• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Francesco Brunetti

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Buongiorno a tutti
Volevo condividere un caso alquanto articolato.
Luigi (vedovo) viene a mancare. Paolo, Alberto e Franco sono gli unici figli.

Luigi lascia un testamento che viene pubblicato e che prevede L estrazione di tre lotti a favore dei tre figli da fare a cura del notaio. L estrazione non viene mai eseguita dal notaio e due figli, di propria iniziativa, presentano una dichiarazione di successione che pur citando il testamento attribuisce la comproprietà di tutto ai tre fratelli. Poi volturando i relativi beni immobili in comproprietà.
Ora i due fratelli che hanno pagato le imposte (totali) hanno promosso due (uno ciascuno) decreti ingiuntivi a danno del terzo fratello per il rimborso di talk oneri e relative spese legali. Tali decreti sono stati emessi e dichiarati immediatamente esecutivi dal tribunale.
È bene rilevare che il terzo fratello (debitore) è ancora un chiamato alla eredità.
Domande
1. È possibile opporsi a tale decreto facendo riferimento che tale presunto debito deriva da una dichiarazione non corretta in quanto non coerente con il testamento ?
2 come è possibile invalidare tale dichiarazione ?
3 il chiamato è sempre obbligato al pagamento delle spese di successione anche se ancora non ha accettato e con massa indeterminaata ?

Grazie per chi riesci a indicare eventuali norme precise
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Se il chiamato non accetta l'eredità, non è obbligato. Se l'accetta, è obbligato. La rinuncia può essere anche tacita, se non ci si serve del bene da ereditare...
 

Francesco Brunetti

Membro Ordinario
Proprietario Casa
Ci sono più sentenze che dicono che il chiamato all eredita è obbligato a pagare la tAssa di successione, non le altre imposte del de cuius ma la tassa di successione si. In questa fattispecie è una tassa nata da una dichiarazione anomala quando meno. Che dite?
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
1. È possibile opporsi a tale decreto facendo riferimento che tale presunto debito deriva da una dichiarazione non corretta in quanto non coerente con il testamento ?
prima sarebbe interessante capire il motivo per il quale il notaio che ha pubblicato il testamento non ha provveduto al sorteggio.
Opporsi ad un decreto ingiuntivo è più che legittimo la validità del motivo la stabilirà il Giudice .
Tuttavia mi sembra di aver capito che le disposizioni testamentarie non indicano precisamente quali beni vadano a chi: in pratica il testante ha fatto tre pacchetti più o meno di identico valore ma non ha detto a quale dei tre figli è destinato ogni singolo pacchetto.
Quindi l'atteggiamento di due dei tre fratelli di volturare, credo in parti uguali, la comproprietà di tutti i beni non è sbagliato: nel momento dello sciglimento della comproprietà si potrà o dovrà seguire il sorteggio previsto dal testatore, tenendo conto di non ledere la quota legittima di ciascuno dei legittimari chiamati all'eredità. Così verranno rispettate le volontà testamentarie, eventualmente correggendole.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
il chiamato all eredita è obbligato a pagare la tAssa di successione
L'imposta (e non "tassa") sulle successioni (e donazioni) si applica ai trasferimenti di beni e diritti per successione a causa di morte (e ai trasferimenti di beni e diritti per donazione o altra liberalità tra vivi).
Se un chiamato non diventa erede, non gli si trasferiscono beni e diritti.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Anche quello non proverebbe la proprietà.
ma non puoi sempre limitare i tuoi interventi di contradditorio senza spiegare!!!!!! In questo forum si è sempre sostenuto che l'unica attestazione comprovante la proprietà di un bene immobile è quello che risulta presso la ex Conservatoria dei Registri Immobiliari.
 

plutarco

Membro Ordinario
Proprietario Casa
ma non puoi sempre limitare i tuoi interventi di contradditorio senza spiegare!!!!!! In questo forum si è sempre sostenuto che l'unica attestazione comprovante la proprietà di un bene immobile è quello che risulta presso la ex Conservatoria dei Registri Immobiliari.
Infatti.. Quanto detto da @Nemesis è falso, perché se la conservatoria non provasse la proprietà, potrebbe anche essere eliminata!!!
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
In questo forum si è sempre sostenuto che l'unica attestazione comprovante la proprietà di un bene immobile è quello che risulta presso la ex Conservatoria dei Registri Immobiliari.
Questo non è garanzia della verità.
Nel caso di acquisto a titolo oneroso, non basta l'atto di compravendita trascritto, ma occorre la prova di aver ricevuto il diritto di proprietà da chi ne era il legittimo titolare, fino a giungere al primo e incontestabile proprietario da cui è sorto il diritto in questione (almeno fino a venti anni prima). Oppure dimostrando l'avvenuto acquisto a titolo originario.
Ma, nel caso in discussione, non basta certamente la dichiarazione di successione, ancorché trascritta, a far assumere la qualità di erede a uno dei chiamati indicati nella dichiarazione stessa e nella richiesta di volture catastali.
 
Ultima modifica:

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Perché è stato incaricato per eseguire la sola pubblicazione.
Giustissimo. Però io di questi Notari che pubblicano indistintamente tutti i testamenti in qualsiasi modo siano fatti incomincio ad essere stufo. Ci dovrebbe essere nel Registro dei Testamenti una sorta di limbo nel quale i testamenti non chiari vengono conservati fino al chiarimento o alla attuazione delle disposizioni testamentarie. Nel caso specifico il testante ha raggruppato in tre pacchetti, uno per ogni figlio, i suoi beni; poi non da indicazioni a chi devono andare i pacchetti ma scrivere di sorteggiarli. Secondo me manca l'indicazione dei beneficiari di ogni pacchetto quindi le disposizioni testamentarie sono incomplete.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Le richieste non devono essere pubblicate nel box. Questo box può essere utilizzato per indicare una frase di accompagnamento ai messaggi.
buonasera..allo stato attuale abito con mia madre ..sono disoccuppata.
Quando mia madre sarà defunta questa casa dovrò dividerla con mio fratello.
Mio fratello percepisce una pensione di invalidità e ha un amministratore di sostegno.
Nel corso di questi anni mia madre ha accumulato debiti e quindi in caso di successione si ripercuoterà sugli eredi.
io posso decidere di pensarci se accettare l'eredità?quanto tempo?
Alto