1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Sareganega

    Sareganega Nuovo Iscritto

    Buongiorno.Cerco di riassumere la situazione tragica in cui mi trovo con la mia famiglia;anni fa i miei genitori hanno (ingenuamente) donato al 50% a mio fratello e 50% sua moglie la casa in cui vivono, che si trova sopra il loro appartamento.I rapporti con gli anni si sono incrinati,e attualmente i miei genitori si ritrovano a dover vivere a contatto con un figlio che non permette loro nemmeno di vedere il nipote, senza parlare dei continui dispetti di mia cognata (da denuncia) che rende la loro vita un inferno. Ora vorrebero donare a me la loro casa e trasferirsi nelle vicinanze, per poter avere aiuto da me,che sono l'unica altra figlia.Non voglio abbandonare i miei in questa situazione, ma so che mio fratello siè già informato presso un avvocato (questa informazione è suonata come una minaccia a mio padre)per "fare valere i suoi diritti da erede". Notare che i miei sono ancora vivi e vegeti!La domanda è:se accetto la donazione dei miei genitori e mi trasferisco vicino a loro, un domani potrei dovermi trovare il 50% del possesso della casa in seguito ad un atto di riduzione da parte di mio fratello? cosa posso fare per tutelarmi?Attendo notizie con profondo sconforto, grazie
     
  2. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    un attimo, i tuoi genitori hanno gia' donato a tuo fratello ed a sua moglie la casa in cui vivono.
    fino ad oggi sei tu che hai lesa la tua legittima di eredita'.
    adesso i tuoi genitori vorrebbero donare a te la loro casa e trasferirsi vicino a te.
    e' giusto, una casa donata a te ed una a tuo fratello.
    guarda che anche tu potresti fare un'azione di riduzione a tuo fratello e a sua moglie per la casa che e' stata loro donata dai tuoi genitori.
    non capisco dove e' il problema.
    a meno che i due immobili non abbiano una differenza di valore enorme.
     
  3. Sareganega

    Sareganega Nuovo Iscritto

    La differenza di valore è di circa 150.000 euro (a mio favore) soldi che ovviamente io non ho da dare a mio fratello. Io non voglio intentare causa a nessuno, vorrei solo che i miei genitori ed io potessimo vivere in santa pace senza dover temere ritorsioni,cosa che a detta dell'avvocato, è legittimo fare per legge italiana, anche da parte di un figlio che ha dato solo dispiaceri enormi. Finchè i miei sono in vita (e spero campino cent'anni) non dovrei avere problemi. Se fosse possibile vorrei evitarli anche un domani, tutto qui. Non esiste un modo per scongiurare eventuali cause future?
     
  4. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    non sicuramente la donazione.
    comunque tu capisci che e' ingiusto che tu abbia 150k in piu' di tuo fratello anche se lui non si comporta molto bene???
    I figli sono uguali di fronte alla Legge.
    se tuo fratello riterra' lesa la sua legittima all'apertura della successione ha tutto il diritto di pretendere che in sede di giudizio gli vengano riconosciuti i suoi diritti di erede.
     
  5. Sareganega

    Sareganega Nuovo Iscritto

    grazie della risposta, ok ma i miei non possono scegliere di darmi altro se mi vogliono vicina, e non hanno l'equivalente in denaro da dare a lui; "non comportato molto bene" è un eufemismo se le facessi l'elenco delle cose che sono accadute: mia madre è stata fisicamente aggredita, gli insulti ormai non li conto, hanno proibito loro di vedere l'unio nipote che hanno e che hanno curato fino ad un anno di età, hanno avvelenato il gatto, ucciso piante del giardino a dosi di candeggina...possibile che per la legge siamo comunque uguali???
     
  6. fulvio1

    fulvio1 Nuovo Iscritto

    ;) la legge è uguale per tutti ... e anche i diritti dei 2 figli ma ...... non bisogna dimenticare che ... CHIUNQUE oltre agli obblighi naturali in materia di eredità .. ha a disposizione una .. QUOTA DISPONIBILE ( per legge ) che può destinare a chiunque anche a un gatto ....... secondo me se i tuoi genitori destinassero a te ( con testamento scritto ) la loro QUOTA DISPONIBILE ... essa aggiungendosi a ciò a cui hai diritto ( cioè la stessa cifra di tuo fratello .. ) ecco là che ... i conti tornerebbero .. con tanti saluti alla cara ... cognata ..!!!
     
    A ludoludovico piace questo elemento.
  7. gcaval

    gcaval Nuovo Iscritto

    Infatti, la legittima non è del 50% del patrimonio. Rivolgiti ad un notaio, ti dirà come stanno effettivamente le cose.
     
  8. laste

    laste Nuovo Iscritto

    domanda legata ad anni di visione di Forum...ma in tali casi non puo' essere revocata la donazione per ingratitudine?
     
    A brun piace questo elemento.
  9. Franz

    Franz Membro Attivo

    Impresa
    si, la donazione può essere revocata per ingratitudine, ma lo stabilisce la legge che cosa si intende per ingratitudine avvocati24ore.it La donazione dei beni

    poi, il fratello nulla può fare per qualsiasi donazione, finchè i genitori sono in vita...la donazione si può contestare e impugnare sempre dopo la morte del donante

    alla morte del primo genitore, l'altro genitore ha diritto al 25 %, come ognuno dei due fratelli ha diritto al 25 % a testa, come quota di eredità legittima....l'ultimo 25 % è la quota disponibile, che può andare a chiunque, se la persona ha fatto apposito testamento...ma la quota disponibile può anche essere donata in vita

    alla morte del secondo genitore, ogni figlio ha diritto all 33,3 %...l'ultimo 33,3 % è la quota disponibile, che almeno in parte è già stata donata alla moglie del fratello(come alla morte del primo genitore)

    insomma, bisogna fare tutti i conti dei valori lasciati, ma le quote di legittima e disponibile delle due suddivisioni di eredità sono quelle che ho indicato
     
  10. Sareganega

    Sareganega Nuovo Iscritto

    CHE CASINO! mi sembra di capire che non posso sentirmi al sicuro in nessun caso. Per aggiornarVi, mio fratello sta cercando di vendere la loro casa per trasferirsi (meno male!), ma questo non significa che un domani non possa pretendere di avere parte alla proprietà della casa che attualmente è dei miei genitori, vista la differenza di valore, ho capito bene?
     
  11. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    io vedo due soluzioni:
    1) se hai qualche soldo da parte acquista la nuda proprietà della casa, l'usufrutto abbatte il valore d'acquisto anche di parecchio se i tuoi sono relativamente giovani;
    2) i tuoi vendono la casa ti donano una parte dei soldi esattamente uguale al valore della casa donata a tuo fratello e alla moglie, e degli altri ne fanno ciò che credono. potrebbero ad esempio se vivono con te pagarti l'affitto o contribuire alle spese.
    in ogni caso bisogna far trovare a tuo fratello poco o nulla. così sarai tu a poterlo tenere a bada ipotizzando un'azione di riduzione.
     
  12. Sareganega

    Sareganega Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio, ma:
    1) ho poco e niente da parte,
    2) i miei non vogliono assolutamente vendere casa perchè ci sono molto legati ed è costata loro molti sacrifici.
    L'idea che mi era venuta in mente era quella di prendere in donazione l'appartamento dei miei (come vorrebbero loro) e pagare loro la differenza accollandomi un mutuo.Sperando che i miei vivano abbastanza da spendere tutto quello che io pago loro, per non dover farmi un mutuo per dare soldi, alla fine, anche a mio fratello e sua moglie.
     
  13. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    prova a chiedere al notaio se è praticabile questa strada. tu dici che la casa che dovrebbero donarti supera di 150000 il valore di quella donata ai tuoi. supponiamo valga 300000. per 150000 i tuoi effettuano una donazione specificando che l'ammontare è uguale a quello donato al tempo al fratello. dovresti pagare la differenza. 150000 euro ma in realtà da questo valore deve scalre quello dell'usufrutto e considerare che potresti far rientrare l'assistenza che ti impegni a prestare loro nel prezzo.
     
  14. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    l'assistenza data ai genitori non esiste...................non e' una merce di scambio nel nostro ordinamento.
     
  15. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    non sono stata chiara. io mi impegno a versaremensilmentela somma di y ai miei genitori loro in cambio della mia assistenza mi "restituiscono" i soldi. inoltre ci sono contratti che partono come affitto e finiscono come vendita a prezzo di favore in quanto si consideral'affitto ricevuto. insomma secondo con un buon notaio qualcosa si può fare.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina