1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. ancal

    ancal Nuovo Iscritto

    Un terreno è stato rivalutato con una perizia giurata e pagata la relativa imposta sostitutiva del 4%, in base ad un piano regolotore che prevedeva una certa edificabilità - giugno 2005 - Successivamente perde circa un 30% di quella edificabilità, che aveva giustificato la rivalutazione, quindi il valore ovviamente scende di conseguenza. Come bisogna comportarsi ai fini della vendita, per non incorrere in sanzioni?
     
  2. Il prezzo di vendita sarà stabilito in base all'indice di edificabilità del momento del passaggio di proprietà, quindi è logico che sia ridotto rispetto al momento della perizia giurata. Anche nell'eventualità di un accertamento, potrai benissimo documentare la diminuzione del valore in base alle modifiche del piano regolatore. Ciao
     
  3. ancal

    ancal Nuovo Iscritto

    Il problema maggiore e' che, almeno secondo quanto risulta dalla giurisprudenza fiscale, non puo' essere preso come riferimento ai fini della plusvalenza il valore della perizia, bensi' il valore storico!
    Desidererei avere chiarimenti in merito a questa apparentemente illogica interpretazione degli uffici fiscali.
    Grazie, Antonio Calabro
     
  4. La plusvalenza (articoli 67 e 68 T.U.I.R.) è costituita dalla differenza tra i corrispettivi percepiti e il prezzo di acquisto del bene ceduto, aumentato di ogni altro costo inerente il bene medesimo. Quindi se il prezzo che verrà indicato sul rogito di vendita rispecchia il valore del terreno in quel momento, non vedo problemi di accertamento.
     
  5. ancal

    ancal Nuovo Iscritto

    non sono preooccupato dell' accertamento. Bensì della plusvalenza, che verrà tassata non tenendo conto della perizia. su di un valore periziato dica. 500.000 euro ed un tributo già versato di 20.000 euro, (4%) già dal 2005, nonché relativa ICI su tali valori, oggi dovendolo vendere a ca. 300.000 euro, perché nel piano attuativo è stata ridotta sia la edificabilità che la destinazione, va considerata la plusvalenza come se la rivalutazione ed il relativo pagamento della tassa non avessero avuto luogo. Questo è il problema a cui vorrei trovare una soluzione!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina