• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

zanto

Membro Attivo
Proprietario Casa
buongiorno,
nel mio condominio alcuni proprietari hanno chiuso dei terrazzi, che avevano comunque una copertura, creando così una stanza in più.
È giusto chiedere la revisione dei millesimi?
grazie
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
Abusivamente presumo
Comunque la revisione delle tabelle dei millesimi, costa circa da 100 a 300 euro ad appartamento, ed è a carico di chi la richiede
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
È giusto chiedere la revisione dei millesimi?
Tali valori possono essere rettificati o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, con la maggioranza prevista dall'articolo 1136, secondo comma, del codice civile, nei seguenti casi:
1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;
2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incremento di superfici o di incremento o diminuzione delle unità immobiliari, è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Abusivamente presumo
Comunque la revisione delle tabelle dei millesimi, costa circa da 100 a 300 euro ad appartamento, ed è a carico di chi la richiede
La revisione delle tabelle millesimali di tutto il condominio è a esclusivo carico di chi è CAUSA della variazione.

Qui comunque ci sono un po' tutte le casistiche:


La modifica delle tabelle millesimali in giudizio
Un solo condomino o più condomini dunque possono agire in giudizio per richiedere la revisione delle tabelle millesimali sulla base dei presupposti sopra elencati. La riforma sul condominio ha introdotto per tali casi una novità di non poca rilevanza pratica. Ci riferiamo alla previsione secondo cui, ai sensi dell’articolo 69 delle disposizioni attuative “Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali espressi nella tabella millesimale allegata al regolamento di condominio ai sensi dell’articolo 68, può essere convenuto in giudizio unicamente il condominio in persona dell’amministratore”.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
In pratica il singolo condomino che contesta le tabelle millesimali modificate a causa di qualcuno che chiudendo il balcone si è creato una stanza in più, deve agire in giudizio ossia affidare la pratica a un legale che citerà il Condominio rappresentato dall'amministratore pro tempore.
===
La ragione per cui in certe palazzine come la mia si creano delle "arlecchinate" pazzesche (ognuno chiude a modo suo: chi con griglia a rombi, chi con vetrata, e così via), è che bisogna PAGARE UN LEGALE per dare il via al tutto, e CITARE IN GIUDIZIO IL CONDOMINIO.
Se uno nel condominio ci deve vivere, non so quanto gli può convenire.
 

zanto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Abusivamente presumo
Comunque la revisione delle tabelle dei millesimi, costa circa da 100 a 300 euro ad appartamento, ed è a carico di chi la richiede
In pratica il singolo condomino che contesta le tabelle millesimali modificate a causa di qualcuno che chiudendo il balcone si è creato una stanza in più, deve agire in giudizio ossia affidare la pratica a un legale che citerà il Condominio rappresentato dall'amministratore pro tempore.
===
La ragione per cui in certe palazzine come la mia si creano delle "arlecchinate" pazzesche (ognuno chiude a modo suo: chi con griglia a rombi, chi con vetrata, e così via), è che bisogna PAGARE UN LEGALE per dare il via al tutto, e CITARE IN GIUDIZIO IL CONDOMINIO.
Se uno nel condominio ci deve vivere, non so quanto gli può convenire.
In pratica il singolo condomino che contesta le tabelle millesimali modificate a causa di qualcuno che chiudendo il balcone si è creato una stanza in più, deve agire in giudizio ossia affidare la pratica a un legale che citerà il Condominio rappresentato dall'amministratore pro tempore.
===
La ragione per cui in certe palazzine come la mia si creano delle "arlecchinate" pazzesche (ognuno chiude a modo suo: chi con griglia a rombi, chi con vetrata, e così via), è che bisogna PAGARE UN LEGALE per dare il via al tutto, e CITARE IN GIUDIZIO IL CONDOMINIO.
Se uno nel condominio ci deve vivere, non so quanto gli può convenire.
grazie per le informazioni
che assurdità dover adire a vie legali per una questione di questo tipo!
figuriamoci poi se l'assemblea, nella quale ci saranno anche i proprietari in questione, accetterà la revisione e chi ha fatto le variazioni accetterà di sostenere anche delle spese!
come al solito chi commette degli abusi l'ha sempre vinta!
 

BeppeX88

Membro Attivo
Proprietario Casa
grazie per le informazioni
che assurdità dover adire a vie legali per una questione di questo tipo!
figuriamoci poi se l'assemblea, nella quale ci saranno anche i proprietari in questione, accetterà la revisione e chi ha fatto le variazioni accetterà di sostenere anche delle spese!
come al solito chi commette degli abusi l'ha sempre vinta!
Segnali in comune l'abuso, non devono neanche entrare in casa, lo vedono da fuori. Ma come sempre non ci si vuole esporre, meglio lasciare tutto così e lamentarsi alle spalle
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
Segnali in comune l'abuso, non devono neanche entrare in casa, lo vedono da fuori. Ma come sempre non ci si vuole esporre, meglio lasciare tutto così e lamentarsi alle spalle
Il problema è che poi in un condominio uno ci deve vivere. Se hai venduto casa, il giorno in cui hai fatto il rogito e hai preso i soldi puoi anche divertirti a fare la segnalazione, ma a che pro? A cosa servirebbe?
E finché lì ci devi stare, non dici niente perché hai paura delle ovvie ritorsioni.
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
grazie per le informazioni
che assurdità dover adire a vie legali per una questione di questo tipo!
figuriamoci poi se l'assemblea, nella quale ci saranno anche i proprietari in questione, accetterà la revisione e chi ha fatto le variazioni accetterà di sostenere anche delle spese!
come al solito chi commette degli abusi l'ha sempre vinta!
Purtroppo è così. Comunque l'assemblea non deve accettare la revisione! Sei tu che DENUNCI IL CONDOMINIO NELLA PERSONA DELL'AMMINISTRATORE PRO TEMPORE, perché ci sono abusi e l'amministratore non ha imposto il ripristino dello stato ante operam o, in alternativa, la revisione delle tabelle millesimali A SPESE DI CHI HA COMMESSO L'ABUSO ampliando la propria porzione immobiliare senza chiedere permessi né al condominio né in comune.
E' una vera e propria causa legale, nel frattempo però immagina come ti trattano i condomini: hai costretto il condominio a spendere dei soldi per una causa, il denunciato ce l'ha a morte con te perché per colpa tua deve o ripristinare pagando un botto, o far rifare la tabella millesimale a sue esclusive spese....
Sì, chi commette abusi l'ha sempre vinta.
E credo che le segnalazioni anonime in comune non vengano minimamente prese in considerazione.
 

zanto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Segnali in comune l'abuso, non devono neanche entrare in casa, lo vedono da fuori. Ma come sempre non ci si vuole esporre, meglio lasciare tutto così e lamentarsi alle spalle
la Sua risposta e commenti esulano dalla mia specifica richiesta di informazioni sulla revisione dei millesimi
grazie
 

zanto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Purtroppo è così. Comunque l'assemblea non deve accettare la revisione! Sei tu che DENUNCI IL CONDOMINIO NELLA PERSONA DELL'AMMINISTRATORE PRO TEMPORE, perché ci sono abusi e l'amministratore non ha imposto il ripristino dello stato ante operam o, in alternativa, la revisione delle tabelle millesimali A SPESE DI CHI HA COMMESSO L'ABUSO ampliando la propria porzione immobiliare senza chiedere permessi né al condominio né in comune.
E' una vera e propria causa legale, nel frattempo però immagina come ti trattano i condomini: hai costretto il condominio a spendere dei soldi per una causa, il denunciato ce l'ha a morte con te perché per colpa tua deve o ripristinare pagando un botto, o far rifare la tabella millesimale a sue esclusive spese....
Sì, chi commette abusi l'ha sempre vinta.
E credo che le segnalazioni anonime in comune non vengano minimamente prese in considerazione.
infatti....
a me sembrava giusto rifare i millesimi visto che qs signori si ritrovano con una stanza in più e che i loro millesimi di proprietà dovrebbero appunto corrispondere allo stato reale della situazione....
se la citazione è l'unica via percorribile non capisco perché l'amministratore abbia messo nell'odg della prossima assemblea "revisioni millesimi: discussione e delibera"
grazie per le spiegazioni!
 

possessore

Membro Storico
Proprietario Casa
se la citazione è l'unica via percorribile non capisco perché l'amministratore abbia messo nell'odg della prossima assemblea "revisioni millesimi: discussione e delibera"
Forse l'amministratore tenta di risolvere in modo pacifico la questione della tabella millesimale modificata da coloro che hanno commesso abusi ampliando la loro proprietà privata senza chiedere permessi né al condominio né in comune.

Per "risolvere in modo pacifico" significa che magari nomineranno a maggioranza un geometra che, A SPESE DI TUTTO IL CONDOMINIO, rifarà la tabella millesimale (bada bene: non a spese di chi ha causato la modifica, come legalmente dovrebbe essere!).

Se a maggioranza a tutti sta bene pagare il geometra ognuno in base ai propri millesimi (colonna "proprietà generali", valore millesimale di ogni proprietario), siccome anche questa delibera è ingiusta, anche qui ci sono 30 giorni per impugnarla ma serve pagare un legale.

Siamo sempre alle solite, il legale per una letterina costa 600 Euro, e forse conviene pagare il geometra pro quota per rifare la tabella, piuttosto che spenderne 600 per un avvocato più i soldi per la causa (i 600 euro sono solo per l'ingaggio iniziale, ovviamente).
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
come al solito chi commette degli abusi l'ha sempre vinta!
Questo è dovuto alla solo inerzia di chi doveva agire, amministratore in primis e condòmini poi.
Chi ha commesso quegli abusi oltre a commettere un reato edilizio sottraendovi eventuali cubature residue ha leso anche il decoro architettonico dell'intero edificio.
Ebbene, ricordarlo a chi è l'effettivo responsabile
 
Ultima modifica:

zanto

Membro Attivo
Proprietario Casa
Questo è dovuto alla solo inerzia di chi doveva agire, amministratore in primis e condòmini poi.
Chi ha commesso quegli abusi oltre a commettere un reato edilizio sottraendovi eventuali cubature residue ha leso anche il decoro architettonico dell'intero edificio.
Ebbene, ricordarlo a chi è l'effettivo responsabile
purtroppo ognuno si sente padrone di fare quello che più gli aggrada...la correttezza non va più di moda...e praticamente in nome della liceità bisognerebbe essere sempre in guerra con quasi tutti quelli che ci circondano....
devo specificare che per fortuna qs terrazzi non sono aggettanti ed hanno una conformazione un po' particolare, praticamente hanno 2 pareti piene opposte e due affacci anche loro contrapposti e hanno un soffitto, praticamente un parallelepipedo con due lati aperti, quindi chiudendo le parti aperte con dei vetri si crea una stanza.
ciò non toglie che chiudendo si va a modificare l'estetica della facciata....
che almeno per qs spazi in più pagassero più millesimi mi sembrerebbe giusto 😉
 

marcanto

Membro Assiduo
Professionista
purtroppo ognuno si sente padrone di fare quello che più gli aggrada..
In condominio non dovrebbe essere cosi, se succede è per inerzia degli altri o per loro stessa ignoranza dei propri diritti

In merito alle chiusure: E si, con quella conformazione è stato semplice chiudere e ricavarne altro ambiente da usare.
Ma non toglie che sia un abuso edilizio e urbanistico: incremento di volume
Anche legittima la richiesta di modifica delle tabelle, attribuendo a loro altri millesimi
 
Ultima modifica:

chiacchia

Membro Senior
Proprietario Casa
è alterato per più di un quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare anche di un solo condomino. In tal caso il relativo costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione.
Le leggi esistono e andrebbero applicate, quanto suggerito da Nemesis stai sicuro che è corretto ma vai su internet scaricati tutto quello che ti serve presentati alla riunione condominiale con dati di fatto è spiega a chi ignora, cosa prevede la legge, se incominciano a fare storie fai mettere a verbale scritto in chiaro che non vuoi essere coinvolto in cose non legali, firmi e puoi anche abbandonare la riunione più di cosi non puoi e chiedi una copia del verbale su quanto sarà deciso, poi con calma valuterai se ti conviene andare in causa o no.
Purtroppo se la maggioranza decide di fare in un certo modo le leggi in Italia non vengono applicate ma discusse e ricordati che ci sono almeno tre gradi di giudizio che costano un tantino, il telegiornale questa mattina ha detto che il governo si è scocciato di risarcire le decisioni sbagliate dei giudici e che prenderà dei provvedimenti voi ci credete?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto