1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Ecco la situazione degli immobili.
    Oggi nessuno spende perchè non ha ancora capito quanto pagherà di IMU a saldo!
    Nessuno ha spiegato a Monti che sono pochi che hanno una seconda casa a Capri o a Cortina d'Ampezzo, ma molto spesso la II° casa degli Italiani è quella di origine, del paesello del Sud da dove sono partiti per cercare lavoro, la casetta del paese di montagna, da dove sono scappati alla ricerca di lavoro. La seconda casa è quella dove al limite uno sogna di tornare, da pensionato, (sogno infranto anche quello), una casetta che uno, anche a volerlo, spesso non riesce a vendere, sono casette degli affetti, non patrimonio. Ma Monti le tassa, con disinvoltura. Tassasse solo quelle a reddito, che per inciso già tassa pesantemente, ma la seconda casa degli Italiani, tassarla, spesso, è un omicidio, come l'economia che ha "gambizzato"!
     
    A celefini e masagu piace questo messaggio.
  2. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    hai ragione. speriamo almeno che non impongano aliquote troppo alte. quanto al resto che dirti? secondo me aumenteranno le separazioni di comodo per ridursi le tasse.
     
    A Adriano Giacomelli e possessore piace questo messaggio.
  3. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Io invece, più crudelmente e con più convinzione, auguro "un funereo spettacolo" a chi sta realizzando la schiavitù del popolo.
    Il progetto parte da lontano, e ci stanno riuscendo pian pianino.
    Monti non fa quello che può per salvare il Paese, non è la sua missione.
    La sua missione è quella di portare l'Italia (noi tutti) alle banche e ai ricchi finanzieri.
    Questo è il suo scopo e tutto il suo lavoro verte su questo.
    Dobbiamo smetterla di credere che stia cercando una soluzione per il bene della gente comune, è esattamente il contrario.
    Ci raccontano un sacco di balle e c'è ancora qualcuno che ci crede!
    Monti lo capisce benissimo (non per niente "insegna" alla Bocconi) che la seconda casa di Capri o Cortina D'Ampezzo se la possono permettere in pochi, ma costoro hanno in mano ben più del 50% della ricchezza dell'Italia.
    Della crescita non gliene frega un bel piffero.
    Dell'economia "gambizzata" ancora un bel piffero.
    Noi sì, gente comune, ci preoccupiamo:delle tasse che ci appioppano.
    saluti
    jerry48
     
    A Adriano Giacomelli, possessore, dolly e ad altre 2 persone piace questo elemento.
  4. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    I nostri politici ed i nostri " tecnici " sanno benissimo come stanno le cose, ma non gli interessa più di tanto. Avrebbero dovuto escludere dalla tassazione la prima casa, o casa di residenza, far pagare un'aliquota più bassa dello 0,4 per la " casetta " al paese, avuta casomai, in eredità dai genitori, mentre avrebbero dovuto colpire i grandi capitali. Perchè hano tenuto fuori le fondazioni bancarie dal pagamento dell'IMU, con i soldi presi da questi " sanguisuga " avrebbero fatto un po di giustizia sociale. Purtroppo abbiamo capito che a pagare, saremo sempre e solo i soliti noti, ed a farla franca saranno sempre i soliti ignoti (almeno per loro)
     
  5. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Perché sono "Fondazioni" con le finalità previste per le esenzioni, come i partiti, i sindacati e le Onlus :

