• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

teidbuc

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve a tutti,
Spero il topic sia pertinente a questa area.
Mia moglie è intestataria di una abitazione, non percepisce reddito ed è a mio totale carico.
Affitterà l'abitazione con canone concordato a 700 euro mensili (8.400 Euro l'anno).

La domanda è, conviene optare pe la cedolare secca al 10% oppure no ?

Ho letto che sotto i 8.174,00 euro l'anno si sta nella no tax area e che il reddito da affitto in caso di canone concordato va dichiarato decurtato del 30% quindi 8.400 -30%*8400 = 5880. Se ho letto e capito bene e la no tax area si applica ai redditi di solo affitto converebbe optare per ilregime ordinario e non pagare proprio IRPEF

Qualcuno mi può confermare ?

Grazie e Saluti

/Davide
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
Ho l'impressione che tu faccia un po' di confusione. Per il reddito da locazione non esiste alcuna no Tax Area.
L'unica deduzione sull'imponibile è pari al 5% del canone di locazione.
Pertanto con la tassazione ordinaria una locazione di 700 Euro mensili pari a
700 x12 = 8400 € Annui - deduzione 5% = Imponibile € 7980
Imposta 23 % = € 1834.4
+ addizionale regionale e comunale.
Con la cedolare secca
Aliquota ordinaria 21 % = € 8400 x 21 % = € 1764
Con contratto concordato agevolato aliquota 10 % = 8400 x 10 % = € 840.
N.B.
per quanto riguarda l'applicazione del 10% devi dimostrare che il canone di € 700 è congruo.
Quanto alla detrazione dell'imponibile del 30 % , non ha niente a che vedere con la tassazione dell'affitto ma riguarda lIMU e la Tasi.
 
Ultima modifica:

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
La percentuale corretta della riduzione è il 25%
Art. 8, comma 1 della legge n. 431/1998:
Nei comuni di cui all'articolo 1 del decreto-legge 30 dicembre 1988, n. 551, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 febbraio 1989, n. 61, e successive modificazioni, il reddito imponibile derivante al proprietario dai contratti stipulati o rinnovati ai sensi del comma 3 dell'articolo 2 a seguito di accordo definito in sede locale e nel rispetto dei criteri indicati dal decreto di cui al comma 2 dell'articolo 4, ovvero nel rispetto delle condizioni fissate dal decreto di cui al comma 3 del medesimo articolo 4, determinato ai sensi dell'articolo 34 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, è ulteriormente ridotto del 30 per cento. Per i suddetti contratti il corrispettivo annuo ai fini della determinazione della base imponibile per l'applicazione dell'imposta proporzionale di registro e' assunto nella misura minima del 70 per cento.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
ALFONSO LANZARA ha scritto sul profilo di Rosanna Ricci.
Ciao Rosanna ti contatto per l'annuncio del tuo immobile su questo forum. Io rappresento un' agenzia immobiliare. Saresti disponibile a collaborare con noi per la vendita?
Alto