1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Tiziano.R

    Tiziano.R Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve a tutti,
    scrivo qui perchè ho visto che ci sono moltissime persone disponibili ed esperte sulla materia e che
    spero possano darmi qualche lume da seguire per indirizzare una richiesta di alienazione.

    Provo a darvi un po' di informazioni:

    Vi è una casa che per opere di ampliamento sconfina per una porzione molto piccola su una canaletta di scolo demaniale interrata completamente (non piu presente ed interrata già all'atto di acquisto della casa nel 1976).

    Nel 2004 è stata fatta richiesta di alienazione diretta al demanio seguendo la direttiva in oggetto e producendo diverso materiale.

    Purtroppo la porzione di sconfino, quando è stato richiesto il certificato di destinazione urbanistico, è stato scopeto rientrare in un vincolo di tipo ambientale , da qui la respinta della richiesta da parte del demanio.

    C'è da aggiungere che su questa porzione di sconfino è stata fatta regolare richiesta di sanatoria (approvata e rilasciata dal comune nel 2004) corredata dalle seguenti documentazione e pareri:

    a) parere positivo dell'autorità idrica
    b) parere positivo della Sovraintendenza Beni Ambientali
    c) Parere positivo dell'Amministrazione Foreste e Bonifica
    c) parere positivo autorità di bacino
    d) vista l'assenza di vincoli di inedificabilità

    A seguito di questi pareri positivi è stata rilasciata la sanatoria su una porzione di casa e sulla porzione soggetta sconfino ( vincolata).

    A questo punto, avendo il parere posivito anche della sovraintendenza beni ambientali che dichiara il nullaosta al rilascio della sanatoria (datata marzo 2001) come posso procedere ?

    Su questo tema ho letto che si è pronunciata la corte costituzionale con relativa pubblicazione in gazzetta:

    http://www.gazzettaufficiale.it/att...ioneGazzetta=2006-02-08&art.idSottoArticolo=0

    e riporto l'estratto che cita:

    " ...
    1.3. - Una ulteriore doglianza, che specificamente attiene alla
    cessione di aree interessate da vincoli di carattere culturale e
    ambientale, e' prospettata con riguardo alla pretesa violazione
    dell'art. 118, terzo comma, Cost.
    L'ultimo periodo dell'art. 5-ter del d.l. n. 143 del 2003
    stabilisce che la normativa sull'alienazione «non si applica,
    comunque, alle aree sottoposte a tutela ai sensi del testo unico
    delle disposizioni legislative in materia di beni culturali e
    ambientali, di cui al decreto legislativo 29 ottobre 1999, n. 490, e
    successive modificazioni». La circolare impugnata recita: «qualora il
    vincolo gravante sull'area statale interessi anche l'area del privato
    e su questa sia stata legittimamente realizzata l'opera, il rilascio
    del relativo titolo edilizio, presupponendo l'acquisizione di tutte
    le autorizzazioni e dei pareri favorevoli delle autorita' preposte
    alla tutela, estende l'efficacia di queste ultime anche alla porzione
    di area di proprieta' statale che pertanto potra' essere acquisita
    dal privato».
    ."

    Cosa ne pensate?

    Vi ringrazio in ancitipo,

    T.
     
  2. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Parli di sconfinamento molto piccolo, a quanto ammonta? Qual'è la larghezza dello sconfinamento? In che scala è il foglio di mappa catastale? Chi è che ha accertato lo sconfinamento?
     
  3. Tiziano.R

    Tiziano.R Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Salve,
    lo sconfiamento è di 2 metri di larghezza per 10 di lunghezza. All'atto dell acquisto della casa non era noto (negli atti di aquisto non è citato) che sotto ci fosse una canaletta di scolo interrata, probabilmente già in fase di costruzione della casa era coperta (la casa è stata costruita negli anni 50).

    L'autorità di bacino, successivamente, indicherà che non vi era ormai piu traccia se non su certificati storici. La canaletta è interrata da almeno 50 anni.

    Negli anni è stato fatto un ampliamento della casa per la realizzazione di locale caldaia, cantina e ripostiglio. Dopodichè è stato richiesta la sanatoria.

    I tecnici del comune, all'atto della richiesta di sanatoria, hanno provveduto a chiedere tutte le autorizzazioni, comprese quelle della sovraintendenza dei beni essendo una parte della casa sita su una zona a vincolo ambientale ed alla forestale essendo zona di campagna a confine con una collina.

    I pareri sono stati tutti positivi e hanno rilasciato la sanatoria.

    Successivamente, pensando di vendere la casa, il geometra incaricato di fare le valutazioni ha rilevato che sotto la porzione oggetto di sanatoria vi era una canaletta di scolo, interrata che era, prima era di proprietà del consorsio di bonifica, poi successivamente passata al demanio. Questo portava ad uno sconfinamento che doveva di essere sistemato.

    Essendo uscita una apposita legge è stata fatta richiesta di alineazione, pensando che con la sanatoria fosse possibile provvedere alla procedura semplificata.

    Per la pratica demaniale è tato richiesto di nuovo la produzione del cerfificato
    urbanistico da cui emerge che il vincolo è sempre presente, tra l'altro oggi esteso a tutta la casa con la recente revisione del 2014 da parte del ministero dei beni ambientali.

    (Pensi che la casa è in una zona di campagna, ha vicino un piccolo castello su di una collina attigua, il vincolo deriva proprio da questa area).

    Mi chiedo, se la sanatoria ha tutte le documentazioni di vari enti compreso quello del ministero preposto ai vincoli ambientali che ha dato nulla osta cosa possiamo fare? Può ricadere sotto l'effetto della circolare emessa dal demanio?

    Ci è' stato proposto di provvedere a chiedere una concessione demaniale o di procedere con la procedura ordinaria che prevede onrei di frazionamento, assegnazione del bene ad altrui, e successivo riacquisto.

    Se le servono ulteriori informazioni, mi contatti pure.

    La ringrazio ancitipatamente per il tempo dedicato. Le racconto quanto ho pian piano recuperato nel tempo come informazioni.

    T.
     
  4. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    A queste domande non hai risposto.
    Inoltre, parli di canaletta di scolo interrata. Ma l'avete individuata, è riscontrabile perché c'è traccia evidente o è una supposizione conseguente ad una misurazione? In questo caso, chi ha fatto il rilievo e come è arrivato a quella conclusione?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina