• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

fabrizio

Membro Attivo
Buongiorno, nel corso del rifacimento dell'impianto elettrico nell'alloggio di mia mamma ci siamo accorti che lo stabile è privo del cavo di messa a terra condominiale .
Ho sollevato il quesito all'amministratore e lui mi ha risposto che nel 1996 (21 anni fa) l'assemblea aveva deliberato la posa dei differenziali magnetotermici nonostante con rifacimento delle scale avessero comunque fato passare tutte le guaine in modo da predisporre l'impianto in futuro
Posso esporvi le seguenti domande ? :
1) Ho diritto a pretendere che l'amministratore, indipendentemente dal parere dell'assemblea si adoperi affinchè venga fatto passare il cavo di terra considerando che ne và della mia sicurezza?
2) In caso di incidente chi ne risponde civilmente e penalmente ?
3) Avete dei riferimenti normativi riguardo, eventualmente c'è un ente cui dovrei segnalare i fatti?
Grazie a tutti
 
Ultima modifica:

moralista

Membro Senior
Professionista
Devi solo fare una lettera a,r, all'amministratore e renderlo responsabile se non adempie alla messa a terra di tutto il condominio sulle parti comune
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se non vi era obbligo nel '96 non vi è nemmeno adesso ...e ciò vale sia per parti private che per parti comuni purché vi siano i citati differenziali (ben più efficaci di una messa a terra).
 

fabrizio

Membro Attivo
Se non vi era obbligo nel '96 non vi è nemmeno adesso ...e ciò vale sia per parti private che per parti comuni purché vi siano i citati differenziali (ben più efficaci di una messa a terra).
Innanzitutto ti ringrazio per la per la risposta e per la disponibilità che dimostri sempre, riguardo la tua affermazione mi piacerebbe capire meglio poichè, almeno nella parte privata la legge pare preveda soltanto la messa terra (cosi mi è stato detto da due elettricisti interpellati) di parere opposto pure la tuo riguardo i differenziali magnetotermici in sostituzione del filo di terra.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
almeno nella parte privata la legge pare preveda soltanto la messa terra (cosi mi è stato detto da due elettricisti interpellati)
Ti hanno male informato o non vi siete capiti.
La Legge prevede che tutti gli impianti abbiano la "messa a terra" ma ciò vale solo per gli edifici costruiti dopo del 1990.
Per quelli precedenti, come affermi essere il tuo, sono previsti solo adeguamenti minimi (i citati differenziali e prese a norma).

Solo in caso di ristrutturazioni edilizie si devono rifare gli impianti adeguando anche la messa a terra.
 

fabrizio

Membro Attivo
Ti hanno male informato o non vi siete capiti.
La Legge prevede che tutti gli impianti abbiano la "messa a terra" ma ciò vale solo per gli edifici costruiti dopo del 1990.
Per quelli precedenti, come affermi essere il tuo, sono previsti solo adeguamenti minimi (i citati differenziali e prese a norma).

Solo in caso di ristrutturazioni edilizie si devono rifare gli impianti adeguando anche la messa a terra.[

Grazie Dimaraz, in concreto però ti espongo la mia situazione:
Condominio costruito anni 1960 con differenziali magnetotermici condominiali accettati dall'assemblea nel 1994.
Io, quest'anno quindi corre l'anno 2017 sostituisco l'impianto elettrico completamente (quindi crene guaine fili ecc ) , a lavori finiti apriamo i cassetti di derivazione sul pianerottolo ci sono le guaine ma non passano i cavi di terra quindi impianto finito non c'è la terra e l'alloggio è ubicato al terzo piano.
Sollevo la questione all'amministatore alternativa ... mi suggerisce di allacciare la terra ai tondini di ferro di un pilastro portante in cemento armato, lui dice "si può fare...???" (ma non scrive che si può...) .
Io, ignorante in materia, riferisco al mio elettricista e lui rabbrividisce perchè un lavoro del genere con le normative attuali è impensabile .
Allo stato attuale ho diritto di pretendere che il condominio si adoperi per mettere a norma l'edificio o almeno mi permetta di far passare il mio cavo di scarico a terra come normativa prevede, anche a mie spese?
Secondo quesito se il mio impianto ha un corticircuito e qualcuno rimanesse danneggiato chi ne risponde ? io oppure chi non mi ha messo nelle condizioni di adeguarmi alla normativa nonostante fosse stato preventivamente informato?
Un grazie del parere
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
"Allo stato attuale ho diritto di:
1)pretendere che il condominio si adoperi per mettere a norma l'edificio o almeno
2)mi permetta di far passare il mio cavo di scarico a terra come normativa prevede, anche a mie spese?"
No la prima ...si la seconda.

"Secondo quesito se il mio impianto ha un corticircuito e qualcuno rimanesse danneggiato chi ne risponde ? io oppure chi non mi ha messo nelle condizioni di adeguarmi alla normativa nonostante fosse stato preventivamente informato?"

Tu....perchè se non ti mettono in condizione di adeguarti devi citarli in causa
(ma dubito che siano tanto stupidi da impedirti o il passaggio di un cavo nelle canale esistenti o di trovare via alternativa).
 

fabrizio

Membro Attivo
"Allo stato attuale ho diritto di:
1)pretendere che il condominio si adoperi per mettere a norma l'edificio o almeno
2)mi permetta di far passare il mio cavo di scarico a terra come normativa prevede, anche a mie spese?"
No la prima ...si la seconda.

"Secondo quesito se il mio impianto ha un corticircuito e qualcuno rimanesse danneggiato chi ne risponde ? io oppure chi non mi ha messo nelle condizioni di adeguarmi alla normativa nonostante fosse stato preventivamente informato?"

Tu....perchè se non ti mettono in condizione di adeguarti devi citarli in causa
(ma dubito che siano tanto stupidi da impedirti o il passaggio di un cavo nelle canale esistenti o di trovare via alternativa).
Ciao Dimaraz volevo ancora ringraziarti, ho seguito il tuo consiglio, di fronte ad una formale richiesta scritta mi è stato concesso: sia di utilizzare i cavidotti condominiali per fare passare il mio cavo di terra sia di posizionare un mio dispersore (puntazza) nei fondi del palazzo, affinchè l'impianto sia a norma.
:)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto