1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Giorgia75

    Giorgia75 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buona sera a tutti
    sono la proprietaria di un locale affittato con canone concordato transitorio a studenti universitari. I conduttori sono due e in solido (rispondono cioè solidarmente del contratto)
    Un conduttore ha mandato la raccomandata di recesso (tre mesi di preavviso) chiedendo pero' anche la restituzione della cauzione (della sua parte) a suo tempo consegnata alla stipula del contratto regolarmente registrato.
    Vi chiedo:
    E' legittima tale richiesta? Il contratto ora rimane in capo all'altro inquilino e quindi la cauzione la dovro' restituire (salvo rivalse) al termine del contratto SOLAMENTE al conduttore rimanente, giusto?

    Grazie
     
    A Rovald piace questo elemento.
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La sua richiesta è legittima.
    Rimborsi la sua quota e trattieni l'altra.
     
  3. Giorgia75

    Giorgia75 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Grazie
    ma come faccio a regolarmi rispetto ad eventuali bollette non ancora pagate e sulla restituzione in buono stato dell'immobile consegnato? Il contratto per es. prevedeva che la casa andasse rimbiancata una volta terminato il contratto, che faccio ora, chiedo all'inquilino che va via di rimbiancare solo la sua parte (che poi quale è la sua parte?) altrimenti non gli restituisco la sua quota di cauzione?
     
  4. uva

    uva Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Secondo me la richiesta del conduttore che recede è legittima, ma deve rivolgerla a quello che rimane, non al proprietario.

    Poniamo che l'appartamento sia stato locato ad un canone mensile di 500 euro, e i conduttori abbiano versato due mensilità pari a 1.000 euro come deposito cauzionale. Sia il contratto che la ricevuta della cauzione sono cointestati ad entrambi.
    Essendo obbligati in solido, il conduttore che rimane dovrà continuare a pagare l'intero canone di 500 euro. E tutte le obbligazioni previste dal contratto (risarcimento di eventuali danni, pagamento dei canoni e oneri accessori) saranno sempre garantite dallo stesso deposito cauzionale.

    Se il conduttore che rimane ritiene troppo oneroso continuare la locazione, ha due possibilità: trova un altro coinquilino (che gli verserà la parte di cauzione già restituita a quello che è andato via); oppure recede dal contratto osservando il preavviso pattuito. In quest'ultimo caso il contratto è risolto e il proprietario gli restituirà i 1.000 euro di cauzione dopo aver verificato che non vi siano danni imputabili ai conduttori o conguagli di spese da regolare.

    Nelle locazioni cointestate io mi sono sempre comportata così quando un inquilino recede e l'altro rimane, con il consenso dei conduttori.
     
    A Giorgia75 piace questo elemento.
  5. Hug

    Hug Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Perfetto, perché il contratto è stato firmato congiuntamente.
     
    A Giorgia75 piace questo elemento.
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se contratto congiunto o "in solido" condivido i suggerimenti di @uva
     
    A Giorgia75 piace questo elemento.
  7. Giorgia75

    Giorgia75 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Vi ringrazio tutti per le gentili risposte.
    A presto!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina