1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. stef79

    stef79 Nuovo Iscritto

    Salve a tutti.
    Domanda su compromesso:
    Sto comprando alloggio...Il mediatore ha registrato la proposta di acquisto/preliminare facendomi pagare le tase di registro e i vari bolli e tasse calcolate sulle somme pattuite (caparra e acconto prezzo)
    Domattina stipuleremo invece il compromesso dal notaio e io provvedero' a pagare ai venditori le somme pattuite nel precedente accordo fatto con il mediatore.
    Quando andro' a registrare il compromesso che stipulero' domani devo ripagare le tasse sulle somme anche se le ho gia' pagate? oppure basta pagare l'imposta di registro e i bolli ogni 100 righe?
     
  2. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Il mediatore sicuramente, ha registrato la proposta di acquisto/vendita, per vedersi riconosciute le sue competenze, nel caso il venditore, o il compratore, si rifiutano di pagare . Con una proposta registrata è più facile prendersi quanto di propria spettanza. Per quanto riguarda, il compromesso dal notaio, non vedo la necessità della registrazione, visto che ormai si è ad un passo dal rogito.
     
  3. Amleto2012

    Amleto2012 Nuovo Iscritto

    Salve, mia madre sta vendendo una casa al mare comprata nel 1966 da un costruttore che stava edificando una lottizzazione con regolare permesso del Comune con tanto di delibera etc. e pianificazione urbanistica. Ha stipulato lo scorso aprile un compromesso preliminare , ma non è stato registrato e sono passati ormai abbondantemente i 20 gg di tempo per registrarlo presso l'agenzia delle entrate. Ho saputo soltanto adesso che la finanziaria per il 2007 prevede tale obbligo. Vorrei sapere a quali conseguenze va incontro in caso di controllo della agenzia delle entrate, tenendo presente che la vendita è tra privati, l'immobile essendo del lontano 1966 non rientra nella casistica delle plusvalenze. E' possibile immaginare che la sanzione riguarderebbe solo la quota parte della tassa di registro (168 euro), considerando poi che nel rogito verranno riportati tutti gli importi effettivi concordati per la vendita (Acconto, caparra e saldo)?. Grazie. Sono preoccupato.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina