1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. lino erme

    lino erme Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    buonasera volevo sapere se si può richiedere la residenza in un altro comune mentre si è iniziata la procedura di separazione...oppure si deve aspettare l'esito del giudice???
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non solamente si può. Ma si deve (entro 20 giorni), se il luogo della dimora abituale non corrisponde più a quello che risulta nell'anagrafe della popolazione residente.
     
  3. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Si "deve" ...(??!!??) ...solo se si va effettivamente a risiedere altrove indipendentemente da "separazioni/divorzi" o altro.
     
  4. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    E che cosa avevo scritto?
    si deve (entro 20 giorni), se il luogo della dimora abituale non corrisponde più...
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Nessun "contrasto" su quanto affermato...verbalmente ineccepibile.

    Volevo (coi limiti del telefono) evidenziare come il "dovere" potesse non essere tale.

    Nello specifico potrebbe essere che il "trasferimento" sia in funzione del risultato della "separazione".
    Per assurdo (capita raramente) se si stabilisse che gli eventuali figli rimanessero al padre a questi spetterebbe anche il diritto a rimanere nell'abitazione (salvo "dispositivo" contrario).
     
  6. lino erme

    lino erme Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ma il comune della nuova residenza richiede qualche documento che provi che io mi stia separando??...
     
  7. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    No tu cambi residenza e come scrive Nemesis lo devresti comunicare entro venti giorni. Ovviamente nessuno ti viene a controllare quando ti sei trasferito. Il controllo viene fatto solo dopo che tu presenti la richiesta di residenza.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Tu dovrai dichiarare la nuova residenza e dimostrare che non stai occupando abusivamente l'abitazione in cui chiedi l'iscrizione anagrafica. La tua occupazione di quell'immobile dovrà essere in base a un titolo valido.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  9. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Se ti trasferisci, non sei tenuto a dimostrare il perché, ma devi semplicemente fare la comunicazione per il cambio di residenza e dopo alcuni giorni arriva l'incaricato del comune per fare la verifica. Non viene richiesta nessuna documentazione.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Nessuno ha affermato che bisogna dimostrare il "perché" ci si è trasferiti.
    Ma l'art. 5, comma 1 del D.L. n. 47/2014 recita:
    Chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l'allacciamento a pubblici servizi in relazione all'immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge.
    A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, gli atti aventi ad oggetto l'allacciamento dei servizi di energia elettrica, di gas, di servizi idrici e della telefonia fissa, nelle forme della stipulazione, della volturazione, del rinnovo, sono nulli, e pertanto non possono essere stipulati o comunque adottati, qualora non riportino i dati identificativi del richiedente e il titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell'unità immobiliare in favore della quale si richiede l'allacciamento. Al fine di consentire ai soggetti somministranti la verifica dei dati dell'utente e il loro inserimento negli atti indicati nel periodo precedente, i richiedenti sono tenuti a consegnare ai soggetti somministranti idonea documentazione relativa al titolo che attesti la proprietà, il regolare possesso o la regolare detenzione dell'unità immobiliare, in originale o copia autentica, o a rilasciare dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi dell'articolo 47 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.

    Quindi deve essere provato che l'occupazione non è abusiva, in base a un titolo valido.
     
  11. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Ogni qualvolta mi sono trasferito mi sono limitato a comunicare il trasferimento al comune da dove provenivo senza dover consegnare alcun documento e lo stesso per accettare nella mia residenza altre persone che hanno trasferito la loro. Dopo alcuni giorni un vigile urbano, ha fatto una visita di controllo per verificare la veridicità della richiesta. Non è stato richiesto nessun documento che comprovasse il diritto a risiedere, ma è stata una constatazione di fatto.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  12. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se avessi notato l'anno (2014) della norma di legge che avevo citato, ti saresti reso conto che la tua replica era inutile.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  13. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Chiedo scusa, mi è sfuggito.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  14. lino erme

    lino erme Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    ma scusate l'ingenuità ma se due persone sposate hanno due immobili in due comuni diversi e tutti e due i coniugi facessero risultare di avere due residenze separate potrebbero far risultare tutte e due gli appartamenti come prime case??
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    A queste condizioni ognuno gode delle riduzioni per la prima casa.
     
    A lino erme e Dimaraz piace questo messaggio.
  16. lino erme

    lino erme Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    io sono sposato ma in via di separazione non consensuale...mio padre mi ha dato in donazione un appartamento ,che non sono riuscito a vendere in un comune diverso da quello in cui abito...ora vorrei andare a vivere in questo appartamento ma ha bisogno di ristrutturazione...ho un fondo di previdenza privato che mi darebbe il 75% per la ristrutturazione ma deve risultare una prima casa con residenza mentre quella donata è come seconda casa dato che ho la nuda propietà nell'attuale e mia moglie l'usufrutto...ora secondo voi dato che sono in collisione con mia moglie e dovrò aspettare tanto per la separazione come potrò comportarmi per avere questo denaro previdenziale e ristrutturare avvantaggiandomi del bonus che ha dato il governo per chi ristruttura???..considerando che gli incentivi per la ristrutturazione.... penso che sarà l'ultimo anno che saranno dati....
     
  17. lino erme

    lino erme Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    bella domanda èhh...
     
  18. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se la condizione per ottenere quel denaro è che l'appartamento deve essere l'abitazione principale, basterà andare ad abitarlo (dimorandovi abitualmente), dichiarare la nuova residenza e ottenere la corrispondente iscrizione anagrafica.
    Non è detto che nei prossimi anni la detrazione sarà della stessa misura di quella attuale.
    Ma che sarà abolita appare del tutto improbabile.
     
    A lino erme piace questo elemento.
  19. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Appena comincerai la separazione davanti al giudice l'abitazione familiare attuale verrà assegnata a tua moglie, ancor più se ci dovessero essere dei figli. Pertanto sarai costretto ad abbandonare detta casa e a quel punto non ti resterà altro da fare che abitare l'altra casa.
     
  20. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tra l'altro la moglie ha anche l'usufrutto a differenza del marito separando che ha solo la nuda proprietà.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina