1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. valepigia

    valepigia Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    Buongiorno, ho una situazione un po' particolare e avrei bisogno di avere un consiglio su come muovermi.
    Nella ricerca della prima casa, siamo subentrati nell'affitto della casa di conoscenti nostri, facendo comunque un nuovo contratto essendo il loro in scadenza. La proprietaria è stata sempre molto gentile e disponibile, permettendoci anche di fare alcune modifiche contrattuali rispetto al contratto dei precedenti inquilini, che comunque risultava vecchio.
    Secondo il contratto, la casa risultava completamente in regola, ed essendoci persone che ci avevano vissuto fino a poco tempo prima ci siamo fidati e a luglio abbiamo firmato il contratto, allegando anche delle foto sulle condizioni della casa al momento della firma.
    Quando la proprietaria ha portato il nuovo contratto a registrare, le è stato chiesto il certificato d'idoneità dell'impianto elettrico, e non avendolo ha richiesto una verifica sulla casa.
    Qui inizia la questione: la casa, che comunque è vecchia, è risultata non idonea secondo le nuove norme elettriche, non vi era mai stato fatto l'impianto con lo scarico a terra, quindi per avere la certificazione esigeva fare il nuovo impianto.
    Anche qui lei s'è dimostrata comunque disponibile, s'è fatta fare qualche preventivo e ha iniziato a far fare i lavori per sistemarlo, solo che per farlo ha scelto di usare canaline esterne e prese da esterni per velocizzare i lavori e risparmiare. In tutto questo, noi che avevamo già firmato il contratto, abbiamo saputo di questo problema a lavori già iniziati e poco prima che lei andasse in ferie.
    Siamo andati a vedere i lavori, e a livello estetico la casa presenta delle differenze, non così enormi, insomma si vedono le canaline ma ci è stato detto anche che verranno rimbiancate secondo i colori delle pareti e oltretutto lei ci ha anche permesso di far mettere posizioni di prese e interruttori come si voleva noi.
    Il problema è questo: il mio ragazzo, arrabbiatosi perchè secondo lui la proprietaria ha fatto tutto alle nostre spalle e non ci ha chiesto se c'andava bene il tipo di lavoro eseguito, vorrebbe fare una richiesta danni per questa "modifica" della casa, che si presenta, seppur in maniera minima, differente alle foto inserite nel contratto, però a mio parere dal punto di vista pratico abbiamo avuto un miglioramento, solo dal punto di vista estetico la casa perde di valore.
    E' possibile, parlandone anche con la proprietaria, venirsi incontro in qualche modo per evitare di arrivare a chieder danni? Tipo, queste modifiche fatte, posson permettere di chiedere almeno una diminuzione dell'affitto, visto che comunque la casa si presenta differente rispetto a quando il contratto è stato firmato?
    Oltretutto, il contratto vale ancora, anche se è stato dichiarata una cosa differente, visto la casa non è risultata a norma nell'impianto energetico?
    Sono molto confusa su questa storia, e prima di creare scompiglio vorrei sapere a cosa vo incontro.
    Grazie
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Se richiederete i danni, dovrete adire le vie legali con anticipo spese da parte vostra e con chissà quale risultato... (da dimostrare e quantificare un danno estetico...?)
    Se richiederete una diminuzione del canone di locazione, dovrete farlo con garbo evitando di entrare in conflitto con la locatrice...
    Quanto alla mancata conformità dell'impianto: se la locatrice, con i lavori appena svolti, avesse messo a norma l'immobile e lo stesso risultasse funzionale all'uso per cui fu locato, nulla di più vi saeebbe dovuto.
    Consultate un tecnico di vostra fiducia per appurare che quanto eseguito renda l'immobile idoneo all'abilità.
    Se tutto risultasse regolare, sconsiglio posizioni troppo intransigenti. Capisco il discorso estetico ed il disappunto... Ma si tratta pur sempre di locazione; avrebbe maggior rilevanza in caso di compravendita.
     
    A alberto bianchi piace questo elemento.
  3. pippopeppe

    pippopeppe Membro Attivo

    Impresa
    io sono allibito.
    adesso un proprietario deve pagare danni al locatario solo per aver messo a norma l'impianto?
    ma se lo ritengono non più idoneo alla loro esigenza, perchè non vanno via?
    in fondo non è stato reso inagibile ed inabitabile e poi sei locataria non proprietaria.
     
    A fiorello64 piace questo elemento.
  4. fiorello64

    fiorello64 Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Salve,
    anch'io sono piuttosto perplesso dalla presa di posizione del fidanzato.
    Se l'appartamento, dopo i lavori comunque obbligatori di messa a norma, non soddisfa più le vostre esigenze date disdetta anticipata e, dopo il periodo di preavviso, lasciate l'appartamento.
    Sul fatto di chiedere i danni beh, onestamente, non so che vantaggio potreste averne se non quello di arrabbiarvi voi, la vs proprietaria e far buttare via soldi e tempo a entrambi.
    Be cool, it's better! Saluti.
     
  5. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    cosa vuoi dire? la proprietaria non ha fatto redigere l' APE? o altro?
    Poi quando parli di casa intendi un appartamento in un palazzo o una villetta unifamiliare? Perché nel primo caso l'impianto di terra deve essere prima di tutto del palazzo ed in seguito l'appartamento si attacca alla messa a terra dell'edificio.
    Ovviamente il problema della messa a terra è più semplice nel caso di una villetta.
     
  6. Gagarin

    Gagarin Membro Attivo

    Professionista
    Sono completamente d'accordo con le risposte già date, soprattutto con quella di pippopeppe e di fiorello64: l'unica cosa che mi sembra strana è che l'AdE (o, meglio, l'Agenzia delle Uscite AdU..) abbia richiesto alla proprietaria, in sede di registrazione, la cdi dell'impianto elettrico, che non mi sembra sia obbligatorio allegare ai fini della registrazione....
     
  7. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Io, oltre a cambiare appartamento, cambierei anche il fidanzato !
     
  8. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Suvvia un minimo di comprensione; di certo il fidanzato avrà compreso che non ne varrà la pena.
    Ricordo il sottoscritto agli inizi... si vorrebbe tutto perfetto con la prima casa assieme; poi ci rende conto che non ha senso alcuno ed anche la qualità della vita ne migliora.
    Saluti.
     
    A valepigia piace questo elemento.
  9. valepigia

    valepigia Nuovo Iscritto

    Inquilino/Conduttore
    La casa è un terra tetto,non vi erano mai fatti lavori di sorta essendo una casa vecchia,e visto che i vecchi locatari non si erano nè mai lamentati nè mai avevano avuto problemi.
    Anche la proprietaria si puó dire è caduta dal pero,perchè non si aspettava che gli chiedessero la certificazione d'idoneità,ma come ho detto,si è prodigata a mettere tutto a norma,anche se un po' tirato via l'ha fatto.
    saluti
     
  10. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    La proprietaria ha avuto spese impreviste ma le ha sostenute, l'impianto non è estaticamente la cosa migliore ma è efficiente ed è pure stato adeguato elle esigenze, mi sembra pretestuoso e con poche basi la pretesa che si configuri un danno, o la pigliate così o disdicete il contratto, però attenzione che se lo fate ora sicuramente la proprietà subirà un danno dimostrabile quindi la cosa potrebbe essere costosa per voi
     
  11. casanostra

    casanostra Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La cosa mi sembra un po confusa, prima si parla di certificazione dell'impianto elettrico poi del certificato energetico APE, cosa ben diversa. Non mi è mai capitato di sentirmi chiedere dall'Ade in fase di registrazione il certificato di conformità dell'impianto elettrico mentre mi è stato chiesto di allegare al contratto copia del certificato APE(attestato di prestazione energetica) che nulla centra con l'impianto elettrico. Ad onor del vero esistono varie scuole di pensiero sulla allegazione dell'APE al contratto di locazione (c'è chi dice che va allegato e chi no) ma per evitare discussioni l'ho allegato.
    Nota a margine.
    Per i vecchi impianti non certificati credo sia sufficiente far istallare il salvavita da un tecnico abilitato che rilascerà la certificazione in base al DM 37/2008 ex 46/90.
     
  12. tuonoblu

    tuonoblu Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Caro Bianchi
    io eviterei di dare queste risposte fuori luogo........ suggeriamo qualche soluzione più a tema!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina