• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

nikitaus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#1
Salve a tutti , scrivo consiglio a voi , per una situazione che mi sta preoccupando perche non so come venirne a capo nel miglior modo possibile, dopo aver ricevuto una casa in successione, ho dato un occhiata alla documentazione, visto un precedente condono edilizio, e visto che dovrei fare delle ristrutturazioni, andando in comune e chiedendo se la documentazione era in regola anche per la concessione edilizia... mi danno un foglio un po datato , dove c e scritto, che per il rilascio della concessione edilizia ci vogliono i seguenti documenti ,
convenzione ai sensi della l.10/77
versamento di lire 78.500 nper diritti di segreteria
una marca da bollo di 5000 mila lire un veraamento di lire 512'000 piu interessi del 10% annui per oblazione allo stato

ora le domande che vorrei porvi sono queste .... cosa sarebbe questa convenzione ? chi la deve effettuare ?

questi versamenti in lire , perche il comune non me li ha chiesti in euro gia rivalutati??

sono obbligata a fare questi documenti ? la ristrutturazione di cui parlo sono il rifacimento delle facciate , cambio copertura tetto... che dovrebbe essere edilizia libera attendo i vostri consigli e le vostre esperienze
 

griz

Membro Storico
Professionista
#2
potrebbe essere che la costruzione della casa che hai acquistato sia stata convenzionata col comune (di solito come edilizia agevolata), quindi la convenzione dovrebbe essere da loro o citata negli atti di vendita, quanto ti chiede il comune è sicuramente quanto doveva il precedente proprietario e che non ha corrisposto. Ti conviene procedere e ritirare la concessione del condono in quanto il comune potrebbe anche stufarsi e negartela diffidandoti di ripristinare lo stato precedente alla domanda
 

nikitaus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#3
ciao griz,si esatto , ho fatto due discussione una tempo fa e una e questa sempre per lo stesso problema , cmq oggi ho capito meglio il problema che poi in realta non c e , la concessione c'è gia solo che per ritirarla devo portare questi documenti, ( questo io non lo avevo capito, pensavo che c' erano dei problemi ben piu gravi, tipo che non avevano condonato gli abusi, invece da quel punto di vista è tutto ok) in realta neanche mi servirebbe la concessione edilizia, visto che le ristruttarazioni che devo fare , sono tutte senza permessi, parlo di rifacimento pareti, e sostituzione tetto in eternit con quei lastricati di finte tegole( quindi un cambio copertura) , l unica cosa che ora non ricordo , e che per fare la domanda per il contributo regionale per lo smaltimento dell eternit, pensavo si dovesse allegare la concessione edilizia, invece mi è stato detto di far fare dal mio tecnico , una richiesta di ...titolo ( non ricordo il nome del documento) e allegare quella alla domanda..... non ricordo pero il nome di questa cosa .....
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#4
Ci ritroviamo!
Credo che il problema sia legato ad una pratica di condono edilizio che il de cuius non ha portato a termine e ciò che ti chiede il comune è il pagamento degli oneri a suo tempo richiesti e se erano in lire alcuni lustri sono trascorsi. La convenzione di cui si parla era consigliata per evitare di versare gli oneri concessori. Comunque, se non ritirerai la concessione edilizia dopo avere completato la pratica, il fabbricato risulterà con opere abusive e non potrai muovere neanche un chiodo se prima non avrai ottenuto la concessione a sanatoria.
 

nikitaus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#5
ma il condono a quanto pare è apposto, i pagamenti sono stati fatti , è stato il tecnico stesso a dirmi questo...la concessione c'è già , da quanto mi dice mi conviene però più pagare che fare la convenzione
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
#6
andando in comune e chiedendo se la documentazione era in regola anche per la concessione edilizia... mi danno un foglio un po datato , dove c e scritto, che per il rilascio della concessione edilizia ci vogliono i seguenti documenti ,
convenzione ai sensi della l.10/77
versamento di lire 78.500 nper diritti di segreteria
una marca da bollo di 5000 mila lire un veraamento di lire 512'000 piu interessi del 10% annui per oblazione allo stato
Il condono è a posto per quanto attiene l'accettazione, manca ciò che il tecnico comunale ti ha fatto notare con il documento che ti ha rilasciato, nel quale i debiti sono ancora in lire. Evidentemente l'iter non è stato ancora completato. Visto che hai un tecnico che ti assiste, potrebbe illuminarti su questi dubbi.
 

griz

Membro Storico
Professionista
#7
può essere che la concessione sia stata preparata in attesa del pagamento che non è mai avvenuto, la pratica si perfezionerà quando pagherai. Non è corretto quanto scrivi in merito alla necessità di chiudere la cosa, se non concludi i pagamenti il comune non rilascerà la concessione e in mancanza di questa gli abusi non saranno sanati, è molto pericoloso
 

nikitaus

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
#9
eccomi, certo io infatti sto aspettando che mi facciano i calcoli , non devo chiedere niente , perché i lavori che devo fare sono con le nuove leggi edilizia libera... l' unica cosa e per il tetto in eternit...
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Brigantes83 ha scritto sul profilo di Gianco.
Salve Gianco, sono nuovo del forum, desideravo esporle una questione, io ho ricevuto un testamento universale olografo da un'amica, quest'ultima era vedova e non aveva figli, ma esiste una cugina (figlia della sorella di sua madre) e una nipote (figlia del fratello del marito defunto)
essendo il testamento universale a mio favore questi ultimi due persone rientrano comunque nell'asse ereditario? grazie
Salve a tutti vorrei sapere come faccio a regolarizzare la mia cantina alta 2,78 e lunga mt 8 e larga mt 6 seminterrata la quale è stata accatastata risulta sulle planimetrie insieme alla casa.La casa era abusiva ed è stata condonata ma la cantina non risulta il condono non capisco il perché dato che risulta sulle planimetrie.Ora dovrei vendere il tutto ma non vorrei avere problemi in futuro o davanti al notaio.
Alto