1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. fernandoscudi

    fernandoscudi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    gent.mi nella mia casa al mare ho un terrazzo di circa 60 mq che confina nella pare finale con un posto auto di larghezza 2,35 mt. Larghezza più che sufficiente per qualsiasi auto ma inadeguata nel mio caso in quanto trovasi in un corridoio delimitato da un vecchio muro di altrui proprietà e dal mio terrazzo che proprio quest'anno ho provveduto a recintare nella parte confinante col posto auto con del grigliato .
    Il mio vicino pretende che lasci il terrazzo senza nessuna protezione onde permettergli di poter aprire la portiera e quindi utilizzare il posto auto almeno con una utilitaria.
    Tengo a precisare che il terrazzo è a livello posteggio e che il grigliato è l'unico modo per non ritrovarmi chi posteggia nella mia proprietà e tutelare un minimo di privacy.
    Da sette anni a questa parte ,l'auto considerate i buoni rapporti e l'uso saltuario ha sempre posteggiato in un
    un'area comune adiacente e che potrebbe continuare a fare .Chiedo se è corretto e legale aver posto il grigliato e relative piante nella mia proprietà impedendo una normale fruizione del posto auto . Dovrei distanziarmi almeno di 50 cm. e perdere una parte di proprietà , penalizzando sia privacy che spazi di diritto .Ringrazio per tutte le risposte che ricevo.
    ferdi
     
  2. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    I cespugli vano tenuti a 50 cm dal confine. I grigliati li puoi mettere sul confine, se sono semplici grigliati li puoi installare senza necessità di chiedere autorizzazione al Comune, se per grigliati si intende un'opera consistente infissa stabilmente al suolo devi chiedere autorizzazione al Comune. Perchè non fai uno scritto con il confinate per non perdere la proprietà, magari con un simbolico affitto, e ti arretri con i grigliati?
     
  3. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Le dimensioni standard di un posto auto è m 2,50x6,00. Quindi 2,35 potrebbero essere sufficienti se uno parcheggia con attenzione accostandosi sul lato.
    Ora, vorrei capire da dove desumi la larghezza di m 2,35. Risulta da un documento concordemente accettato? Se la sua larghezza non è altrimenti reperibile, ti puoi rifare alle quote presenti nel tipo di frazionamento se redatto prima del 1989, se successivo, dall'elaborazione del libretto delle misure allegato al tipo di frazionamento. Se dovesse essere ricavata dalla mappa catastale, non lo credo possibile vista la precisione centimetrica, sappi che l'entità in discussione è ampiamente in tolleranza.
    Con il buon senso potresti arretrare 15 cm che a te non cambierebbe niente ed a lui daresti la possibilità di transitare più agevolmente.
    Il distacco delle piante dai confini è regolato dall'art. 892 del CC che prevede:
    - tre metri per gli alberi di alto fusto;
    - un metro e mezzo per gli alberi di non alto fusto;
    - mezzo metro per le viti, gli arbusti, le siepi vive, le piante da frutto di altezza non maggiore di due metri e mezzo.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  4. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    No ragazzi non mi trovo con il ragionamento di spostare il grigliato se invece di un terrazzo fossero due balconi adiacenti? e al signora accanto si compra uno stendino più grande che quando si apre entra nel mio balcone che dovrei fare arretrare la mia ringhiera per il buon vicinato? e se un domani il signore si compra un camper? devo dargli il mio terrazzo? quando si compra una proprietà uno la usa in base a ciò che gli consente i suoi spazzi! il buon vicinato lo si dimostra con delle concessioni momentanee non per sempre e che poi si pretendono e se il terrazzo in origine già era separato con un muro come l'altro lato? non voglio essere litigioso ma una cosa è il diritto e l'altra cosa sono le cortesie.
    Ultimo.... penso che le piante che menziona Fernando siano delle piante amovibili pertanto nessuna limitazione le limitazioni sono per piantarle stabilmente.
     
    A alberto bianchi e Dimaraz piace questo messaggio.
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Salvo che la dimensione di m 2,35, indicata da fernando sia desunta da un dato certo, ho proposto una soluzione per dirimere la discussione con il buon senso. Se la dividente è certa, spetta a lui imporre o adeguare la soluzione.
     
  6. fernandoscudi

    fernandoscudi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    fernando
    grazie a tutti delle belle e utili risposte che mi aiuteranno sicuramente nel vedere e valutare le cose non dal mio solo punto di vista, come spesso succede.
    Amplio quanto presentato nella mia prima questione onde chiarire ancora di più la querelle .
    Le misure del posto auto sono state dedotte dalla planimetria della mia proprietà e di quella generale ,nel mio rogito risulta come confinante il posto auto in questione.
    Il mio terrazzo è circoscritto dalle mura di casa da un lato, da muri di 1 mt. ai lati e di fronte (8 mt.circa) da questo posto auto che ho sempre limitato con vasi di piante e pannelli grigliati tenuti da pali di legno (7) avvitati con piastre nel pavimento piastrellato del mio terrazzo.
    Questo inverno probabilmente a causa di vento eccessivo due pali cedono e così tutta la struttura.
    A febbraio rendo più stabile il tutto conficcando e cementando i pali sempre nel mio terreno .
    Questa azione non è stata gradita al mio vicino il quale mi ha presentato le sue rimostranze.
    Probabilmente ho sbagliato nel consolidare i pali ma è stato attuato in assoluta buona fede senza pensare di ledere alcunché di diritti ,d'altronte ormai da anni ,previo tentativo di utilizzare il posto auto, ci si è accontentati di utilizzare spazi nel cortile comune.
    Non ho chiesto nessuna autorizzazione al comune in quanto un tecnico mi ha esonerato dal farlo . Le piante sono semplici essenze da terrazzo, in vasi ,che spesso devo rinnovare.
    Alla controparte da sempre ho proposto un mio posto auto regolarmente accatastato, da scambiare, onde eliminare qualsiasi futura controversia.
    Pertanto considerato che il terrazzo per me è di vitale importanza ,in quanto siamo al mare e viviamo praticamente fuori, compreso i pranzi e le cene .
    Che mi è molto difficile pensare una cessione di spazi ,che posso offrire la bella opportunità di poter usufruire di altro posto auto assolutamente indipendente e di dimensioni tali da poter posteggiare anche dei fuoristrada(di cui ne hanno uno), chiedo quali azioni dovrei attuare onde essere assolutamente inattaccabile sotto il profilo della legalità e non sentirmi richiedere che avendo in pertinenza un posto auto devono assolutamente essere messi in condizioni di poter accedere e quindi aprire lo sportello e invadere una mia area . Mi chiedo se usassi dei vasi di cemento al confine non hanno la medesima, se non peggio ,funzione di grigliato ?? Mi scuso le per la lunghezza e ringrazio caramente .
    ferdi
     
  7. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ecco che qui deve subentrare l'esperienza di Gianco 1° per determinare da cosa si può desumere la giusta quadratura del terrazzo 2° come comportarsi legalmente oltre ai singoli pensieri che si possono fare, comunque per mia esperienza io ho fatto uno scambio con un box, nel senso che il mio era il terzo della fila mentre il primo era attaccato al mio giardino, pertanto ho fatto uno scambio regolarmente tramite il notaio accollandomi tutte le spese per invogliare l'altro proprietario e gli promisi che gli avrei piastrellato anche il pavimento cosa che feci, in pratica lo scambio per me è stato conveniente perché se abbatto la parete confinante ho non un box ma un autorimessa più grande e usufruibile con chiusura a serranda sul accesso condominiale, cosa che potresti fare anche tu allargando il terrazzo prendendoti quel posto auto.:)
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Concordo con quanto scritto da Chiacchia.
    Tu non "devi" cortesia ad alcuno.
    Se vuoi scambiare il posto auto per tua libera scelta è una opportunità che il "vicino" dovrebbe ringraziarti a prescindere.
    A chi ha pretese non dovute...personalmente gli risponderei "picche"...altro che scambio.
     
  9. fernandoscudi

    fernandoscudi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Quando acquistai l'immobile sapendo di confinare con un posto auto impossibile da utilizzare ho avuto la possibilità di abbinare all'immobile due posti auto regolari cioè non pertinenziali ma accatastati onde poterne offrire uno per lo scambio ,la mia offerta stranamente è stata rifiutata e fino a questa estate a parte qualche brontolio da parte del marito, riguardo una presunzione di misure non corrette ,non ho mai avuto motivo di contrasto ,anzi i rapporti sono stati sempre improntati su buona cordialità.
    Quest'anno si è percepito del disagio alla solita frequentazione e chiarendo viene fuori che avendo la controparte acquistato un appartamento con un posto auto di pertinenza ne richiede la possibilità di poterlo utilizzare ,pertanto si pretende che io tolga il semplice grigliato ed eventualmente sposti le piante onde permettere la fruizione del sito.
    Il tutto penso che sia nato ,dall'aver da parte mia consolidato i pali( alti circa 1.60) e quindi essersi resi conto che il posto auto era veramente inservibile.
    Chiedo a prescindere da qualsiasi considerazione se il mio operato è legale o no !
    Un grazie grande grande per i Vostri consigli.
    ferdi
     
  10. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ogni proprietario ha il diritto di "recintare" i propri confini.
    Se hai posto il tutto rimanendo entro la tua area nulla ti può essere validamente opposto.

    Il "metro" esiste da tempo...e chi acquista lo spazio per una utilitaria poi non deve lamentarsi se non riesce a parcheggiare un Tir.
     
    Ultima modifica: 29 Agosto 2015
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Parli della planimetria della tua proprietà e di quella generale. A cosa ti riferisci?
    Esistono diverse planimetrie, quella quotata riportata nel progetto. Se in questa il posto macchina è indicato (scritto) largo m 2,50, tale deve essere. L'altra planimetria è quella catastale, redatta in scala 1:200 dove è riportato l'immobile con la sua ripartizione. Le uniche quote che puoi trovare sono le altezze degli ambienti. Evidentemente, le misure desunte da questa sono indicative.
    Se sulle planimetrie allegate all'atto sono indicate chiaramente le misure quelle sono vincolanti. Però se quella del tuo terrazzo, sommata a quella del posto auto non dovesse corrispondere con quella reale, deve essere garantita quella standard del posto auto. Va detto inoltre che la larghezza del posto auto è al netto dello spessore del muro di confine, comunque annesso alla sua proprietà.
     
  12. fernandoscudi

    fernandoscudi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie ancora per le risposte importantissime per me.
    Gent.mo Gianco ho qui davanti una carta in scala 1:100 dell'agenzia del territorio CATASTO FABBRICATI uff.prov.
    planimetria" planimetria di u.i.u. in comune di...
    In effetti Gianco hai ragione la catastale non riporta misure mentre la generale riporta le misure nette dei miei ambiti con adiacente uno spazio senza quote (il posto auto).
    Ho visionato l'atto di acquisto della controparte e non menziona alcuna zona esterna di proprietà , si rimanda al precedente rogito sotto "precisazioni "contenute nell'atto di provenienza ma senza alcun specifico riferimento .
    Nella planimetria generale tale posto auto fa parte del cortile comune .
    Mi chiedo se è normale che le pertinenze non vengano menzionate negli atti notarili.
    Ancora grazie della Vostra pazienza e collaborazione.
    ferdi
     
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La planimetria generale di cui tu parli è lo stralcio del progetto nella quale viene indicata la zona parcheggio. Il posto auto risulta nella planimetria, ma non è quotato. La planimetria catastale è rigorosamente in scala 1:200, per i soli fabbricati industriali la scala è 1:500.
     
  14. fernandoscudi

    fernandoscudi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Sono confuso !! dove posso trovare i dati ufficiali ?
    grazie
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La larghezza del posto auto lo dovresti trovare nel progetto. Se il posto auto è stato stralciato nel catasto terreni, lo vedrai sulla mappa catastale, dovrai richiedere copia del frazionamento che se è antecedente all'89 sarà quotato, se successivo lo potrai ricavare dal libretto delle misure. Gli stessi consigli li trovi sul #3.
     
  16. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Gianco ma se rimanda la specifica al precedente atto non è quello che deve cercare?
    e poi:
    se il posto auto e stato creato dopo molto probabilmente ci potrebbe essere un "inguacchio" (detto in Napoletano) ossia uno spazio comune che il costruttore ha venduto facendo credere a un posto motocicletta che poi è diventato un posto auto, tanto chi va a controllare se quello spazio è stato sottratto al condominio?
    nel ns. cortile condominiale il costruttore una mattina ha creato un muro che poi ha chiuso che poi ha messo un tetto e unito ad un'altro spazio privato che ha chiuso anch'esso creando una nuova fonte di valore, all'epoca chi ha comprato come me, giovane appena sposato tutto contento della nuova vita senza esperienza ecc. non ci è importato più di tanto, lui era il proprietario di tutto non dava fastidio a nessuno e la cosa è andata cosi, poi a distanza di anni che il costruttore è morto non si pagavano le quote condominiali ecc. vedi qua vedi la e abbiamo scoperto il tutto ma nel frattempo erano passati più di 30 anni pertanto!
     
  17. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Nel progetto il cortile comune ha degli spazi destinati a posto auto. In tal caso la loro larghezza deve essere indicata. Poi quando si procede all'accatastamento lo spazio di manovra, così come gli spazi comuni sono indicati beni comuni non censibili, cessano di essere di proprietà del singolo per essere di tutti. Mente i posti auto hanno un loro subalterno. Se quando hai comprato il cortile era B.C.N.C. tu eri comproprietario ed il costruttore non avrebbe potuto fare niente se anche tu non fossi stato d'accordo.
     
  18. fernandoscudi

    fernandoscudi Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie a Tutti !! siete stati chiari e professionali .
    Vi farò sapere su come andrà a finire .
    scudi
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina