• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fabjjo

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve a tutti,
Nel 1998 ho acquistato la mia casa dove abito 4,5 vani dove risiedo e dove mia madre ha l'usufrutto. Quindi ha sempre pagato mia madre come seconda casa.
Abbiamo sempre pagato tasse e IMU ma ci siamo resi conto qualche mese fa' che la rendita catastale non era corretta. Per farla breve quest'anno facendo un calcolo dell'IMU e richiedendo la visura catastale mi sono accorto che dal 1999 e cioè' circa un anno dopo l'acquisto mi sono stati accollati 2 vani in più' che non esistono. Quindi con un architetto ho fatto aggiornare il tutto e al momento la rendita catastale e' stata riportata a quella corretta come da rogito. Questo scherzetto mi è costato tempo e parcella del' architetto. La mia domanda e' : posso richiedere il rimborso dell'IMU pagata su una rendita che non era corretta. . ? C'è' una procedura da seguire,?
Grazie mille
Fabio Rm
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
Purtroppo in quel caso il Comune non c'entra perché se è intervenuto l'architetto immagino che abbia fatto una modifica della consistenza alle Entrate. Il Comune applica solo delle aliquote sulla rendita catastale che invece per la sua modifica oggi tocca all'agenzia delle Entrate. Anche ai tempi dell'Agenzia del territorio non ho mai sentito una restituzione in questo caso. Però sinceramente non so se con l'avvento delle Entrate è cambiato qualcosa.
 

jac0

Membro Senior
Proprietario Casa
L'ufficio Tributi locali del Comune può darle la risposta, avendo la competenza anche per l'IMU.
 

Daniele 78

Membro Storico
Professionista
L'ufficio Tributi locali del Comune può darle la risposta, avendo la competenza anche per l'IMU.
Più o meno, forse l'Agenzia delle Entrate sarebbe più adatta visto che dipende più da loro, il Comune non può assolutamente decidere sulle rendite o perlomeno senza il benestare dell'Agenzia delle Entrate . Poi per mia esperienza i tecnici comunali ci capiscono un acca di catasto.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Quando tu hai acquistato i documenti erano regolari? Il progetto corrispondeva alla planimetria catastale che ha portato alla definizione della R.C.? Se le risposte sono positive, non capisco come il catasto abbia potuto variare la consistenza. Questa viene adeguata in conformità all'ultima planimetria presentata in catasto. Dalla visura storica dovresti risalire alla motivazione della variazione della consistenza e quindi individuare eventuali responsabilità che ti permetteranno di essere ristorato.
 

1giggi1

Membro Assiduo
Proprietario Casa
Non so se i casi possono essere assimilati, a me il comune però ha rimborsato alcuni anni di ICI pagata in più.
Quando si iniziai a pagare lo feci con una rendita presunta, poi una volta accertata la rendita chiesi il rimborso della differenza ed il comune me la restituì.
Luigi
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto