• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

moralista

Membro Senior
Professionista
Un condomino del 5° e ultimo piano mi ha chiesto di poter utilizzare circa 100 m2 di sottotetto (solaio) per stendere dell'isolamento del suo appartamento, dovendo far deliberare nella prossima assemblea, quali vincoli 8documenti) far firmare per evitare che diventi usucapione:
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Una richiesta di stendere un coibente non mi sembra avere i connotati di un uso continuativo e quindi possibilità di ravvedere usucapione. Per tutelarti stenderete un accordo scritto in cui tu autorizzerai le opere, con distinta di materiale usato, con precisazione dello scopo, "uso di coibentazione termica", e gli darai l'accesso al solo intervento di istallazione. Nel documento codificherai gli accessi di eventuale manutenzione con notifica a te.
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Condivido l'opinione di @Adriano Giacomelli ...solo che farei firmare un documento dove qualcuno si assuma anche la responsabilità della regolarità del materiale dal punto di vista "ignifugo" e dei "carichi" (peso).
 
Ultima modifica:

Gianco

Membro Storico
Professionista
L'usucapione si costituisce con il possesso ventennale con interruzione massima di un anno fra un accesso e l'altro. Il fatto che il materiale sia stato steso sul tuo sottotetto non è manifestazione di possesso, in quanto lo stesso l'hai sempre tu a disposizione.
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
Potrebbe essere che l'accesso sia direttamente dall'appartamento dato in locazione, ma con un documento circostanziato si ovvia al problema.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
OK sono l'amministratore che deve autorizzare i lavori per il coibento, ma devo anche tutelare i condomini di eventuale usucapione del singolo condomino, con quali maggioranze applicare e se necessita uno scritto di impegno registrato
 

Adriano Giacomelli

Membro dello Staff
Proprietario Casa
L'amministratore firma un documento semplice con anche la firma di un rappresentante del condominio, consigliere o presidente di assemblea, e si allega al verbale assemblea.
 

possessore

Membro Senior
Proprietario Casa
Un condomino del 5° e ultimo piano mi ha chiesto di poter utilizzare circa 100 m2 di sottotetto (solaio) per stendere dell'isolamento del suo appartamento, dovendo far deliberare nella prossima assemblea, quali vincoli 8documenti) far firmare per evitare che diventi usucapione:
Avresti dovuto precisare se il solaio è di proprietà di uno dei condomini (proprietà privata) oppure se costituisce bene comune e quindi condominiale.
Se è bene condominiale, per fare i lavori serve l'autorizzazione assembleare con le relative maggioranze e la relativa ripartizione dei costi in base a quanto di regola previsto.
Se è proprietà privata, serve solo l'autorizzazione del proprietario ad accedere solo ed esclusivamente per fare questi lavori di coibentazione, dopodiché la superficie trattata resta sempre e comunque di proprietà del proprietario attuale, è assurdo pensare all'usucapione in questo caso. Di più: il materiale utilizzato (esempio: mattonelle ornamentali) diviene automaticamente di proprietà del proprietario della superficie trattata.

Fate sottoscrivere pure ciò che volete, ma in alcun caso c'è timore di usucapione, per la quale come già scritto servono vent'anni di possesso continuato, con interruzione massima di un anno, con in più l'animus possidendi, e quant'altro previsto dal codice.
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Certo che è un bene comune, se viene autorizzato alla posa del coibento per il suo risparmio energetico, ed per una eventuale revisione dei consumi della dispersione del calore, e per il miglioramento applicato sarà per molto tempo, ecco il dubbio dell'usucapione
 

moralista

Membro Senior
Professionista
purtroppo se si da il possesso e l'utilizzo per il coibento anche più di 20 anni avrà il possesso, a me interessa quale formule utilizzare per far approvare per farlo approvare in assemblea senza perdere il diritto al condominio, ho pensato con una scrittura privata a canone zero e registrarla.
Gianco: sto cercando in locazione, zona Cagliari vicino a centro commerciale alimentare un capannone ad uso commercio con dimensioni oltre 2000 mq. (m3.) se hai qualcosa fammi una telefonata al 3472428611 e/o 035542280 entro fine giugno e/o inizio l'inizio
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Gianco: sto cercando in locazione, zona Cagliari vicino a centro commerciale alimentare un capannone ad uso commercio con dimensioni oltre 2000 mq. (m3.) se hai qualcosa fammi una telefonata al 3472428611 e/o 035542280 entro fine giugno e/o inizio l'inizio
2000 mc o mq ovvero m3 o m2.
Solo alimentare o centro commerciale tipo Conad, Iperpan, Eurospin, ecc. ecc.?
 
Ultima modifica:

moralista

Membro Senior
Professionista
m2-mq. minimo 2000, io parto a meta luglio se ci sono notizie positive possiamo vederci anche prima con l'interessato, l'importante che sia vicino ad un centro alimentare
 

moralista

Membro Senior
Professionista
Se utilizzare una parte di pavimento condominiale da un condomino in esclusivo, non è possesso che cosa è
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se utilizzare una parte di pavimento condominiale da un condomino in esclusivo, non è possesso che cosa è
Una "coibentazione" non è nemmeno utilizzo della parte comune.
E' una miglioria di una parte comune che non implica nemmeno l'uso.
Se il Condominio non vuole intervenire su una parte comune il singolo è libero di farlo ma non per questo ne acquista posseso o proprietà.
Perchè sia possesso deve essere un utilizzo intensivo, esclusivo e come se ne fosse proprietario.
Necessiti di una "ripassata" del significato giuridico.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Il fatto che abbia fatto la coibentazione non è una manifestazione di possesso ininterrotta per vent'anni consecutivi e soprattutto non è esclusivo, visto che lo spazio è in uso ed accessibile da altri. Evidentemente non è riconoscibile una proprietà esclusiva.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Buongiorno, io sono cointestatario dell' appartamento in cui vivo, con mia moglie; volendo acquistare un altro appartamento e per usufruire di determinate agevolazioni dovrebbe risultare mia prima casa, pertanto, dovrei lasciare la cointestazione della prima casa. Questa operazione dovrà avvenire tramite atto notarile? ma soprattutto, quanto mi costerà?
Alto