• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

sergio 41

Membro Attivo
Proprietario Casa
Salve dovendo ridurre, per accordo tra le parti, il canone di locazione e dovendo comunicare all'Agenzia delle Entrate la riduzione, la domanda è: Si può comunicare a Marzo 2021 la riduzione che decorre da Gennaio 2021? Oppure l'Agenzia delle Entrate contesta la retroattività?
Grazie delle risposte fiscali.
 

sergio 41

Membro Attivo
Proprietario Casa
Ma il ritardo nella comunicazione risulta che non sia più sanzionabile pertanto in precedenza pagando la sanzione la comunicazione era valida, a maggior ragione
attualmente senza sanzione NO?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Si può comunicare a Marzo 2021 la riduzione che decorre da Gennaio 2021? Oppure l'Agenzia delle Entrate contesta la retroattività?
La registrazione retroattiva è ammessa, purché la retroattività non superi i 12 mesi.

Ti può interessare questa discussione:
Registrazione delle rinegoziazioni dei canoni | Pagina 2 | propit.it - Forum per la Casa
in particolare gli ultimi due post di utenti che hanno registrato retroattivamente gli Accordi riduzione canone.
 

Aidualc

Membro Attivo
Professionista
Sì, ho messo come suggerivi che il contratto va dal 12/04/2020 al 2024.
E' strano perchè sono anni che compilo RLI e lì in alto ho sempre inserito il primo periodo contrattuale, ma la pratica è andata a buon fine.

Cmq la ricevuta dice:
"l'Agenzia delle Entrate...ha acquisito con protocollo ... la comunicazione di rinegoziazione canone (codice 8) di un contratto di locazione a partire dal 12/04/2020"
La ricevuta non riporta la cifra annuale. Cmq penso vada bene.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

Tapinaz

Membro Attivo
Proprietario Casa
Che voi sappiate, vi è stato il previsto provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate a definire le modalità applicative per il recupero parziale della riduzione di affitto concessa dai locatori?
Naturalmente il tutto nell'ambito delle circostanze previste dall'articolo 1, commi da 381 a 384 della Legge 178/2020.
In sostanza, il famoso recupero massimo di 1200 euro per la riduzione di almeno 2400 annue concessa nel 2021 all'inquilino di una prima casa.
 

Tapinaz

Membro Attivo
Proprietario Casa
grazie @uva ,
si in effetti non vi è ancora traccia.
Avevo sentito che ne parlavano, forse a Radio24, e accennavano a una modalità pratica sul sito dell'agenzia delle Entrate, dove accedi con le tue credenziali alla tua posizione, per comunicare la richiesta di rimborso a fronte di una precedente registrazione di riduzione del canone, nel 2021 e nel rispetto dei requisiti previsti.
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
per comunicare la richiesta di rimborso
Non ho sentito né letto nulla in merito, ma penso sarà così: il locatore farà online la richiesta di rimborso, come avviene per altri contributi a fondo perduto.
Temo però non vi sia subito certezza dell'importo effettivo che verrà erogato al singolo locatore. Perché l'Agenzia dovrà esaminare tute le richieste pervenute e in base a quelle determinare la % di rimborso a favore di ognuno. Il fondo stanziato dal Governo per questo bonus affitti è limitato.

Io ogni tanto tengo d'occhio questa pagina dell'Agenzia, per vedere se fra i vari contributi a fondo perduto salta fuori anche quello per i locatori:
Aree tematiche - Contributi a fondo perduto - Agenzia delle Entrate (agenziaentrate.gov.it)
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto