1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti.
    Un condomino ha costruito su una porzione del suo terrazzo una tettoia ancorata ai muri perimetrali dell'edificio.
    Qualcuno mi sa dire se poteva farlo o se avrebbe dovuto richiedere qualche tipo di autorizzazione?
    Si potrebbe obiettare che tale manufatto possa agevolare potenziali ladri nell'arrivare ad al
    Allego foto
     
  2. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Certo che si, dall'assemblea prima ed in Comune poi...
     
  3. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    E' certo solo che ha commesso l'errore di non chiedere l'autorizzazione al condominio.
    Infatti l'autorizzazione al Comune potrebbe averla chiesta.
     
  4. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Per saperlo basterebbe andare in Comune.
     
  5. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    L'informazione è pubblica? Non è richiesta quantomeno la delega del proprietario della terrazza?
     
  6. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    In Comune quali dati servono? Non vorrei partire subito con un esposto.
    Grazie
     
  7. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
  8. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Come fa un condòmino a dimostrare di esserlo? In concreto.
     
  9. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Quando il problema è su una parte comune (muro esterno) ed avendone tu diritto come comproprietario ,lo desumi dalle visure catastali o dalla copia dell'atto notorio o da vecchie copie di pagamento delle imposte degli immobili. L'atto notorio comunque le supera tutte. Tu ti presenti negli uffici, compili i mobili che ti richiedono (compresa la residenza) e l'oggetto della tua richiesta. Producendo (portando con te) questi documenti e consegnandoli al Comune non avresti grossi problemi a dimostrare un tuo interesse rilevante, hai capito @jac1.0 ?
     
  10. jac1.0

    jac1.0 Ospite

    Sì, prof! Non ho però compreso quali sono i mobili da compilare. E, in verità, non ho capito bene quale è il documento che prova che due persone appartengono ad uno stesso condominio. Credimi, non ho capito, sono duro di comprendonio, io.
     
  11. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    MODULI non MOBILI.
    Un errore di "stampa", "refuso", "battitura".
    Comunque cappitto ho, che cappitto hai.
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  12. Certificatore

    Certificatore Membro Attivo

    Professionista
    Scusate se mi inserisco cercando di dare un contributo alla richiesta di @tovrm;

    Ha risposto bene @Daniele 78

    In pimo luogo, serve che tu sia un avente titolo, ovvero, essere un condomino oppure delegato di scala, oppure ancora delegato dall'amministratore condominiale.

    I moduli da compilare, per ogni tipo di documento che si richiede di vedere,m si definisce modulo di accesso agli atti; ora ogni comune può chiamarlo diversamente, può essere differente.

    Attraverso l'atto rogitale dove nel suo interno è trascritto la posizione catastale dell'immobile; ovvero Foglio e mappale, dove il primo descrive la posizione dell'immobile nel territorio, la seconda il lotto di terreno; ed infine a questi dati, l'unica differenza sta nel subalterno; che differenzia la posizione all'interno dell'immobile.

    Certamente potete obiettare, ma come si è detto all'inizio, è meglio verificare che abbia presentato richiesta autorizzativa in comune; attraverso il modulo di accesso agli atti. Questa operazione comunque dovrebbe essere posta all'amministratore (se presente) ed è lui che si dovrebbe interessare per il problema esposto; poiché l'irregolarità investe una parte comune "la facciata".
    Infine, come detto bene, da @jac1.0 «... ha commesso l'errore di non chiedere l'autorizzazione al condominio ...»:)
     
    A Daniele 78 piace questo elemento.
  13. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Scusate l'errore di battitura @JERRY48 grazie per la comprensione!
     
    A JERRY48 piace questo elemento.
  14. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti.
    L'amministratore è già stato interessato (ora vediamo cosa intende fare), anche perché il condomino non ha chiesto alcuna autorizzazione (me lo ha detto lui stesso e dunque la fonte è certa) e poi perché se si fa una richiesta di accesso agli atti, viene data comunicazione alla controparte di chi ha fatto tale richiesta. E non è piacevole esporsi da subito in questo modo.
     
  15. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Elenco subalterni del condominio (è un elenco di tutti i subalterni catastali presenti). Per averlo fai una visura all'urbano del mappale (che trovi ai terreni del tuo condominio). Da essa estrai appunto l'elenco subalterni (ci saranno quelli tuoi e di tutti gli altri condomini). Con l'elenco di tutti i numeri catastali (alla prima riunione condominiale) puoi richiedere quelli del tuo vicino dall'amministratore, ovviamente motivando la richiesta.
    Una volta che hai dei dati catastali (e quindi dimostri che l'unità che ha provocato il problema è di...presente li con voi in condomio) puoi risalire alle concessioni edilizie.
    Tieni conto che chi presenta una concessione edilizia è obbligato ad indicare gli estremi catastali dell'edificio (condominio) ed dell'unità privata che va a modificare (naturalmente oltre all'indirizzo).

    molto difficilmente variano i numeri catastali di un condominio ;ad esempio possono variare se fai una variazione in più od in meno delle superfici condominiali esterne oppure fai un ampliamento o demolizione sempre a livello condominiale oppure aggiornamenti d'ufficio dell'Agenzia (per collidere l'identificativo dei terreni con quello dei fabbricati)...in nessun altro caso cambiano.

    Siccome demolire o ampliare un condominio è estremamente raro per non dire quasi impossibile, l'unico modo che fa cambiare l'identificativo catastale urbano può essere SOLO l'aggiornamento d'ufficio dell'Agenzia.
     
  16. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Mi hai anticipato con il tuo intervento...nel post precedente ho indicato una possibilità di come risalire alla proprietà quando neanche l'amministratore è a conoscenza o meno della richiesta del permesso.
     
  17. essezeta67

    essezeta67 Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nel mio comune ogni atto emesso dall'ufficio tecnico (ma anche dagli altri uffici), come una Dia o permesso per costruire, viene pubblicato sull'Albo pretorio on line.
    E' possibile consultare atti emessi anche negli anni scorsi tramite l'Albo pretorio storico.
    Se anche sul sito del tuo comune è possibile fare questo, puoi fare la consultazione e vedere se per il condomino interessato è stato emessa l'autorizzazione comunale.
    Una volta visti gli estremi chiunque, ripeto chiunque, può recarsi in comune a visionare l'autorizzazione, non occorre essere diretti interessati, motivandone la richiesta. Saluti.
     
  18. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    In effetti è così, puoi visionare, ma se vuoi la copia del progetto planimetria devi avere il consenso del proprietario.
     
  19. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Non vedo la foto. La tettoia eventualmente non deve sottostate ad altro terrazzo onde impedire la sottostante vista dallo stesso
     
    A Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  20. Daniele 78

    Daniele 78 Membro Storico

    Professionista
    Se mancasse il consenso del proprietario e tu comunque volessi far valere il tuo diritto di controllare potresti richiedere un sopralluogo all'ufficio tecnico che ovviamente (eventuale concessione alla mano) controllerà le distanze se sono rispettate. In mancanza di titolo concessorio controllerà l'opera con le distanze del PRG e se non espressamente indicate con le distanze da codice civile. A seconda del responso potrà dirti se pur in mancanza di concessione è conforme (ci vorrà una sanatoria per il tettuccio se in quel Comune è richiesta un titolo edilizio ) oppure se l'opera fosse completamente fuori posto sarà (sarebbe in quanto non più possibile) necessario chiedere un condono.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina