1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. carlo84

    carlo84 Nuovo Iscritto

    Ho ereditato,qualche anno fa con la morte dei miei genitori, una casetta cielo-terra in un piccolo comune del casertano dislocata su piano terra, 1 piano e sottotetto. Quest'ultimo, di circa 70 mq., con i lavori effettuati a seguito del terremoto del 1980, con il rifacimento e l'abbassamento dei solai dei piani bassi (da h. 4 m a 3m..) ha altezze da 1,80 a m. 3,60 con un'altezza media quindi di m. 2,70. Tutto fu realizzato con regolare progetto. Negli anni, si è provveduto anche a mettere pavimenti, tinteggiare, realizzare un bagno, insomma è stato reso abitabile. La casa è disabitata da anni. Poichè vorrei venderla, cosa posso fare per regolarizzare la situazione e provvedere al cambio di destinazione? Quali le sanzioni? Grazie Carla
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao karla58
    A che punto erano i lavori realizzati entro i tre anni dal rilascio della concessione edilizia?
    Ciao salves
     
  3. carlo84

    carlo84 Nuovo Iscritto

    recupero/regolarizzazione sottoteto

     
  4. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Amministrativamente all'epoca della sospensione dei lavori il d.l. doveva comunicare lo stato dei lavori ed entro tre anni dal rilascio della concessione dei lavori completarli, se questo termine essendo decaduto e non essendoci traccia dello stato dei lavori occorre che ti consulti con il comune se è il caso di procedere alla sanatoria ai sensi dell'art. 37 comma 4 del d.p.r. 380/01.
     
    A piace questo elemento.
  5. carlo84

    carlo84 Nuovo Iscritto

    Che io sappia, essendoci dei contributi statali per il sisma, il d.l. comunicò inizio e termine dei lavori con la trasmissione di tutta la contabilità delle spese sostenute all'epoca da mio padre, e di ogni altra documentazione, quali verifica sismica, collaudo etc. Furono, in sintesi, seguite le prescrizioni previste dalle norme specifiche. Che io ricordi, nelle varianti in corso d'opera, si previde anche la realizzazione delle scale per l'accesso al piano sottotetto e la trasformazione di una piccola parte di tetto in terrazzino. Però purtroppo non ho le planimetrie, e non so chi fosse il d.l. Ho solo il resoconto contabile da cui ho desunto questi dati. Comunque i locali sono sottotetto. Quindi conviene che mi rivolga ad un tecnico del luogo per conoscere meglio la situazione? Ma è possibile chiedere il cambio di destinazione di quei locali da sottotetto ad A/4 come la casa è accatastata? A quali sanzioni, andrei eventualmente incontro? Grazie
     
  6. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Non fasciarti la testa prima di satterla, procedi alla ricerca al comune della pratica del sisma e con l'aiuto di un tecnico ti fai indicare e chiarire il da farsi.
     
  7. carlo84

    carlo84 Nuovo Iscritto

    Seguirò i suggerimenti. Grazie
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina