1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. micheline

    micheline Nuovo Iscritto

    il mio locatore mi ha comunicato il non rinnovo del contratto di locazione con consegna al più presto e comunque entro marzo 2011. ho chiesto un eventuale permesso a rimanere fino ad aprile.
    ora intendo liberare l'appartamento entro fine gennaio. Il locatore ora mi chiede di pagare l'affitto fino ad fine aprile. E' lecita tale richiesta vista che libero l'appartamento come da lui richiesto.
     
  2. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non riporti l’ esatta cronologia degli eventi e neppure la data di stipula e la tipologia del contratto.
    Genericamente ti riporto gli articoli di legge che dovrebbero interessare il tuo caso.
    Legge 431/98 :
    Art. 3.
    (Disdetta del contratto da parte del locatore).
    1. Alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 1 dell'articolo 2 e alla prima scadenza dei contratti stipulati ai sensi del comma 3 del medesimo articolo, il locatore può avvalersi della facoltà di diniego del rinnovo del contratto, dandone comunicazione al conduttore con preavviso di almeno sei mesi, per i seguenti motivi:
    a) quando il locatore intenda destinare l'immobile ad uso abitativo, commerciale, artigianale o professionale proprio, del coniuge, dei genitori, dei figli o dei parenti entro il secondo grado;
    b) quando il locatore, persona giuridica, società o ente pubblico o comunque con finalità pubbliche, sociali, mutualistiche, cooperative, assistenziali, culturali o di culto intenda destinare l'immobile all'esercizio delle attività dirette a perseguire le predette finalità ed offra al conduttore altro immobile idoneo e di cui il locatore abbia la piena disponibilità;
    c) quando il conduttore abbia la piena disponibilità di un alloggio libero ed idoneo nello stesso comune;
    d) quando l'immobile sia compreso in un edificio gravemente danneggiato che debba essere ricostruito o del quale debba essere assicurata la stabilità e la permanenza del conduttore sia di ostacolo al compimento di indispensabili lavori;
    e) quando l'immobile si trovi in uno stabile del quale è prevista l'integrale ristrutturazione, ovvero si intenda operare la demolizione o la radicale trasformazione per realizzare nuove costruzioni, ovvero, trattandosi di immobile sito all'ultimo piano, il proprietario intenda eseguire sopraelevazioni a norma di legge e per eseguirle sia indispensabile per ragioni tecniche lo sgombero dell'immobile stesso;
    f) quando, senza che si sia verificata alcuna legittima successione nel contratto, il conduttore non occupi continuativamente l'immobile senza giustificato motivo;
    g) quando il locatore intenda vendere l'immobile a terzi e non abbia la proprietà di altri immobili ad uso abitativo oltre a quello eventualmente adibito a propria abitazione. In tal caso al conduttore è riconosciuto il diritto di prelazione, da esercitare con le modalità di cui agli articoli 38 e 39 della legge 27 luglio 1978, n. 392.
    2. Nei casi di disdetta del contratto da parte del locatore per i motivi di cui al comma 1, lettere d) ed e), il possesso, per l'esecuzione dei lavori ivi indicati, della concessione o dell'autorizzazione edilizia è condizione di procedibilità dell'azione di rilascio. I termini di validità della concessione o dell'autorizzazione decorrono dall'effettiva disponibilità a seguito del rilascio dell'immobile. Il conduttore ha diritto di prelazione, da esercitare con le modalità di cui all'articolo 40 della legge 27 luglio 1978, n. 392, se il proprietario, terminati i lavori, concede nuovamente in locazione l'immobile. Nella comunicazione del locatore deve essere specificato, a pena di nullità, il motivo, fra quelli tassativamente indicati al comma 1, sul quale la disdetta è fondata.

    3. Qualora il locatore abbia riacquistato la disponibilità dell'alloggio a seguito di illegittimo esercizio della facoltà di disdetta ai sensi del presente articolo, il locatore stesso è tenuto a corrispondere un risarcimento al conduttore da determinare in misura non inferiore a trentasei mensilità dell'ultimo canone di locazione percepito.

    4. Per la procedura di diniego di rinnovo si applica l'articolo 30 della legge 27 luglio 1978, n. 392, e successive modificazioni.

    5. Nel caso in cui il locatore abbia riacquistato, anche con procedura giudiziaria, la disponibilità dell'alloggio e non lo adibisca, nel termine di dodici mesi dalla data in cui ha riacquistato la disponibilità, agli usi per i quali ha esercitato facoltà di disdetta ai sensi del presente articolo, il conduttore ha diritto al ripristino del rapporto di locazione alle medesime condizioni di cui al contratto disdettato o, in alternativa, al risarcimento di cui al comma 3.
    6. Il conduttore, qualora ricorrano gravi motivi, può recedere in qualsiasi momento dal contratto, dando comunicazione al locatore con preavviso di sei mesi.

    Legge 392/78 (se sei arrivato al termine del 2° quadriennio) :
    Art.30. (Procedura per il rilascio )Avvenuta la comunicazione di cui al terzo comma dell'articolo 29 e prima della data per la quale è richiesta la disponibilità ovvero quando tale data sia trascorsa senza che il conduttore abbia rilasciato l'immobile, il locatore può convenire in giudizio il conduttore, osservando le norme previste dall'art. 447-bis del codice di procedura civile ). [La controversia è di competenza del conciliatore qualora il canone annuo non superi lire seicentomila; negli altri casi è di competenza del pretore] Competente per territorio è il giudice nella cui circoscrizione è posto l'immobile. Sono nulle le clausole derogative dalla competenza per territorio. Alla prima udienza, se il convenuto compare e non si oppone, il giudice ad istanza del locatore, pronunzia ordinanza di rilascio per la scadenza di cui alla comunicazione prevista dall'articolo 29. L'ordinanza costituisce titolo esecutivo e definisce il giudizio. Nel caso di opposizione del convenuto il giudice esperisce il tentativo di conciliazione. Se il tentativo riesce viene redatto verbale che costituisce titolo esecutivo. In caso contrario o nella contumacia del convenuto si procede a norma dell'articolo 420 e seguenti del codice di procedura civile. Il giudice, su istanza del ricorrente, alla prima udienza e comunque in ogni stato del giudizio, valutate le ragioni addotte dalle parti e le prove raccolte, può disporre il rilascio dell'immobile con ordinanza costituente titolo esecutivo.

    :daccordo:
     
  3. micheline

    micheline Nuovo Iscritto

    Grazie. La cronologia è la seguente: a settembre il locatore mi comunica di non volere rinnovare il contratto in scadenza (4+4) dandomi i soliti 6 mesi. Avendo forse trovato un appartamento che sarebbe stato libero ad aprile ho chiesto se era un problema rimanere un altro mese. La risposta è stata positiva. Nel frattempo non avendo avuto conferma per quell'appartamento ho trovato un'altra soluzione che mi permette di liberare l'appartamento a fine gennaio. Il locatore ora mi chiede di pagare l'affitto fino a marzo!!!!
     
  4. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    La norma é che tu debba pagare, se si dovesse trovare un nuovo inquilino ne saresti esonerato...:daccordo:
     
    A micheline piace questo elemento.
  5. micheline

    micheline Nuovo Iscritto

    Grazie, il locatore nelle lettera precisava anche che dovevo lasciare l'appartamento al più presto. Cosa che sto facendo

    Aggiunto dopo 5 minuti :

    Il contenuto della lettera è il seguente: "non essendo mia intenzione di rinnovare il contratto, la invito a liberare al più presto l'appartamento, in ogni caso non oltre sei mesi dalla data odierna del 20 settembre 2010.
     
  6. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Accordati e firmate entrambi una dichiarazione che più nulla è dovuto dalla riconsegna delle chiavi avvenuta oggi.....:daccordo:
     
    A micheline piace questo elemento.
  7. micheline

    micheline Nuovo Iscritto

    Ok però se non si accorda come debbo comportarmi visto che ha in mano 3 mensilità di cauzione? Come pretendere la restituzione della cauzione?
     
  8. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    E' tuo dovere pagare sino a marzo.
    Se il locatore ha interesse a poter fruire dell'appartamento prima di tale data ti deve accordare uno sconto.
    La restituzione delle chiavi avverrà il 31 marzo o prima, in caso di accordi.
    La cauzione, in assenza di danni, ti deve essere restituita.
    :daccordo:
     
    A micheline piace questo elemento.
  9. stella del sud

    stella del sud Nuovo Iscritto

    nella riconsegna della casa a quali danni si potrebbe riferire il locatore? :fiore:
     
  10. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Alla mancata osservanza, in genere, di quanto il C.C. prevede per il conduttore :
    Art. 1588 Perdita e deterioramento della cosa locata
    Il conduttore risponde della perdita e del deterioramento della cosa che avvengono nel corso della locazione, anche se derivanti da incendio, qualora non provi che siano accaduti per causa a lui non imputabile (1218 e seguenti,1256 e seguenti).
    E' pure responsabile della perdita e del deterioramento cagionati da persone che egli ha ammesse, anche temporaneamente, all'uso o al godimento della cosa.
    Art. 1589 Incendio di cosa assicurata
    Se la cosa distrutta o deteriorata per incendio era stata assicurata dal locatore o per conto di questo (1891), la responsabilità del conduttore verso il locatore è limitata alla differenza tra l'indennizzo corrisposto dall'assicuratore e il danno effettivo.
    Quando si tratta di cosa mobile stimata e l'assicurazione è stata fatta per valore uguale alla stima, cessa ogni responsabilità del conduttore in confronto del locatore, se questi è indennizzato dall'assicuratore.
    Sono salve in ogni caso le norme concernenti il diritto di surrogazione dell'assicuratore (1916).
    Art. 1590 Restituzione della cosa locata
    Il conduttore deve restituire (1177) la cosa al locatore nello stato medesimo in cui l'ha ricevuta, in conformità della descrizione che ne sia stata fatta dalle parti, salvo il deterioramento o il consumo risultante dall'uso della cosa in conformità del contratto.
    In mancanza di descrizione, si presume che il conduttore abbia ricevuto la cosa in buono stato di manutenzione.
    Il conduttore non risponde del perimento o del deterioramento dovuti a vetusta.
    Le cose mobili (812) si devono restituire nel luogo dove sono state consegnate.
    Art. 1591 Danni per ritardata restituzione
    Il conduttore in mora (1219 e seguenti) a restituire la cosa è tenuto a dare al locatore il corrispettivo convenuto fino alla riconsegna, salvo l'obbligo di risarcire il maggior danno (1223; Cod. Proc. Civ. 657 e seguenti).

    :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina