• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Mario Antioco

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Salve, sono proprietario di un pino al confine di un passo di proprietà comune con l'inquilino del piano inferiore.
Questo tramite il suo legale mi chiede i danni per esser scivolato sul passo a comune sugli aghi di pino provenienti dalla mia proprietà acqusita solo da un anno compreso il pino di circa 40 anni .
Come devo comportarmi visto che gli aghi li porta il vento e cadono sul passo di comune proprietà?
Grazie
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Il tuo vicino dovrebbe imparare a deambulare. E se ci fosse stato fango?
Il pino esiste da oltre vent'anni per cui la sua posizione, qualora fosse irregolare è usucapita. Purtroppo i pini perdono gli aghi ed i pinoli se sono della specie adatta e comunque cadono anche le pigne. Quelle se ti beccano in testa potrebbero fare tuttalpiù un bernoccolo.
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
E questo che caso è, rientra nel fortuito, oppure Mario Antioco ha delle responsabilità?
che le foglie nelle piante caduchifoglie, o decidue, cadano durante la stagione autunnale non è un caso fortuito è un fatto naturale che si suppone a conoscenza di tutti non solo degli agronomi. La rimozione delle foglie cadute su fondo altrui spetterebbe al proprietario della pianta ( Cass. 1260/2008). Gli aghi dei pini seguono lo stesso ragionamento.
Se una pigna cadendo da un ramo colpisce alla testa un passante questo può intentare causa al proprietario: non so se sia sufficiente mettere un cartello di non passare sotto i rami dei pini da pigna per esimere dalla responsabilità il proprietario dell'albero.
Posso solamente raccontare un fatto di cui sono stato testimone. Un giorno mia sorella è venuta a trovarmi; siamo andati al museo etrusco di villa Giulia. Dopo aver visitato il museo abbiamo fatto un giro nel giardino dove ci sono diversi pini da pigna. Mia sorella mi stava precedendo quando, una grossa pigna (una ventina di centimetri di diametro), staccatasi da un ramo, secondo me da più di 10 metri di altezza, le è passata sfiorandole la schiena. Se l'avesse colpita sulla testa io credo che saremmo finiti al pronto soccorso con lei in stato di incoscienza, perché i miei piedi hanno percepito una forte vibrazione dell' onda d'urto provocata con l'impatto sul terreno. Altro che bernoccolo.
 
Ultima modifica:

griz

Membro Storico
Professionista
gli aghi di pino cadono e non credo sia corretto pretendere che il proprietario dell'albero corra a pulire ogni volta che alcuni aghi cadono, si tratta di dimostrare per il ricorrente l'eventuale incuria da parte del proprietario dell'albero e per il convenuto la puntualità delle manutenzioni
 

Luigi Criscuolo

Membro Storico
Proprietario Casa
Sig. Criscuolo quella pianta produceva pigne oppure meloni?
la pianta è un pino da pinoli, quindi con pigna che li contiene, secolare. Come pianta mi sembra che sia tuttora visibile nel giardino del museo. Le dimensioni, della pigna che è arrivata a terra se non era di venti centimetri era di almeno 15 cm, perché io l'ho vista. Non avevo con me il calibro, tuttavia sulle misure prese ad occhio ci azzecco molto spesso. Poi basta andare sul posto e vedere le pigne che sono a terra: chissà mai che ne cada una anche sulla testa del verificatore nell'espletamento delle sue funzioni: così potremo verificare se tali pigne possono provocare uno stato commotivo o meno.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

angelamura ha scritto sul profilo di elisabetta giachini.
sono proprietaria al 50% di un appartamento di una casa bifamiliare. L'altro 50% e di proprietà del mio ex marito,L'altro appartamento che si trova al piano di sotto e' di proprieta' al 50% sempre del mio ex marito e 50% di mia figlia. Ora ci sono delle spese da sostenere per il tetto della casa. Per quanto io devo partecipare ? grazie
Alto