1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. dragosmool

    dragosmool Nuovo Iscritto

    il contratto sottoscritto con la cifra di 250 euro e regolarmente registrato.lui ne ha un altro che io firmai la prima volta pero alla richiesta di avere una fotocopia mi disse che non l aveva registrato quindi se lo registrava con ritardo avrebbe pagato delle more, a questo punto dico adesso?lui mi risponde ne facciamo un altro e lo registriamo subito cosi partiamo in regola,da qui passano 2 anni io scemo senza richiedere ancora la fotocopia, mi accorgo solo in questi giorni grazie a una discussione con lui di avere un contratto di 250 e ne pago 380 con ricevute firmate da lui e poi il contratto firmato e registrato solo a maggio2011 e non quando ho preso la casa nel febbraio 2010.mi arrabbio ne esce una discussione accesa e lui mi esce fuori con il primo contratto che nn registro di 450 e che l avrebbe fatto l indomani cosi sarai costretto a pagare 450 e di trovarmi una casa entro pochi giorni perche mi avrebbe sfrattato.posso subire questo ricatto se registra il secondo contratto saro d avvero obbligato a pagare 450 senza fare niente ,aiutatemi ho 2 bambini e 1 in arrivo posso vivere con la paura che questo mi sfratti anche se sono stato truffato?
     
  2. masagu

    masagu Membro Attivo

    Non lo farà stai sicuro perché non conviene neanche a lui in quanto dovrebbe pagare le tasse per due anni su quanto non dichiarato. Dato che lui adesso ha regolarizzato non può buttarti via senza un motivo a meno che non sia contemplato nel contratto. Quindi il mio consiglio è continua a pagare regolarmente l'affitto e vedrai che tutto andrà per il meglio. Non ho capito però quanto paghi adesso e quanto c'è scritto nel contratto. Devi pagare quello che c'è scritto nel contratto e non di più.;)
     
  3. masagu

    masagu Membro Attivo

    Puoi stare tranquillo perché non farà mai una cosa del genere non gli conviene..dovrebbe pagare due anni di tasse arretrate e se è furbo non lo farà. Se avete fatto un nuovo contratto paga quello che c'è scritto nel nuovo contratto sii regolare con i pagamenti e vedrai che tutto andrà per il meglio. Non ho ben capito se paghi più di quanto contemplato nel contratto. Devi pagare solo quanto dichiarato in fase contrattuale.;)
     
  4. dragosmool

    dragosmool Nuovo Iscritto

    io pago 380 rispetto al contratto registrato regolarmente che 250 euro.lui mi ricatta con il secondo nn registrato 450eruo mi dice che lo registrera e saro obbligato a pagare dal mese prossimo medesima cifra 450
     
  5. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    quindi paghi una parte in nero......................complimenti al tuo padrone di casa.
    prova a dirgli che sei tu che lo denunci.....................vedi che cambia subito atteggiamento.
    se hai le ricevute di pagamento a 380 euro ed il contratto a 250 euro............e' meglio che sta zitto.
    tu devi pagare 250 euro + l'istat annuo (una sciocchezza) e basta.........................:rabbia::rabbia:
    cmq se vai in causa da un giudice il tuo padrone di casa passa dalla parte del torto...........eccome, e tu rimani in quella casa a 250 euro.
    non bisogna avere paura di denunciare i soprusi.
     
  6. dragosmool

    dragosmool Nuovo Iscritto

    grazie delle risposte .quindi mi conviene denunciarlo se lui mi ricatta di nuovo.possiamo fare una denuncia unita io e mio cognato visto che dopo la discussione avuta con lui ,mio cognato affittuario sempre di un appartamento dello stesso proprietario,andava a chiedere la fotocopia del suo contratto per verificare la sua situazione visto quello che era successo, e il risultato nn cambia mio cognato paga 400 euro ed il contratto registrato e di 270 euro,
     
  7. masagu

    masagu Membro Attivo

    Concordo con quanto detto da ccc1956 e ti esorto a denunciare quando non c'è disponibilità dall'altra parte ma soprattutto quando si vuole fare i furbi. Facci sapere! ;)
     
  8. ugolino99

    ugolino99 Nuovo Iscritto

    Le ricevute che hai firmate dal proprietario con la somma di 380€ come sono? E' specificato che la somma che paghi è per il mese intero o sono generiche? In ogni caso per un eventuale sfratto il padrone dovrà attendere molto tempo e non pochi giorni. Valuta anche la possibilità di denunciare il padrone ricattatore per estrorsione.
     
  9. dragosmool

    dragosmool Nuovo Iscritto

    le ricevute sono fatte in questo modo.il sottoscritto nome proprietario riceve dal sig mio nome la somma di 380 mese in questo caso febbraio quindi specifici al mese corrente e non generici.ma lui puo veramente con il secondo contratto di 450 annullare il primo e farmi pagare la somma citata,
     
  10. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    conta il contratto registrato.d'altronde in giudizio puo' far valere solo quello.con il rischio di venir condannato a restituire i soldi pagati in piu'.comunque e' sempre il giudice che decide.
     
  11. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Vai tranquillo, hai il coltello dalla parte del manico. Soprattutto se il proprietario ha optato per bla cedolare secca e registrato un contratto per un valore inferiore. In caso di denuncia tu verrai premiato e non dovrai pagare 450 euro, nemmeno 380, e nemmeno 250 Euro ma solo 1 terzo della rendita catastale...Verifica, forse scoprirai che devi pagare solo 70/80 euro.
     
    A ccc1956 e dragosmool piace questo messaggio.
  12. dragosmool

    dragosmool Nuovo Iscritto

    ragazzi grazie stavo da 3 4 giorni molto nervoso mi avete tirato un po su grazie mille adesso mi faro assistere e spero di averla vinta grazie a tutti veramente grazie
     
  13. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    ha ragione chi ti suggerisce di denunciare lui. l'agenzia delle entrate sarà sicuramente interessata alla tua storia.
     
  14. 1giggi1

    1giggi1 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ma la questione di pagare la rendita catastale non è solo per i contratti non registrati?
    Qui c’è un contratto registrato e non credo che sia applicabile.
    Ritornando alla questione originaria e cercando di stare nel mezzo degli interessi che sono contrastanti (proprietario ed inquilino) credo che l'inquilino paghi quanto pattuito originariamente (€ 380,00), la questione della registrazione del contratto è si da apostrofare ma non da condannare in toto.
    Spiego il mio pensiero, il proprietario si è dato un preciso obiettivo di rendita dell'appartamento, ossia canoni meno tasse uguale ad "X". Per arrivare a tale "X" si può agire in vari modi, faccio il contratto e lo registro pari ad "X" più le spese, lo faccio di "Y" ed la parte in nero mi consente di arrivare ad "X".
    Non conosco come sono andate le cose al momento della contrattazione e quindi difficile valutare quello che è scritto in un contratto di solito precompilato e quello che a voce è uscito (un contratto può essere anche verbale). Ora pongo una domanda che la fa spesso chi esegue dei lavori: 100 senza fattura o 150 con fattura. Quale è la risposta corretta? E quale sarebbe la nostra risposta?
    Qui almeno una parte del reddito (2 terzi) vengono dichiarati, denunciare il locatore farebbe forse risparmiare una parte dell’affitto (le ricevute sono di € 380,00 somma accettata da entrambi in fase di contrattazione ed a prova di ciò vi è il canone che è superiore al contratto registrato), ma alla scadenza il locatore ci rinnoverebbe il contratto?
    Non mi sento di condannare solo il locatore, anche il locatario ha commesso delle “leggerezze”.
    E’ da capire se tali leggerezze erano necessarie per poter accedere a quell’appartamento (domanda classica fattura o no?) senza le quali il locatario avrebbe dovuto impiegare altro tempo nella ricerca dell’alloggio.
    Non voglio dare una risposta secca, volevo però sottoporvi dei concetti che allargano l’oggetto della discussione.
    Luigi
     
  15. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'unica cosa da fare, tu e tuo cognato, è quella di andare a denunciare tutto all'AdE, ricevute reali e contratto registrato alla mano.
    Anziché la cifra che pagate oggi, vi verrà riconosciuto un nuovo contratto 4+4 al costo annuo pari a 3 volte il valore della rendita catastale, senza possibilità di aumento alcuno per tutti ed 8 gli anni di contratto.

    A che pro trattare oggi con una persona che avrebbe potuto mettersi in regola l'anno scorso, come previsto dalla legge che ha istituito la cedolare secca? Oggi l'unica cosa da fare è denunciare.
     
    A brun piace questo elemento.
  16. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se c'è un contratto registrato il locatore non può rescindere il contratto in modo unilaterale, ha bisogno di una tua lettera in cui avvisi del rilascio dell'immobile o sei disponibile alla risoluzione del contratto per farne un'altro a prezzo maggiorato. In mancanza di ciò il contratto che ha in mano da 450€ per me è carta straccia, inoltre, visto che sul contratto registrato il prezzo pattuito è di 250€ io gli darei quello e basta.
     
  17. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Con la denuncia all'AdE non c'è alcun bisogno di rescindere né di dare disdetta. Il nuovo contratto 4+4 decorre «d'ufficio». Ed il canone sarà molto inferiore anche a quello effettivamente registrato e non soggetto ad aumenti.

    Se punizione deve esserci per chi fa il nero, che sia esemplare: denuncia.
     
  18. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Non vorrei sbagliare ma il contratto d'ufficio mi sembra intervenga solo se si è optato per la cedolare secca, altrimenti altrimenti ci sono le sanzioni della normativa ordinaria
     
  19. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Sbagli, ma mi hai spinto a rivedere la norma ed anch'io devo rettificare alcune affermazioni. Ecco il riferimento e la corretta disciplina.

    Art. 3, comma 8 D. Lgs. 23/2011:
    «8. Ai contratti di locazione degli immobili ad uso abitativo, comunque stipulati, che, ricorrendone i presupposti, non sono registrati entro il termine stabilito dalla legge, si applica la seguente disciplina:
    a) la durata della locazione è stabilita in quattro anni a decorrere dalla data della registrazione, volontaria o d'ufficio;
    b) al rinnovo si applica la disciplina di cui all'articolo 2, comma 1, della citata legge n. 431 del 1998;
    c) a decorrere dalla registrazione il canone annuo di locazione è fissato in misura pari al triplo della rendita catastale, oltre l'adeguamento, dal secondo anno, in base al 75 per cento dell'aumento degli indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli impiegati ed operai. Se il contratto prevede un canone inferiore, si applica comunque il canone stabilito dalle parti
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  20. silvanafabiano

    silvanafabiano Nuovo Iscritto

    Che dire, siete tutti così certi che un giudice darebbe ragione all'inquilino.....
    Chi ha firmato i due contratti ?
    Per accaparrarsi l'appartamento andava tutto bene, ed ora vengono fuori tutte queste problematiche.
    Le ricevute rilasciate dal proprietario di che importo sono, 250,00 o 380,00 ?
    Se le ricevute sono di 250,00 e i rimanenti 130,00 non risultano da nessuna parte, non ti muovere, perderai solo tempo, denaro, e guadagnerai solo : tante tante arrabbiature.
    La tua parola vale quanto quella del proprietario.
    La prassi dei due contratti è molto in uso, non certo una trovata del tuo proprietario....
    Secondo la mia esperienza personale, ti consiglio di valutare bene quello che andrai a fare.
    Se non t'interessa più stare nell'appartamento, fai pure tutte le denunce che vuoi, altrimenti fai finta di niente e tieniti buono il proprietario.

    Instaurare un rapporto conflittuale con il proprietario dell'appartamento in cui si vuol abitare non ha portato mai vantaggi a nessuno e stai certo che troverebbe il modo di mandarti via il prima possibile.
    Anche perchè non ho idea come sia l'appartamento in cui abiti nè la zona, ma 380,00 euro sono veramente
    poco, paga di più mio figlio (universitario) per un monolocale di 35 mq.
    Quando hai firmato i due contratti eri in grado d'intendere e di volere, non dovevi accettare all'ora, o pretendere la copia della registrazione del contratto.
    Valuta bene cosa vuoi fare, perchè con i ringraziamenti dell'Agenzia delle Entrate (ammesso che te li facciano) non si acquisisce un tetto sotto il quale abitare....
    Buona fortuna
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina