1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Buongiorno, in occasione di una compravendita la relazione tecnica dichiara la conformità con lo stato attuale, ma così non è perché esiste una porta tra due proprietà anziché un muro come nella planimetria.
    Può il tecnico inserire una clausola in cui dichiara che non è conforme ma ciò non inficia nè valore catastale nè altri aspetti ed è quindi valida per procedere alla vendita???
    grazie
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    A che scopo è stata redatta la relazione tecnica? Se è relativa alla divisione e all'accatastamento delle unità derivate, i lavori previsti non sono stati eseguiti come preventivati. In questo caso nessuna contestazione può essere avanzata al tecnico. Mentre, se la porta esiste e non appare nell'accatastamento ed è funzionale, è un grosso errore del tecnico. Lo stesso potrebbe essere segnala all'ordine professionale, sarebbe perseguibile penalmente e nell'eventualità che sia stato stipulato un atto traslativo successivamente a tale attestazione, esso è nullo.
     
  3. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    La relazione tecnica è relativa alla conformità catastale o alla conformità edilizia?????
     
  4. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    per la conformità edilizia per essere presentata al rogito.
    il venditore si rifiuta, benché richiesto, di creare un divisorio qualunque e vuole mantenervi la porta, anche se naturalmente senza usarla più, dicendo che così è stata vista....
    le due proprietà sono accatastate separatamente.
     
  5. raffaelemaria

    raffaelemaria Membro Assiduo

    Professionista
    Verifica nella pratica edilizia depositata in comune se la porta è dichiarata e regolarmente autorizzata, se autorizzata è conforme a quanto dichiarato in relazione. La porta comunica ora con due proprietà differenti? e una volta che tu hai acquistato saranno ancora due proprietà differenti? - mettetevi d'accordo tra proprietari e chiudetela se non è gradita.
     
  6. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ho una pianta da cui non si vede la porta. attualmente unisce due unità accastate separatamente ma della medesima proprietà poi diventeranno due proprietà distinte. l'unica, ostinandosi il venditore a non fare interventi, è che quando subentra il nuovo proprietario sigilli la porta, anche se sarebbe meglio tutelarsi chiedendo l'accordo tra le due parti (venditore e acquirente) per questo intervento. che ne dite ?
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Allo stato l'immobile non è regolare in quanto la separazione fra le due unità adiacenti, in corrispondenza della porta comune, non è idoneo come lo sarebbe la muratura di spessore adeguato. Pertanto, l'atto pubblico non sarebbe regolare, anche se esiste l'autorizzazione al frazionamento.
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    come può il tecnico asseverare una porta che esiste, ma non esiste per fare l'atto?
     
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Probabilmente, la relazione tecnica in questione è relativa alla situazione conseguente il progetto di frazionamento. Comunque, i lavori devono essere eseguiti prima della stipula, altrimenti siamo in presenza di un abuso edilizio.
     
  10. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    grazie delle risposte che mi sembrano tutte nella medesima direzione, intanto il venditore vuole fare la diffida ad adempiere per concludere il rogito, trascurando questo piccolo particolare...
     
  11. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ciao, vi aggiorno sulla situazione, i problemi non sono finiti. la parte venditrice sembra stia per realizzare il divisorio richiesto, ma non vuole dividere l'impianto elettrico tra i due locali. di fatto resterebbe l'unico impianto che serve due proprietà con il vecchio (della venditrice) che rimane collegato al contatore preesistente che diventerà del nuovo proprietario. in che termini si può opporre una legittima richiesta di separarli prima del rogito ? non parliamo solo dei consumi ma anche della sicurezza e della responsabilità dell'impianto stesso ...
     
  12. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    qui si sta raschiando il fondo, chiedi la conformità dell'impianto, e chi la rilascia troverà il sistema di regolarizzare il tutto
     
  13. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    hai ragione a dire che si raschia il fondo. non vorrei che la venditrice citasse la formula "dichiara che gli impianti sono a norma dell'epoca in cui sono stati realizzati" presente nel compromesso.
     
  14. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Non capisco, come sia possibile avere un impianto elettrico comune a due unità immobiliari, una delle quali è oggetto di vendita.
     
  15. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    una delle due unità immobiliari, dovrà munirsi di un nuovo contatore
     
  16. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ciao, la venditrice propone che quando si attiva la nuova proprietà io stacchi il suo impianto dal mio contatore e crei il mio nuovo impianto attaccandomi a....
     
  17. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    a al tram
     
  18. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Suppongo che non sia un semplice distacco, ma occorrerà separare i due impianti che potrebbero avere in comune, non solo una linea con il cavo positivo e negativo da interrompere in un punto, eliminando i monconi finali, ma anche delle prese, degli interruttori o deviatori. Anche la linea di messa a terra deve essere autonoma in entrambi le unità immobiliari.
     
  19. asana

    asana Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    ciao, penso di mettere una clausola nel rogito, in modo da uscire da questa situazione assurda, in cui si dichiara che l'acquirente si accolla l'intervento di separazione dei due impianti. che ne dite?
     
  20. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se tu sei l'acquirente non vedo il problema?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina