tuo caso è particolare, perchè l'iter per ottenere il mutuo, richiede, forse, il certificato di agibilità. Tu chiedi se è possibile rimandare la presentazione. Se, invece, come mi sembra, tu vuoi recedere a prescindere dalla agibilità, la cosa non è molto semplice. Faccio una distinzione:
    A) Se è una casa appena edificata, l'agibilità è un atto dovuto se regolarmente edificato, e se al tempo del preliminare non ti è stato specificato che manca, non conta nulla.
    B) Se la casa è già edificata da molti anni e la mancanza di agibilità implica, condoni, modifiche strutturali, tu hai diritto di invocare il "vizio occulto" e di non acquistare.
     
  6. jide

    jide Nuovo Iscritto

    la casa è del 1992, l agibilita non c'è perche allora il geometra che aveva in carico la cosa , non ha chiuso la concessione e non ho ha richiesto l agibilita , in questo momento lui ha dato in mano ad un altro geomentra che ha riaperto la concessione edilizia , per sistemare la storia che loro avevano trasformato il vano scale , in un ripostiglio , e poi dovra richiedere l agibilta. e dopo 6 mesi , noi il certificato di agibilita gliel avevamo richiesto ad nov 2010 per il mutuo , siamo a maggio 2011e siamo ancora quia d aspettare senza ancora il fogli, e io mi sento un po presa in giro .scusa se sembra che evidenzio la cosa, ma non mi sembra giusto , non averlo saputo prima
     
  7. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Allora hai ragione, devi , però, fare i passi giusti, ora. Ti consiglio un legale, se la cifra da recuperare è interessante. Dovrà motivare il recesso con il fatto che la grave inadempienza del venditore e del fabbricato, non ti permette di accedere al mutuo regionale, facendo capire che il tempo da te perso inutilmente con questa trattativa, ti ha anche arrecato seri danni, non ti ha permesso di continuare nella ricerca di un immobile a te consono e ora hai patito molti disguidi. Minacci di chiedere i danni.
     
  8. jide

    jide Nuovo Iscritto

    stasera vado da un legale . venerdi scorso ci siamo visti con il venditore e l agenzia , e il venditore , ha detto che lui i soldi nn ce li rende perche lui tra 15 giorni al massimo avra i documenti . un altra domanda , lagenzia non è corresponsabile, nel non aver controllato che ci fossero tutti i documenti prima di vendere una casa ?
     
  9. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Certo, ma si può solo ravvedere una trascuratezza, in fase di preliminare, non un dolo.
     
    A piace questo elemento.
  10. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    secondo me la questione è stata impostata male dall'inizio, se avevate bisogno del certificato di agibilità subito per attivarvi per il mutuo dovevate chiederlo subito, se non ve lo dava ve ne andavate ed amen. adesso, posto che il venditore non poteva sapere di questa vs esigenza prima del compromesso e che ha fissato per il rogito una data piuttosto lontana, se per quella data ha il certificato voi, se non acquistate, perdete la caparra. IL venditore l'abitabilità, per il resto non indispensabile, deve averla al rogito. vi deve la caparra solo se per quella data non se l'è procurata.
     
  11. Marco Piola Caselli

    Marco Piola Caselli Nuovo Iscritto

    La banca non chiede il ceritificato di agibilità/abitabilità o perlomeno le banche hanno smesso di chiederlo da tempo altrimenti non farebbero piu mutui.
    Se il proprietario deve risolvere una concessione in sanatoria significa che c'è una pratica di condono aperta, a questo punto piu che preoccuparvi dell'abitabilità che non c'è dovreste preoccuparvi che siano stati pagati tutti gli oneri nei giusti tempi, affinche non ci siano ulteriori oneri, sanzioni ed interessi per il rilascio della concessione, documento indispensabile per effettuare la richiesta dell'abitabilità/agibilità.
    Se non ha ancora ottenuto la concessione non può neanche aver presentato la richiesta di rilascio dell'abitabilità e la concessione se è un condono del 2003 non la vedrà facilmente in questo periodo, piu facile se trattasi di condono del 95.
    Non capisco perchè vi siete fissati sull'abitabilità la cui mancanza non pregiudica l'alienabilità del bene, allora dovreste fissarvi anche sulla sicura mancanza del fascicolo del fabbricato.
    L'importante per il rogito a mio avviso è che: gli oneri siano stati interamente pagati nei tempi e la planimetria catastale risulti conforme allo stato dei luoghi.
    Sono titolare di agenzia immobiliare dal 97 e vi garantisco che la mancanza dell'abitabilità non ha mai rappresentato un problema insuperabile, forse c'è dell'altro?
     
  12. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    La vedo molto dura per il recesso.

    Il venditore sta agendo nei tempi dovuti, e se non ti ha detto della mancanza di agibilità (peraltro parziale, se la pratica è stata lasciata a metà...) probabilmente è perchè non lo sapeva nemmeno lui e non ci vedo nè truffa nè dolo.

    Fino all'anno scorso era possibile rogitare con ben altre mancanze !

    Se tu non hai inserito nel compromesso la clausola della condizione di poter fare il mutuo regionale, rischi di diventare tu inadempiente, con conseguente perdita della caparra.

    Non è che recedere da un compromesso sia come bere un bicchiere d'acqua... Il venditore ha i suoi obblighi, ma anche tu, in quanto acquirente, hai i tuoi.

    Silvana
     
  13. jide

    jide Nuovo Iscritto

    Marco Piola Caselli,bolognaprogramme io sono d accordo, con voi , ma il problema , p che lui nel compromesso ,ha dichiarato che l immobile, era stato costruito secondo le concessioni edilizie del comune , che l immobile non aveva subito frazionamenti ecc....nella proposta di vendita ha dichiarato che c' erano le conformita dell acqua , luce ecc....
    è per quello che mi sento presa in giro .ovviamente un compromesso non è uno scherzo , ed è per quello che le cose che ha dichiarato sia lui che l agenzia , non riscontrano la verita
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina