• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

ogpls

Membro Attivo
Alla risoluzione del contratto di affitto,nel caso l'inquilino non abbia versato tutte le spese condominiali dovute, il proprietario può trattenere a titolo di indennizzo la cauzione versata alla stipula del contratto?
 

ogpls

Membro Attivo
ho letto lo stralcio...in cosa consiste la domanda giudiziale per attribuzione?? bisogna pagare un avvocato?qual'è L'iter burocratico?
 

alberto bianchi

Membro Storico
Proprietario Casa
domanda giudiziale
Significa che devi rivolgerti, tramite avvocato, al Tribunale per far valere i tuoi diritti.
Prima di arrivare a tale decisione sarebbe meglio pervenire ad un accordo bonario con l'inquilino per evitare spese, perdita di tempo e mal di fegato.
Altri forumisti, che hanno avuto svariate esperienze in merito, potranno darti utili consigli.
 

uva

Membro Senior
Proprietario Casa
il proprietario può trattenere a titolo di indennizzo la cauzione versata alla stipula del contratto?
Il deposito cauzionale è costituito a garanzia di tutte le obbligazioni del conduttore, compreso il pagamento degli oneri accessori (spese condominiali).
Quindi a fine locazione il locatore può trattenere dalla cauzione quanto dovuto per conguagli a debito dell'inquilino: non si tratta del risarcimento di un danno, ma del pagamento di somme arretrate.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Il deposito cauzionale è costituito a garanzia di tutte le obbligazioni del conduttore,
aggiungerei solo che se il conduttore è moroso trattenere gli affitti non pagati dal deposito cauzionale è un fatto automatico al quale il conduttore, essendo in difetto, non può opporsi.
Diverso è il discorso su trattenere il deposito cauzionale a risarcimento dei danni provocati dal conduttore all'immobile: nel caso in cui l'inquilino concorda sull'importo dei danni fatti all'immobile, il locatore può trattenere tutto o in parte l'importo della cauzione ed eventualmente il locatario integrerà il saldo.
Nel caso in cui l'inquilino contesti l'importo il locatore non può trattenere la cauzione: la deve restituire ed iniziare una causa presso l'istituto della Mediazione per vedersi riconosciuto l'importo dei propri danni. Se poi il locatario respinge la mediazione dovrà rivolgersi, a secondo dell' importo richiesto, o al Giudice di Pace o al Giudice del Tribunale Civile. Mentre in Mediazione ci si può andare anche senza assistenza legale presso il Giudice di Pace e presso il Tribunale Civile ci vuole l'assistenza legale.
 

loger

Membro Attivo
Proprietario Casa
salve a tutti! anche io mi trovo in questa scomoda situazione. L'inquilino da circa 45 gg è andato via e contesta all'amministratore condominiale gli importi a suo carico. L'amministratore ha già risposto e ha fornito le cifre attribuite a loro ( riservandosi un consuntivo finale a chiusura bilancio luglio 2019). Nel frattempo tramite un legale mi invia raccomandata per avere indietro la cauzione versata e da me ancora trattenuta. La differenza delle somme è di circa 200 euro superiore a carico delle spese condominiali. Il legale della mia associazione piccoli proprietari mi invita a rispondere personalmente all'avvocato della controparte comunicando e documentando che ho eseguito pagamento delle sue spese tramite bonifico per le somme corrispondenti alla cauzione...che ne pensate? devo avviare obbligatoriamente domanda giudiziale per attribuzione delle somme in questione? Grazie .
P.S. Invio lettera del legale .
 

loger

Membro Attivo
Proprietario Casa
Scusate per l'inesperienza. Come posso rimediare? Chiedo all'amministrazione del sito la sua eliminazione. Grazie.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
Alto