    L'esenzione IMU è disciplinata dal D.Lgs. 23/2011 nell'articolo 9 che recita nel seguente modo "Sono esenti dall'imposta municipale propria gli immobili posseduti dallo Stato, nonché gli immobili posseduti nel proprio territorio dalle regioni, dalle province, dai comuni, dalle comunità montante, dai consorzi fra detti enti, ove non soppressi, dagli enti del servizio sanitario nazionale, destinati esclusivamente a compiti istituzionali. Si applicano, inoltre, le esenzioni previste dall'articolo 7 comma 1, lettere b), c), d), e), f) h) ed i) del citato decreto legislativo n.504 del 1992". Essendo il campo delle esenzioni soggetto a continui interventi del legislatore, questa pagina tiene conto soltanto delle esenzioni previste nel testo originario di fine 2011 che reintroduce l'IMU, rimandando ai CAF o al Comune di riferimento per ogni ulteriore verifica ed aggiornamento della stessa. Sono quindi esenti dall'IMU gli immobili dello Stato e degli enti locali. La norma richiama anche alcuni punti del D.Lgs. 504/1992 che vediamo qui di seguito nel dettaglio.
    o Art.7 - comma 1 - Lettera b). Esenzione dei fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9;
    o Art.7 - comma 1 - Lettera c). Esenzione dei fabbricati con destinazione ad usi culturali di cui all'articolo 5- bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601, e successive modificazioni;
    o Art.7 - comma 1 - Lettera c). Esenzione dei fabbricati destinati esclusivamente all'esercizio del culto, purche' compatibile con le disposizioni degli articoli 8 e 19 della Costituzione, e le loro pertinenze;
    o Art.7 - comma 1 - Lettera e). Esenzione dei fabbricati di proprieta' della Santa Sede indicati negli articoli 13, 14, 15 e 16 del Trattato lateranense, sottoscritto l'11 febbraio 1929 e reso esecutivo con legge 27 maggio 1929, n. 810;
    o Art.7 - comma 1 - Lettera f). Esenzione dei fabbricati appartenenti agli Stati esteri e alle organizzazioni internazionali per i quali e' prevista l'esenzione dall'imposta locale sul reddito dei fabbricati in base ad accordi internazionali resi esecutivi in Italia;
    o Art.7 - comma 1 - Lettera h). Esenzione dei terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell'articolo 15 della legge 27 dicembre 1977, n. 984;
    o Art.7 - comma 1 - Lettera i). Esenzione degli immobili utilizzati dai soggetti di cui all'articolo 87, comma 1, lettera c), del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, destinati esclusivamente allo svolgimento di attivita' assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonche' delle attivita' di cui all'articolo 16, lettera a), della legge 20 maggio 1985, n. 222.
    Le esenzioni IMU spettano al soggetto passivo per il periodo dell'anno durante il quale sussistono le condizioni stesse di esenzione. Per l'introduzione dell'imposta IMU il legislatore ha così ripreso in parte alcune esenzioni ICI ma non tutte. Ad esempio non viene applicato il punto g) dell'articolo 7 del D.Lgs. 504/1992 sull'esenzione dei fabbricati che, dichiarati inagibili o inabitabili, sono stati recuperati al fine di essere destinati alle attivita' assistenziali di cui alla legge 5 febbraio 1992, n 104, limitatamente al periodo in cui sono adibiti direttamente allo svolgimento delle attivita' predette. Essendo una normativa soggetta ad ulteriori interventi del legislatore è necessario seguire con attenzione gli sviluppi normativi dei prossimi mesi. 31/12/2011
    Esenzione IMU
    :daccordo:
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  6. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Secondo il mio modo di vedere le cose, i " tecnici " dovevano tirare via solo le Onlus, che vivono di contributi e solifarietà. Le banche , e quelli che hanno bisogno di loro lo sanno, ci hanno ridotto con le pezze al c.... I partiti, sappiamo benissimo come si sono spartiti i soldi del finanziamento pubblico ( nostri soldi ). I sindacati, ed i sindacalisti, con i soldi dei lavoratori, fanno lucro come le banche ed i partiti. Perchè li hanno esentati dall'IMU ? Il Dr. Monti queste cose le conosce molto bene ! Invece cosa hanno fatto, hanno colpito i più deboli, quelli che non reclamano mai, ingoiano sempre il rospo. Fino a quando ?
     
  7. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Non si parla delle "Banche" ma delle Fondazioni che devolvono i loro proventi in beneficenza.
    Ad esempio :
    LA FONDAZIONE IN BREVE
    MISSION
    Fondazione Cariplo è un soggetto filantropico che concede contributi a fondo perduto alle organizzazioni del Terzo Settore per la realizzazione di progetti di utilità sociale.

    OBIETTIVI
    La Fondazione è un ente privato che opera per la promozione del bene pubblico. Il suo obiettivo non è sostituire, ma sostenere i soggetti nonprofit, pubblici e privati, soprattutto per individuare bisogni emergenti, dare risposte nuove a problemi radicati ed estendere le soluzioni di successo.

    MODALITA’ D’INTERVENTO
    Fondazione Cariplo opera in quattro aree: Ambiente, Arte e Cultura, Ricerca Scientifica, Servizi alla Persona. I contributi sono assegnati principalmente attraverso vari strumenti erogativi: bandi, erogazioni emblematiche, territoriali, istituzionali e patrocini.
    Fondazione Cariplo - Homepage
     
  8. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    Giusto, tutto a posto con la legge!
    Le fondazioni bancarie, 50 miliardi di patrimonio, sono per il governo organizzazioniNo profit.
    Zampino del nostro (beneamato) Amato.
    Tutto ciò causa fondamentale di quell'intreccio perverso fra Economia e Politica, di quella cultura dell'incompetenza e del clientelismo, che imperversano nel nostro Bel Paese (non sto facendo pubblicità al formaggio:affermazione:).
    saluti
    jerry48
     
  9. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Ho usato il termine banche, poichè comunque le fondazioni sono nel loro contesto. So anche che le fondazioni hanno nel loro statuto, la beneficenza. Chi controlla però questi bilanci ? Sicuramente sono società del gruppo, e gira e rigira siamo sempre lì. E ' facile acquisire beni immobili, intestarli alla fondazione, e poi non pagare tasse !!!!
     
  10. marlon

    marlon Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Stiamo assistendo ad uno spettacolo la cui fine non ci viene detta ma è nell'aria.... ci spolpano e continueranno a farlo ma nel frattempo i soldi introitati dallo stato non colmano le uscite (il debito pubblico è sempre più alto)... prima ci denudano e poi ci diranno che siamo falliti! non c'è scampo, forse è meglio considerare l'uscita dall'euro e riprendere a produrre anche per il fabbisogno interno. Non può continuare a passare l'idea che tutto ciò che è economicamente sconveniente produrre in italia lo compriamo dall'estero! così facciamo il deserto attorno a noi stessi.
     
  11. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Tu saresti uno disposto a pagare una cosa di più se fabbricata in Italia?(e poi chi ti garantisce che lo sia davvero? per esempio se compri una FIAT potrebbe essere costruita all'estero) Ma va là!!!!:):D:risata:
     
  12. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Al Moderatore: questa "discussione" anzichè nell'Area Legale doveva essere inserita nella Pausa Caffè:daccordo:
     
  13. maidealista

    maidealista Fondatore Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Punti di vista...:daccordo:
     
  14. marlon

    marlon Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Io sono disposto a pagare un prodotto per quello che costa è non a farmi infinocchiare dagli attuali economisti banchieri affaristi e speculatori del pesce! pagherò più caro un prodotto fino a quando mi sarà consentito di lavorare! quando anch'io non avrò più un lavoro forse dovrò evitare di comprare anche i prodotti cinesi che tanto ti piacciono!:disappunto:
     
  15. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Guarda che non sono solo i prodotti cinesi che costano meno di quelli italiani: per esempio ci sono macchine tedesche che costano meno di quelle "italiane" e sono migliori. E poi il debito italiano di 2.000 MILIARDI di euro (4 MILIONI di MILIARDI di lire) l'abbiamo noi e non i banchieri, probabilmente dovuto a quelli come te che vogliono spendere più di quello che guadagnano :disappunto: :disappunto: :disappunto:
    Come vedi Maidealista avevo ragione io: questa è una Pausa caffè e non un'Area legale
     
  16. marlon

    marlon Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Non nè facevo un discorso di qualità dei prodotti ma ho portato ad esempio quelli cinesi a rappresentare tutto ciò che consumiamo di non italiano! La qualità delle macchine italiane... sicuramente da migliorare ma per quanto mi riguarda darei priorità ai trasporti pubblici e renderei sconveniente l'utilizzo dei mezzi privati (sopratutto nelle grandi città. Io insisto sul fatto che se continuiamo ad affidarci al "capitale" ma non pensiamo di produrre ricchezza "quella vera" il giocattolo si rompe, tutto qua! Se credi che questa sia discussione da area caffè, concordo parzialmente e comunque è ben collegata al discorso iniziale di come l'italia di oggi abbia bisogni di soldi, quando non potrà più tassare gli immobili metterà una ulteriore tassa sull'aria che respiriamo e così via! ti saluto.:daccordo:

    Gianfranco, dimenticavo di farti notare che il debito di 2000 miliardi di euro è dello stato ed in discreta percentuale i creditori di questo sono i cittadini!
     
  17. JERRY48

    JERRY48 Ospite

    E perchè al Tribunale (Area Legale) tra una causa e l'altra, civile o penale (che pena:affermazione:) avvocati e cancellieri ecc. "sorseggiando" un caffè (lo preferisco freddo, in questo periodo, sta facendo troppo caldo ed è in arrivo "Caligola", dal Marocco poi, boh:occhi_al_cielo:) non si può parlare liberamente di Tasse, import-export, Fiat, Audi, prodotti cinesi, made in Italy (importati:???:) :domanda::domanda::domanda:
    Basta non offenderci e parteggiare sino all'ultima goccia di sangue per il partito politico nostro preferito, o sbaglio :domanda::domanda::p:p
    saluti
    jerry48
     
    A celefini piace questo elemento.
  18. Titolo azzeccatissimo!:applauso:
     
  19. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Bravo Jerry48, le parole usate a me piacciono tantissimo." BASTA NON OFFENDERCI ". E' da tempo che sto predicando questo sul sito, in alcuni miei post. Ognuno di noi cerca di dare il proprio contributo, a volte forse sbagliando, a volte non riesce a estrinsecare il suo pensiero, nel modo in cui noi vorremmo che fosse scritto. Siamo una comunità di " normali " e non di " superesperti ". Nelle nostre risposte cerchiamo di dare le nostre interpretazioni, le nostre esperienze, e già questo basta ed avanza !!!. Bravo !!!!. Per tornare al problema, una parte delle mie ragioni, sta con Marlon, per il semplice motivo, che al di là, dei motivi esposti, perusare un termine " fascista ", noi Italiani dovremmo essere un pò più " AUTARCHICI ". Dovremmo preferire i prodotti Italiani, a danno di quelli provenienti da altri Paesi. Così facendo aiuteremmo la nostra economia. In Italia i pomodori si buttano, e poi compriamo pomodori provenienti dalla Spagna, dal Marocco e così via. I Tedeschi in questo sono molto più accorti di noi !!!
     
    A e piace questo messaggio.
  20. GianfrancoElly

    GianfrancoElly Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Caro Marlon (anch'io sono di Cagliari ma sono emigrato a Milano appena laureato nel 1967 perch'è anche allora in Sardegna c'era poco lavoro) sono d'accordo con te che sisogna incrementare l'uso dei mezzi pubblici. A Milano era stata introdotta l'area C per ridurre il traffico privato in centro ma un proprietario di un garage in centro ne ha ottenuto l'abrogazione dal Consiglio di Stato perchè si erano ridotti i suoi guadagni... Per quanto riguarda il debito dello Stato: lo Stato non è un'entità astratta, in pratica sono i cittadini di una Nazione. Lo Stato spende per i suoi partecipanti con il ricavato delle tasse: se questo ricavato è inferiore alle spese fa dei debiti. Chi presta i soldi (banche, cittadini come giustamente dici tu, stranieri, ecc.) ovviamente pretende un interesse. Se la fiducia di riavere i soldi si riduce si pretende un interesse maggiore (aumento dello spread). Se il ricavato dalle tasse non è sufficiente si chiedono altri prestiti che costano altri interessi... e così via. Ecco perchè siamo in questa situazione e l'unica soluzione è ridurre le spese (ma se licenzi molti statali ci saranno più disoccupati, meno denaro circolante, crisi dei produttori e dei venditori), far pagare gli evasori (ma ci vuole tempo, si riesce ad incassare circa il 10% di quello che la Guardia di Finanza scopre). Come vedi il problema è complesso e non basta dire Rigor "montis" alias rigor mortis per sentirci tutti più sollevati :daccordo::daccordo:
     
    A celefini piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina