• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Domanda pleonastica:

secondo voi è costituzionale che un regolamento comunale per la tassa rifiuti stabilisca di applicare ai NON RESIDENTI (che non hanno nemmeno diritto di voto) un numero d'occupanti basato solo sulla superficie, a prescindere dal nucleo familiare effettivo?
Per altro i "Non Residenti" non possono nemmeno rivalersi .... in occasione delle elezioni amministrative!!!!

Utenza a disposizione: utenza detenuta da soggetti non residenti anagraficamente nel Comune.
Per tali utenze come numero dei componenti è considerato:
- n. 3 fino a 39 mq.
- n. 4 da 40 a 79 mq.
- n. 5 da 80 mq. in su.
A tal fine si considera la superficie delle unità abitative, inclusa la superficie delle pertinenze.

Non è ammessa l’autocertificazione relativa al numero di componenti del nucleo familiare.

Comodo per le entrate comunali considerare 4 occupanti in un bilocale di 40 mq..... per altro utilizzato non più di 15-30 gg/anno!
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Non è ammessa l’autocertificazione relativa al numero di componenti del nucleo familiare.
Questa è irragionevole.
Il criterio contenuto nel regolamento introduce una presunzione semplice. L’applicazione delle presunzioni trova un limite laddove comporti che i proprietari degli immobili si facciano carico di costi manifestamente non commisurati ai volumi o alla natura dei rifiuti da essi producibili.
Il contribuente deve avere la possibilità di dichiarare l'effettivo numero di componenti del proprio nucleo familiare.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Il contribuente deve avere la possibilità di dichiarare l'effettivo numero di componenti del proprio nucleo familiare.
Già: ma è una possibilità che è stata eliminata dal regolamento.
Quanto riportato sopra in corsivo è tratto appunto dal regolamento del Comune interessato. Un vero sopruso oltre che arbitrio.

Secondo te, che azioni possono essere espletate dal singolo contribuente?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Istanza di autotutela.... subito fatta e cassata, pure con arroganza.
Ricorso in commissione tributaria: è una commissione comunale, provinciale, regionale?....
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Ricorso in commissione tributaria: è una commissione comunale, provinciale, regionale?.
Provinciale, in primo grado. Regionale, in secondo grado (per le impugnazioni contro le decisioni della commissione tributaria provinciale).
Con possibilità di ricorso alla Corte Suprema di Cassazione (per le sole questioni di legittimità).
 

vittorievic

Membro Assiduo
Proprietario Casa
secondo voi è costituzionale che un regolamento comunale per la tassa rifiuti stabilisca di applicare ai NON RESIDENTI (che non hanno nemmeno diritto di voto) un numero d'occupanti basato solo sulla superficie, a prescindere dal nucleo familiare effettivo?
non vorrei ricordare male, visto che sono passati 25 anni, ma la C.E. ha scritto da qualche parte che lo smaltimento dei rifiuti bisogna pagarlo a peso di materiale smaltito. Siccome questo comporta lo sconvolgimento del sistema di calcolo della tassa, i nostri governanti hanno pensato di agganciare la tassa alla superficie dell'immobile dove risiede il cittadino: così la professoressa 70enne zitella che abita in 110 mq di appartamento paga di più del giovane filippino che vive con la famiglia di 4 persone in 70 mq.
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Le zitelle producono molta immondizia, è un fatto risaputo. Ed è anche il motivo per cui rimangono zitelle. Il filippino invece ricicla tutto
 

Seth

Membro Junior
Proprietario Casa
A proposito di stranezze TARI... Capita a Napoli di dover pagare il "saldo 2020" entro domani 1° marzo 2021. Il sito del Comune rimanda al calcolatore Tari di Riscotel per importi ed F24. La cosa che mi pare curiosa è che l'F24 del saldo esce senza casella "S" (Saldo) marcata, e rateazione 0101, cioè in pratica è tale e quale all'F24 dell'acconto in unica rata. Per l'acconto avevo usato gli F24 inviati dal Comune, anche questi senza indicazione della "A" di Acconto, con doppia possibilità di pagamento unico 0101 o in tre rate 0103 0203 0303.
Boh, se lo dicono loro...
L'anno scorso se non ricordo male furono quattro rate di acconto da 0101 a 0104 e nessun saldo.
 

vitt1

Membro Supporter
Proprietario Casa
Comodo per le entrate comunali considerare 4 occupanti in un bilocale di 40 mq..... per altro utilizzato non più di 15-30 gg/anno!
ma chi stabilisce il numero dei residenti ? per le residenze principali dovrebbe essere l'anagrafe del comune, anche se gli italiani sanno essere molto creativi quando si tratta di allargare o stringere il nucleo famigliare. Per le seconde case, spesso affittate settimanalmente a consistenti nuclei famigliari, o occupate dai proprietari che invitano legittimamente amici e parenti, come stabilire il numero di occupanti? Il comune di Ravenna calcola il numero di occupanti in base alla superficie dell'appartamento e garantisce, a chi la richiede, una riduzione del 30 % sulla tariffa per l'uso stagionale.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto