1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. esselte50

    esselte50 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti,
    gradirei avere la Vostra opinione in merito alla risposta ricevuta dall'amministratore ad una mia richiesta fatta in previsione della prossima assemblea condominiale relativa al periodo gennaio/dicembre 2016.
    Importo spese straordinarie coinvolte 130/150.000 euro.

    1)La risposta ricevuta è contabilmente è corretta? In caso contrario ho il diritto di insistere con la mia richiesta? L'amministratore può rifiutarsi
    2) Se per caso l'amministratore non convoca l'assemblea entro 180 giorni il suo incarico può decadere ...d'ufficio?

    "Egregio Sig.xxx,
    considerando che abbiamo avuto delle spese straordinarie di importo piuttosto rilevante con separata emissione di quote, mi permetto di suggerirle, in modo da permetterterci di esaminare con cura le spese sostenute, che sarebbe oppurtuno eccezionalmente elaborare ed allegare al rendiconto spese condominiali un separato consuntivo a fine lavori correlato da un piano ripartizione i cui dati contabili economici (conguagli) e finanziari (crediti e debiti) troveranno poi indicazione specifica nello stato patrimoniale.

    Mi sembra che i lavori siano finiti, comunque mi è arrivata voce non tutte le fatture sono state pagate nel 2016. Di conseguenza i "lavori." devono considerarsi a cavallo di due esercizi.... e data la situazione "difficile" un consuntivo separato ci permetterebbe di evidenziare immediatamente l'entità del conguaglio e le voci di spesa e di conseguenza sarebbe opportuno trovare provvisoriamente indicati nello stato patrimoniale a fine esercizio soltanto i crediti per le quote emesse da incassare scadute e non e, i debiti per i fornitori da pagare."

    La risposta del' amministratore:
    "
    Le quote delle spese straordinarie non sono state corrisposte da tutti, ma una buona parte è stata oggetto di un finanziamento. Quando avrò avuto il costo a saldo lavori, potrò senz' altro redigere, se lo richiedete, un bilancio a parte. Per intanto le quote di spesa e di accredito andranno a far parte del bilancio del periodo. Dal punto di vista dello sgravio fiscale, è necessaria la redazione di due bilanci dei lavori, anno per anno (come quello che Voi avete già ricevuto per il 2016), mentre dal punto di vista del bilancio condominiale vanno inseriti nel medesimo"
    Ringrazio in anticipo per il Vs. prezioso aiuto e mi scuso se nel caso non ho esposto la sistuazione ... con proprietà.
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sinceramente non capisco i motivi della tua richiesta.
    L'amministratore ti ha risposto correttamente.

    Unica perplessità che non siano stati precostituiti i "fondi" sufficenti per l'intero costo...ma probabilmente c'è una spiegazione (magari sono intervenute varianti o aumenti)
     
  3. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Scusa @Dimaraz , mi puoi spiegare cosa significa la frase dell'Amministratore:
    "Le quote delle spese straordinarie non sono state corrisposte da tutti, ma una buona parte è stata oggetto di un finanziamento."...
    Un Condominio può ricevere un "finanziamento" ?
    Ho sempre abitato o in case singole di proprietà o in piccoli condomini senza amministratore.
     
  4. esselte50

    esselte50 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Grazie Dimaraz, per il tuo riscontro sono d'accordo che l'amministratore mi ha risposto correttamente ma c'è qualcosa che non mi convince. Sarà come dici tu e probabilmente ci sarà una spiegazione Però lui dice anche:
    ...."a saldo lavori potrò redigere, se lo richiederete un bilancio a parte".....
    Con l'importo coinvolto, Io penso che per correttezza, sia d'obbligo da parte di un amministratore fare un rendiconto separato senza che i condomini debbano richiederglielo.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Un Condominio può certamente chiedere ed ottenere un "finanziamento" o un "apertura di credito" (fido)...e la banca sarà molto più disponibile alla concessione visto che il "rischio" sarà garantito da una pluralità di soggetti
    Personalmente sconsiglio tale formula proprio perché non è il caso di farsi garanti di "terzi" anche se 'comproprietari delle parti comuni.
    A maggior ragione se solo una parte dei condomini ha tale necessità.
    Nel caso proposto mancano troppi particolari per dare un commento imparziale.
     
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Mancando la cronistoria completa posso solo rispondere in via generale.
    Non sussiste "obbligo" di presentare un "elaborato/bilancio/estratto conto/riparto" per i soli lavori straordinari.

    Tale documentazione doveva essere prodotta già in fase di deliberazione degli stessi.
     
    Ultima modifica: 18 Giugno 2017
  7. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Grazie @Dimaraz, sono d'accordo con te sul finanziamento. Fattibile in linea teorica ma impraticabile nella realtà, pensiamo solo alla ripartizione degli interessi e delle commissioni bancarie, che imporrebbe la predisposizione di tabelle ad hoc, come nelle gare di canottaggio: condomino "con" e condomino "senza".
     
  8. ACTARUS

    ACTARUS Membro Attivo

    Quando si tratta di spese straordinarie, soprattutto per importi ingenti, é bene decidere di instituire una commissione (in numero dispari) da affiancare all'amministratore.
    In Italia si usa lasciar fare tutto a quest'ultimo, per menefreghismo, ma nei paesi più progrediti sono i condomini che scelgono l'impresa e decidono i lavori. L'amministratore fa quello che gli si dice e basta. Ed é bene nominare un direttore tecnico (architetto o geometra di vostra fiducia - soldi pochi ma ben spesi), che controlli l'impresa e l'esecuzione dei lavori. Così ognuno può stare tranquillo che i conti sono corretti, i preventivi sottoposti all'assemblea e approvati, e che ci sono controlli continui da parte della commissione.
    Guai al pressapochismo; spesso i condomini non si interessano e poi si lamentano...
     
    A Marinarita e alberto bianchi piace questo messaggio.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina