1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tuscolo

    tuscolo Membro Attivo

    Ricevo convocazione assemblea per approvazione consuntivo 2010. Trattasi di Amministratrice subentrata da appena un anno. Faccio richiesta di prospetto della gestione patrimoniale (attivito e passivo) per capirci meglio quanto abbiamo in cassa e se ci sono creditori in sospeso. Mi viene detto che non usa farli, non è una società. Ma vi pare giusto??? Posso pretenderlo opponendomi all'approvazione del bilancio??' Anche una specifica dettagliata delle fatture non usa fare ma si limita ad invitarci a prenderne visione nel suo ufficio.
     
  2. Tapinaz

    Tapinaz Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Al momento non risulta alcun obbligo specifico. Alcuni lo fanno altri no.
    In ogni caso il condomino ha diritto di verificare i giustificativi controllando l'avvenuto pagamento dei vari servizi e dei fornitori.

    Aggiunto dopo 26 minuti :

    Ti potrà essere utile sapere che il Disegno di Legge approvato dal Senato e passato alla Camera prevede, tra le altre novità, questa integrazione del 1130 C.C.

    1. Dopo l’articolo 1130 del codice civile è inserito il seguente:
    «Art. 1130-bis. – (Rendiconto condominiale). – Il rendiconto condominiale è redatto con criteri di
    competenza; le voci di entrata e di uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione patrimoniale
    del condominio, ai fondi disponibili ed alle eventuali riserve devono essere espressi in modo da
    consentire l’immediata verifica. Si compone di un registro di contabilità, di un riepilogo finanziario,
    nonché di una nota esplicativa della gestione con l’indicazione anche dei rapporti in corso e delle
    questioni pendenti. L’assemblea condominiale può, in qualsiasi momento o per più annualità
    specificamente identificate, nominare un revisore che verifichi la contabilità del condominio. La
    deliberazione è assunta con la maggioranza prevista per la nomina dell’amministratore e la relativa
    spesa è ripartita fra tutti i condomini sulla base dei millesimi di proprietà. I condomini e i titolari di
    diritti di godimento sulle unità immobiliari possono prendere visione dei documenti giustificativi di
    spesa in ogni tempo e estrarne copia a proprie spese. Le scritture e i documenti giustificativi
    devono essere conservati per dieci anni dalla data della relativa registrazione.
    L’assemblea può anche nominare, oltre all’amministratore, un consiglio di condominio composto
    da almeno tre condomini negli edifici di almeno dodici unità immobiliari. Il consiglio ha funzioni
    consultive e di controllo».
     
  3. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Ti consiglio di inviare una raccomandata formale di richiesta della situazione di cassa alla data di scadenza del rendiconto.
    Questa stessa raccomandata, se inevasa, la farai allegare al verbale per giustificare il tuo voto contrario.

    Il giorno dopo l' assemblea vai da un avvocato ed impugna il rendiconto (vincerai sicuramente).

    Se hai bisogno di aiuto, noi della Community AziendaCondominio siamo tuoi alleati.
     
  4. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

    Se non Le va come lavoro è libero di cambiare casa!
    (Il vero "potere" degli amministratori)


    Spesso ho l' impressione di non essere capito quando parlo di "potere" degli amministratori.
    Per questo motivo ho intenzione di raccontare una storiella che può essere utile per spiegare in che modo un amministratore di condomìnio può godere di privilegi nei confronti dei singoli condòmini, se questi non sono organizzati in un "sistema gestionale" ben definito.

    Immaginiamo ad esempio il sig. Rossi che ha appena acquistato un' appartamento in un condomìnio di medie dimensioni (15/20 proprietari).
    Pertanto, un giorno questo signore riceve la bozza di rendiconto redatta dall' amministratore in carica, ricerca tra i fogli il resto (ossia il totale dei soldi di proprietà del condomìnio rimasti alla data di chiusura della gestione), e che non sia indicato.
    Immaginiamo anche che questo documento sia arrivato in ritardo, diciamo cinque o sei mesi dopo la data di chiusura dell' anno amministrativo.

    Ebbene, questo signore è contrariato....e quindi chiede e ottiene un appuntamento presso lo studio dell' amministratore.

    Di seguito descrivo l' incontro, e faccio il "gioco della verità"...cioè faccio finta che l' amministratore dica quello che pensa davvero:

    • Il Condòmino:
      "Gentile amministratore, mi può dire perchè non è indicato il resto dei soldi del condomìnio alla fine dell' esercizio contabile?"


    • L' amministratore:
      "Prima di tutto moderi il tono e sia gentile!
      Io i conti del condominio li faccio come li ho sempre fatti.
      Mi sembra di aver letto che ci sono delle sentenze che dichiarano l' obbligo di inserire i dati finanziari del condomìnio, ma io non voglio problemi, che ne ho già troppi.
      Se vuole Lei può impugnare la delibera e far causa al condomìnio (Non a me!).
      Pertanto anticiperà cospicue spese legali (Io invece non caccio un' euro! Le spese le paga il condominio al legale di mia fiducia, il quale mi girerà, come sempre, il 20% del compenso percepito come servizio di "procacciatore di affari"), e aspetterà diversi anni la sentenza che "forse" potrà anche perdere.
      Ciò è affare suo.
      Per ciò che riguarda l' assemblea, sappia anche che il sig. Verdi, suo vicino, possiede il 35% del valore di tutta la casa, e il sig. Bianchi, che abita al primo piano, possiede un altro 17% del valore millesimale complessivo.
      Sappia anche che ogni anno a questi signori provvedo a fargli un ottimo regalo per non farli venire in assemblea.
      Pertanto non si disturbi neanche a organizzarsi con gli altri condòmini.
      Anche se lei riuscisse ad avere la totalità degli altri voti del condominio non riuscirebbe a mandarmi via.

      Sappia anche che durante la riunione sarò assai gentile con Lei, ma se Ella alzerà troppo la voce, mi costringerà a cacciarla dall' assemblea.

      Ed ora alzi i tacchi ed esca da questo studio, perchè ho già perso troppo tempo con lei.

      Se proprio non le va il mio modo di lavorare, sappia che può sempre cambiare casa!

      Arrivederci!"
     
    A tuscolo piace questo elemento.
  5. tuscolo

    tuscolo Membro Attivo

    con la convocazione di giugno doer un'assemblea straordinaria e' stato allegato la gestione patrimoniale (che solo io ho richiesto nella recente assemblea ). Noto già incongruenze fra cifra disavanzo e totale saldo conto corrente postale al 31/12/2010. Come posso fare per portarlo a conoscenza di tutti? Non ne posso più pare che i condomini non siano interessati a far quadrare i conti e accettano tutto pur di abbreviare e di chiedere spiegazioni all'amministratore. Ma che succede???'
     
  6. Antonio Azzaretto

    Antonio Azzaretto Membro dello Staff

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina