• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Maresca

Membro Junior
Proprietario Casa
Ciao a tutti,

ho un appartamento collegato con scala interna ad una taverna di 20mq indicata nella planimetria come lavanderia

nel docfa la taverna viene indicata come accessorio indiretto dell'abitazione ed è tutto accatastato come A/2 residenziale

ho contattato il comune per fare il recupero del seminterrato, sfruttando la normativa regionale della lombardia

mi hanno dato un modulo da compilare dove di fatto si richiede il cambio di destinazione d'uso, ma le possibili scelte sono residenziale, alberghiera, commerciale, terziaria... insomma nel mio caso il cambio di destinazione non esiste, nel senso che si passa da residenziale a... residenziale.

quello che vorrei effettivamente cambiare è trasformare la taverna da accessorio indiretto a locale dell'appartamento.

i requisiti li avrebbe tutti a parte l'altezza che è di 240cm. Io avevo capito che fosse sufficiente (la normativa regionale non serviva proprio a questo?) ma in comune mi hanno detto che (cito):

i locali con altezza media interna inferiore a 2,70 m potranno avere destinazione d’uso accessoria o di
servizio di cui al punto 3.4.3 del locale Regolamento d’Igiene, tipo sala giochi, taverna,
stanza da bagno o servizio igienico, lavanderia, ecc



qualcuno potrebbe spiegarmi cosa mi sto perdendo? praticamente faccio un cambio di destinazione d'uso in cui passo da residenziale a residenziale (e già non ha senso) e nella richiesta non si parla da nessuna parte di locali, accessori ecc. quindi non capisco come avverrebbe il cambio.

Oltretutto, se con altezza inferiore ai 270 potrà avere una destinazione d'uso accessoria o di servizio, cosa cambia rispetto ad ora?


ma soprattutto, se nella richiesta non si fa mai menzione della destinazione d'uso specifica ma si parla di un generico residenziale, che cosa diventerà la mia taverna? chi lo decide?
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
si tratta di una variazione della destinazione d'uso, con implicazioni di altezze
Detto questo, ne puoi uscire o meglio puoi affrontare il problema solo consultando un tecnico di fiducia
 

Maresca

Membro Junior
Proprietario Casa
ma tu pensi che se si poteva fare, il costruttore non lo avrebbe fatto?
Veramente le altre taverne leggermente più grandi della mia ma con le stesse caratteristiche, il costruttore le ha recuperate, divise dall'appartamento sopra e rivendute come monolocali.

La mia non lo ha fatto perché sono stato il primo a comprare quando la normativa non era ancora stata emanata.
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
È classificato come seminterrato,
allora, primo step, togliere la classifica di seminterrato perché mi risulta che nel regolamento di igiene del comune di Milano non venga data l'abitabilità da locale per i semiinterrati.
"3.6.2. Seminterrati e sotterranei
Si intende per seminterrato quel locale che per parte della sua altezza si trova sotto il piano del marciapiede stradale; per sotterraneo quel locale la cui quota di estradosso sia inferiore od uguale a quella del marciapiede stradale.
Sia i locali seminterrati che quelli sotterranei non possono essere destinati ad abitazione."
 

Anarchi60

Membro Attivo
Professionista
Salve, quello a cui si deve fare riferimento è la LR 17/2017; detto questo analizziamo i diversi punti:

ho un appartamento collegato con scala interna ad una taverna di 20mq indicata nella planimetria come lavanderia
l'Appartamento è collegato con un piano interrato e pertanto con un cantinato; prova a guardare la scheda catastale non trovi indicato taverna, ma cantina, perchè il termine taverna è fittizio (anche se ci saranno molto saccenti che contesteranno questa dizione) e pertanto l'indicazione di lavanderia indica un locale accessorio e non un ambiente di vita.

nel docfa la taverna viene indicata come accessorio indiretto dell'abitazione ed è tutto accatastato come A/2 residenziale
Nel docfa e nella scheda catastale si indica tutto l'immobile ed i locali accessori fanno parte dell'immobile ad esclusione delle autorimesse o box, che hanno una classificazione a parte.

mi hanno dato un modulo da compilare dove di fatto si richiede il cambio di destinazione d'uso, ma le possibili scelte sono residenziale, alberghiera, commerciale, terziaria... insomma nel mio caso il cambio di destinazione non esiste, nel senso che si passa da residenziale a... residenziale.
quello che vorrei effettivamente cambiare è trasformare la taverna da accessorio indiretto a locale dell'appartamento.
i requisiti li avrebbe tutti a parte l'altezza che è di 240cm. Io avevo capito che fosse sufficiente (la normativa regionale non serviva proprio a questo?)
Nella modulistica unificata comunale si prevede il cambio di destinazione da .... (stato in cui si trova attualmente) a residenza; pertanto allo stato di fatto non stai cambiando una residenza a residenza, ma una cantina in residenziale.
Se chiaro il concetto allora la normativa prevede che è ammissibile l'altezza MP sia di m. 2.40, ma attenzione, perchè non basta dire cambio destinazione d'uso e finisce lì, ma servono altri fattori, così come modificato dalla LR 22 dell'agosto dello stesso anno.

ma soprattutto, se nella richiesta non si fa mai menzione della destinazione d'uso specifica ma si parla di un generico residenziale, che cosa diventerà la mia taverna? chi lo decide?
Nel momento in cui si è chiarita la questione di cosa si va cambiare con la destinazione d'uso, allora il tuo professionista sarà in grado di darti tutte le informazioni necessarie per la determinazione dell'istruttoria e per la realizzazione delle opere.
Chi decide cosa fare?, solitamente il committente presenta l'istanza con l'ausilio del professionista ed insieme al tecnico comunale, si definisce l'istruttoria presentata.
Spero esserti stato d'aiuto.
 

Maresca

Membro Junior
Proprietario Casa
Salve, quello a cui si deve fare riferimento è la LR 17/2017; detto questo analizziamo i diversi punti:


l'Appartamento è collegato con un piano interrato e pertanto con un cantinato; prova a guardare la scheda catastale non trovi indicato taverna, ma cantina, perchè il termine taverna è fittizio (anche se ci saranno molto saccenti che contesteranno questa dizione) e pertanto l'indicazione di lavanderia indica un locale accessorio e non un ambiente di vita.


Nel docfa e nella scheda catastale si indica tutto l'immobile ed i locali accessori fanno parte dell'immobile ad esclusione delle autorimesse o box, che hanno una classificazione a parte.


Nella modulistica unificata comunale si prevede il cambio di destinazione da .... (stato in cui si trova attualmente) a residenza; pertanto allo stato di fatto non stai cambiando una residenza a residenza, ma una cantina in residenziale.
Se chiaro il concetto allora la normativa prevede che è ammissibile l'altezza MP sia di m. 2.40, ma attenzione, perchè non basta dire cambio destinazione d'uso e finisce lì, ma servono altri fattori, così come modificato dalla LR 22 dell'agosto dello stesso anno.


Nel momento in cui si è chiarita la questione di cosa si va cambiare con la destinazione d'uso, allora il tuo professionista sarà in grado di darti tutte le informazioni necessarie per la determinazione dell'istruttoria e per la realizzazione delle opere.
Chi decide cosa fare?, solitamente il committente presenta l'istanza con l'ausilio del professionista ed insieme al tecnico comunale, si definisce l'istruttoria presentata.
Spero esserti stato d'aiuto.

Ciao, sei sicuramente stato molto utile.

L'unica cosa che non mi è chiara è: se dici che è normale che nel docfa sia tutto a/2 perché è tutto legato alla casa, allora dove devo reperire l'attuale destinazione d'uso della taverna?

Le scelte possibili sono molto limitate. A parte residenziale c'è alberghiero, terziario, commercio... Insomma deduco che l'attuale destinazione d'uso sia già residenziale.
 

Maresca

Membro Junior
Proprietario Casa
Credo di aver capito come gli altri seminterrati nel palazzo hanno ottenuto la destinazione d'uso di vani principali.

L'altezza è 240 ma dove è presente la scala l'altezza è 540.

La scala è direttamente nel seminterrato senza alcuna porta o divisorio, è parte integrante della stanza.

Calcolando l'altezza media, si supera tranquillamente i 270
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
Chi decide cosa fare?, solitamente il committente presenta l'istanza con l'ausilio del professionista ed insieme al tecnico comunale, si definisce l'istruttoria presentata.
Cosi come lo descrivi sembra un gioco a 3 dove si possa fare tutto quello che passa per la mente.
E le previsioni dello strumento urbanistico vigente ?
Nella migliore delle ipotesi è una variazione d'uso tra diverse categorie catastali.
E ovviamente tu saprai cosa implica, ...... giusto ?
 

Anarchi60

Membro Attivo
Professionista
è: se dici che è normale che nel docfa sia tutto a/2 perché è tutto legato alla casa, allora dove devo reperire l'attuale destinazione d'uso della taverna?
Semplicemente perchè vogliono sapere se lo hai già trasformato in precedenza rispetto a quanto dichiarato nella documentazione presente in comune.

Le scelte possibili sono molto limitate. A parte residenziale c'è alberghiero, terziario, commercio... Insomma deduco che l'attuale destinazione d'uso sia già residenziale.
Le scelte sono quelle indicate, unica condizione che trasformi da un locale di servizio o accessorio in residenziale.

Credo di aver capito come gli altri seminterrati nel palazzo hanno ottenuto la destinazione d'uso di vani principali. L'altezza è 240 ma dove è presente la scala l'altezza è 540. La scala è direttamente nel seminterrato senza alcuna porta o divisorio, è parte integrante della stanza. Calcolando l'altezza media, si supera tranquillamente i 270
Scusa, ma stai cercando di capire come funziona il recupero interrati oppure stai spostando la tua domanda sull'analisi di un progetto che hai in corso?. Non si può rispondere a questo perchè bisogna guardare la documentazione e analizzare cosa c'è da fare. Adesso l''unica risposta che puoi prendere di certo è che qualunque sia l'altezza o la profondità del locale/i, rimane sempre scantinato e non taverna.
 
Ultima modifica:

Anarchi60

Membro Attivo
Professionista
Cosi come lo descrivi sembra un gioco a 3 dove si possa fare tutto quello che passa per la mente. E le previsioni dello strumento urbanistico vigente? Nella migliore delle ipotesi è una variazione d'uso tra diverse categorie catastali. E ovviamente tu saprai cosa implica, ...... giusto?
Purtroppo non è nessun gioco, ne a tre ne altri, e nessuno può fare quello che vuole, è una leggere che personalmente non ho mai approvato e che ho tanto contestato, ma questa è la legge regionale e per fortuna la modifica apportata con la LR 22/17 ha messo alcuni paletti fondamentali, che hanno ridotto le obrobrietà che si stavano partorendo nel territorio.
Strumenti urbanistici (PGT NTA PDR ecc.) ne prevedono la fattibilità dove sia possibile, così come le variazioni catastali, ecco perchè adesso per un immobile bisogna fare due schede, una per l'appartamento e l'altra per la cantina, come voluta dall'ADT.
So bene cosa implica e quali conseguenze per chi va ad abitare, ma io sono semplicemente un professionista e posso suggerire, ma non vietare, non so se mi spiego.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Non capisco perchè le risposte non mi arrivano x email quando sul mi account tutte le notifiche risultano attive..forse sbaglio qualcosa...ma allora ci vorrebbe un esperto che mi spieghi cosa controllare!
Buongiornop a tutti in merito al plafon cada legge 104 oggi mi è successo che la Banca intesa san paolo ha detto che non sa nulla in merito e altre due banche stessa cosa come si fa? ho provato amandare una mail alla cassa depositi e prestiti per segnalare il problema . grazie a tutti
Alto