• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

robyfra

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno
Qualcuno di voi ha fatto una riduzione momentanea di canone di affitto per l'emergenza covid? (canone commerciale)
Se si potreste dirmi cosa avete fatto? Che modello avete utilizzato e come è l'avete comunicato all'agenzia delle entrate?
Mi consigliate di farlo?
Graziee a tutti per l'aiuto
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Occorre stipulare, tra locatore e conduttore, un Accordo riduzione canone. In cui si stabilisce l'importo del canone ridotto e la durata della riduzione dal....al.....
Si registra questo Accordo all'Agenzia delle Entrate, in modo che il locatore paghi le imposte sul canone ridotto, ovviamente per la durata della riduzione concessa, e non su quello stabilito nel contratto.
La registrazione è completamente gratuita (non si pagano né imposta di registro né bollo) e si può fare telematicamente col mod. RLIWeb.
 

robyfra

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie mille gentilissimo
Entro 30 gg dall'accordo posso comunicarlo all'agenzia delle entrate?
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
posso comunicarlo all'agenzia delle entrate?
Certamente.

Lo "comunichi" registrando l'accordo riduzione canone all'Agenzia delle Entrate.

Se hai le credenziali / lo spid per operare online, fai tutto telematicamente con RLIWeb.
Se no, compili il mod. RLI cartaceo e lo consegni allo sportello.
 

robyfra

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie mille
Mi consigli di farlo? Sarebbe una soluzione positiva per entrambi?
Graziee
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Mi consigli di farlo?
Dipende dalle circostanze.

Il tuo conduttore ti ha chiesto una riduzione temporanea del canone? Per quanto tempo?
Se ha dovuto interrompere l'attività in conseguenza delle restrizioni Covid, ha ottenuto dei ristori in base ai vari provvedimenti governativi?

Se effettivamente il conduttore in questo periodo è in difficoltà a causa della pandemia, mentre prima pagava regolarmente, è giusto aiutarlo per un periodo di tempo ragionevole.
L'entità della riduzione canone deve tenere conto delle esigenze di entrambi: anche il locatore (tu) potrebbe essere in difficoltà se la riduzione richiesta è eccessiva, perché non sono previsti aiuti a suo favore.
 

robyfra

Membro Attivo
Proprietario Casa
L'inquilino non mi ha chiesto nulla, sarebbe una mia idea visto che fa fatica a pagare, è un bar e non ho capito se hanno e/o ricevono ristori e/o sussidi e non so come poterlo sapere, per caso tu sai se ci sono dei ristori per questo tipo di attività? Inoltre non ho capito se il credito d'imposta sugli affitti è ancora attivo e per quanti mesi era attivo nel 2020
Grazie ancora dell'aiuto
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
sarebbe una mia idea visto che fa fatica a pagare,
Quindi è opportuno affrontare insieme (locatore e conduttore) il problema. La riduzione canone può essere la soluzione utile per entrambi, perché se lui interrompe i pagamenti tu subisci un danno.

Un utente del Forum (forse @basty , se ricordo bene) aveva proposto la riduzione canone ad un suo inquilino prima che gliela chiedesse. Se legge qui, magari ti riferisce la sua esperienza.

è un bar e non ho capito se hanno e/o ricevono ristori e/o sussidi e non so come poterlo sapere,
Avevo letto sul Sole che i vari provvedimenti governativi hanno stabilito ristori per bar e ristoranti, mi pare parametrati sulla diminuzione di fatturato.
Dovresti approfondire l'argomento con un commercialista.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Ho letto, ma non ho molto da dire: io avevo ridotto il canone dell'abitazione per un trimestre la scorsa primavera, quando avevano deliberato la prima chiusura totale: e ripetuto la riduzione nell'ultimo trimestre 2020: l'inquilino è un giovane che ha un bar-tavola calda, e ho creduto bene andargli incontro. E' sempre stato corretto, e credo se lo meritasse: meglio tenersi una persona affidabile, magari facendo oggi qualche concessione.

NOn so dire che ristori abbiano avuto: ma suppongo sia poca roba rispetto alle spese fisse che hanno.
 

robyfra

Membro Attivo
Proprietario Casa
Grazie a tutti
Ho chiesto al mio che non è stato in grado di darmi informazioni riguardo ai ristori/credito imposta
Badsty in quale misura (percentuale) hai fatto la riduzione?
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
Badsty in quale misura (percentuale) hai fatto la riduzione?
Questo è un dato soggettivo: inoltre nel mio caso si trattava di un canone abitativo credo non alto: era di 450€ e l'ho portato a 250€ solo temporaneamente. Non ha cambiato la vita nè a me, nè a lui: voleva essere solo un gesto di attenzione: e lo ha apprezzato.

Io credo che si possa parlarne apertamente con l'interessato, cercando di capire in che situazione reale versa. Se hai il sospetto che faccia il furbo, è un conto: se ti pare non ne approfitti, potete valutare insieme. Ovviamente è una scommessa
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Se hai il sospetto che faccia il furbo,
Questo sospetto si può verificare chiedendo all'inquilino di quanto è diminuito il suo fatturato a causa dell'emergenza sanitaria che lo ha costretto a ridurre l'attività.

Se risulta una diminuzione irrisoria del fatturato, i casi sono due:
1) Ha continuato a lavorare, fatturare e incassare quasi come prima.
2) Prima della pandemia lavorava e incassava (molto) di più, ma in (buona) parte in nero.

I furbetti del caso 2) secondo me non meritano molti aiuti...
 

Pfui

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Ciao a tutti, mi inserisco nella discussione perchè attinente alla mia situazione odierna.
Il mio inquilino (attività di bar) ha chiesto di mantenere per l'intero anno la riduzione del canone di affitto che doveva durare fino a marzo, minacciando di lasciare il fondo.
In realtà anche in periodo precovid non aveva mai pagato l'intero canone da contratto, adducendo sempre difficoltà economiche.
Inoltre chiede in continuazione modifiche del locale (cambiamento dei condizionatori, rifacimento della facciata, sostituzione dei serramenti).
Non ho intenzione di fare nessuno di questi lavori, ma ho letto di sentenze della Cassazione che "obbligano" i locatori ad accettare la rinegoziazione del canone.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
ma ho letto di sentenze della Cassazione che "obbligano"
Io che però non seguo le sentenze, sono a conoscenza solo di una sentenza, dove gli interlocutori erano due società: non tutti però possono permettersi di andare fino in cassazione.
In casi come il tuo devi valutare se il canone base in vigore è allineato al mercato e quale sia la attuale domanda di locali commerciali come il tuo.
La richiesta sembra avulsa dalle problematiche covid: quindi due valutazioni distinte. Non facili, di questi tempi, ma sostanzialmente diverse.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
Non ho intenzione di fare nessuno di questi lavori
Prima di assecondare la richiesta del conduttore di prorogare la riduzione canone, valuta se ti interessa mantenere questo inquilino, visto che
anche in periodo precovid non aveva mai pagato l'intero canone da contratto, adducendo sempre difficoltà economiche.
Se è una persona poco affidabile e continua a chiedere dei lavori nell'immobile che tu non intendi fare, forse è meglio che sia lui a lasciare il locale.
Nel caso ti presenti la disdetta del contratto di locazione, visto che sta
minacciando di lasciare il fondo.
non ha diritto all'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale.
 

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
A me non risulta che il locatore sia obbligato per legge ad accettare la rinegoziazione del canone.
Se le parti non trovano un accordo e il conduttore porta la questione in tribunale, il giudice valuterà la situazione specifica prima di decidere in merito.
 
Ultima modifica:

Pfui

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
Prima di assecondare la richiesta del conduttore di prorogare la riduzione canone, valuta se ti interessa mantenere questo inquilino, visto che


Se è una persona poco affidabile e continua a chiedere dei lavori nell'immobile che tu non intendi fare, forse è meglio che sia lui a lasciare il locale.
Nel caso ti presenti la disdetta del contratto di locazione, visto che sta

non ha diritto all'indennità per la perdita dell'avviamento commerciale.
Che voglia che ho di mandarlo a spigolare!
Il problema è che di questi tempi non credo di trovare facilmente un nuovo inquilino e pochi soldi sono meglio di nulla.
Specifico che il bar è in zona centralissima di un capoluogo di provincia del centro Italia e mi vuole pagare 800 euro invece che i 1200 contrattuali (in epoca precovid non mi ha mai dato più di 1000 euro). Non credo siano prezzi fuori mercato, però i fondi sfitti in città si stanno moltiplicando (ma anche prima del covid)
 
  • Mi Piace
Reazioni: uva

uva

Membro Storico
Proprietario Casa
di questi tempi non credo di trovare facilmente un nuovo inquilino e pochi soldi sono meglio di nulla.
Sì, hai ragione.
Se sarebbe difficile trovare un altro conduttore affidabile, accordati con quello attuale!
Prova a contrattare, proponendogli un canone mensile di 900 euro invece di 800 chiesti da lui.
 

mapeit

Membro Senior
Proprietario Casa
I bar hanno ricevuto dei ristori che però certamente non coprono a pieno i costi di gestione. I ristori sono stati erogati su base regionale.
Io consiglio di accettare un riduzione temporanea del canone, stabilendo un inizio e una fine, dopodiché il canone ritornerà ad essere quello pattuito. Un anno mi sembra ragionevole, visto che non credo che la nostra economia e i consumi possano riprendersi tanto presto. Per i lavori che ti chiede, potrai sempre obiettare che per farli devi avere degli introiti certi e di un certo ammontare, pertanto finché incassi un affitto ridotto di lavori nell'immobile a tuo carico non è il caso di parlare. Digli che quando riprenderà a pagare regolarmente il canone pattuito ne riparlerete.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto