1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. key

    key Membro Assiduo

    Professionista
    Già diverse persone mi propongono il rent to buy.
    Sinceramente non ho mai approfondito il tema.
    Pongo i seguenti quesiti:
    1)le quote mensili sono soggette a IRPEF o IRES?
    2)Se l'acquirente/conduttore NON paga le quote è soggetto alla 392/78,quindi segue uno sfratto per morosità

    Grazie
     
  2. uva

    uva Membro Senior

    Proprietario di Casa
    1) Presumo che ti riferisci alla parte della quota mensile che rappresenta il canone di locazione (mentre la restante parte costituisce la rata di acconto sul prezzo pattuito per la vendita).
    Se il venditore è un privato, si applica la tassazione prevista per le locazioni. Quindi è anche possibile optare per la cedolare secca.
    Se invece il venditore è un soggetto con partita IVA, dovrà fatturare e registrare il ricavo nella sua contabilità.

    2) In caso di morosità del conduttore/acquirente, il venditore può chiedere la risoluzione del contratto rent to buy.
    Se il moroso non rilascia spontaneamente l'immobile, il venditore deve intraprendere un'azione giudiziaria. Che, da quanto ho capito, è diversa dallo sfratto per morosità; perché il rent to buy è un tipo di contratto completamente diverso dalla locazione.

    Mi ero interessata al rent to buy, poi avevo tralasciato l'argomento perché mi pareva troppo complesso.
    Informazioni utili si possono trovare nella guida del notariato:
    https://www.notariato.it/sites/default/files/Guida_Rent_to_buy.pdf
     
  3. key

    key Membro Assiduo

    Professionista
    Grazie UVA
    Ossia l'acquirente con il rent to buy ti da un cospicuo acconto.
    Poi paga a rate il restante,ma occupando il locale,è come se pagasse un canone di locazione,che fa reddito per il locatore,che quindi ci paga le tasse

    Ne segue che il prezzo di vendita del rent to buy deve essere maggiorato del 50%,perche certamente il venditore rogita al prezzo X al netto di qualsiasi imposizione fiscale,sempre a carico del venditore.
     
  4. moralista

    moralista Membro Senior

    Professionista
    Quando si arriva ad un contratto rend to buy, vuol dire che ci sono problemi con la richiesta del mutuo per l'acquirente, ed il venditore pur di vendere fa da garante, le conseguenze si vedranno tra qualche anno
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina

  1. Questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigare tra queste pagine acconsenti implicitamente all'uso dei cookies.
    Chiudi