1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. asialuna

    asialuna Nuovo Iscritto

    Stiamo realizzando dei lavori di ristrutturazione e si è presentato il problema gas.
    E' obbligatoria l'apertura di fori di areazione e ventialzione nel caso di cucine a gas? Ci sono delle responsabilità del proprietario nel caso in cui detti fori non fossero presenti?
    Se l'inquilino avesse cucine a gas non dotate di termocoppia dovrò far fare una apertura più grande?
     
  2. tonio170555

    tonio170555 Membro Attivo

    Certo! il tutto è regolato dalle normative in vigore.
    A cui gli installatori e i collaudatori hanno normative ben precise e daranno il loro assenso quindi bisogna attivarsi alle aperture di areazione.


    tonio
     
  3. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Per quanto ne so io ...
    Le norme si basano sulla UNI 10738 con riferimento al DPR 218/98.
    Il foro di ingresso (parte bassa della parete) consente l'ingresso di aria pulita e ossigenata.
    La dimensione dell'apertura deve essere di 100 cm² in presenza di fornelli a gas con dispositivo di sicurezza contro lo spegnimento accidentale e 200 cm² in presenza di apparecchi che ne siano sprovvisti.
    Il foro di espulsione dei fumi (cappa aspirante) si consiglia almeno 120 mm di diametro.
    Sulla responsabilità del proprietario non ci piove, anche se la cucina la installa l'inquilino, sempre che questo rispetti le normative in vigore.
    Infatti se un impianto a noma viene manomesso o modificato dall'inquilino senza il consenso del proprietario, quest'ultimo non può ritenersi responsabile.
    Pertanto è consigliabile, nel contratto di locazione, inserire una clausola specifica che vieti la modifica di impianti esistenti senza il preventivo consenso del locatore e preveda, in caso di assenso, la supervisione di un tecnico abilitato il quale, a spese dell'inquilino, dovrà redigere un nuovo certificato di conformità assumendosi la responsabilità dei lavori eseguiti.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina