1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. Pamasi

    Pamasi Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Buongiorno, sono proprietaria di un appartamento in un condominio di 10. A partire dall'accensione riscaldamento del 15 ottobre 2013 non ho usufruito totalmente del riscaldamento in quanto n. 2 elementi a batteria (vecchio sistema) su totale di 6 non funzionavano più. Mi era stato detto dall'amministratore che dovevo attendere la fine del riscaldamento: aprile 2014 e poi far provvedere a mie spese allo svuotamento dell'impianto caldaia centralizzata e successiva sostituzione con nuovi termoconvettori.
    Ho diritto ad un rimborso delle spese di riscaldamento annuali puntualmente addebitatemi e se sì in che percentuale e in base a quale legge o altro?
    grazie per un vostro aiuto.
    Paola
     
  2. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    secondo me hai fatto male a seguire quello che ha detto il tuo amministratore. Io gli avrei mandato una bella R.R. nella quale gli intimavo il blocco della caldaia per poter consentire i lavori nel tuo appartamento. Secondo me nel nel giro di 2/3 giorni si sarebbe risolto tutto. Se non vivi a 2.000 m di quota credo che tutti i condòmini sarebbero sapravvissuti al mancato funzionamento del riscaldamento.
    Però il problema è un altro come mai sei arrivata all'inzio della gestione del riscaldamento in queste condizioni? ti trascuri? Hai avuto tutta l'estate del 2013 per fare le riparazioni e le sostituzioni. Se non sei capace di dimostrare il contrario sarai accusata di comportamento negligente. Così oltre ad essere stata al freddo devi pure pagare. Mi dispiace sei stata una salamella.
     
  3. Pamasi

    Pamasi Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Allora preciso: mi sono accorta del mancato funzionamento dei 2 elementi proprio quando è partito il riscaldamento! Fino ad aprile '13 tutto era ok. Non capisco il senso della risposta che vuol dire mi trascuro e comportamento negligente? Certo che posso dimostrare che il riscaldamento non funzionava avendolo comunicato all'Amministratore e per mia scelta (appartamento vuoto da Dicembre a Marzo '14) ho deliberatamente scelto d'accordo con Amministratore e Azienda che ha in gestione la caldaia centralizzata di attendere i mesi estivi per effettuare i lavori in casa mia.
    Quindi chiedo cortesemente di nuovo : "Ho diritto ad un rimborso delle spese di riscaldamento annuali puntualmente addebitatemi in toto e se sì in che percentuale e in base a quale legge o altro?
    Grazie
    Paola
    P.S. Nulla di personale ma saluto il cotechino.
     
  4. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Mi dispiace che i soliti afecionados non ti abbiano detto la loro. Io non posso confermare che hai fatto male a non pretendere di sospendere per due o tre giorni il riscaldamento per farti riparare i termosifoni che perdevano. A parte il fatto che di norma, con una decina di giorni di anticipo sulla data di inizio del riscaldamento, l'impresa che ha in gestione l'impianto dovrebbe fare per regola delle prove per far emergere i difetti, in modo che nel giorno di inizio del riscaldamento tutto viaggi liscio. Comunque, indipendentemente dal fatto che le prove siano state fatte, tu ti trovi in una situazione assimilabile a quella di quei condòmini che, non abitando nell'appartamento e tenendo le valvole chiuse (quelle normali non quelle termostatiche abbinate ai contabilizzatori di calore), pretendono, ma non ottengono, di non pagare il riscaldamento perché non usufruito. Al momento dell'accordo dovevi, per il tuo interesse, pretendere una dichiarazione scritta nella quale l'amministratore ti esonerava in toto, o in parte, dal pagamento del riscaldamento. "Mò che vai truanne" me disen a Napoli (translation napoletano + meneghino/italiano "adesso cosa vorresti ottenere? come dicono a Napoli). O meglio ancora "Verba volant scripti manent": se hai posto questo quesito significa che l'amministratore abbia negato tutto proprio perché non ha scritto nulla.
    P.S.
    Per quanto riguarda il cotechino, stai attenta a quel che dici, potresti far nascere un idillio.;) :fiore: :fiore: :fiore:
     
  5. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certamente non per le parole che sono ben lontane dal Napoletano, comunque Egr. Pamasi in effetti chi lascia la casa vuota per cose sue non può pretendere uno sconto pertanto paragonando al tuo caso si potrebbe dire essere analogo a quanto suddetto, se invece c'erano le valvole termostatiche controllate in quel caso sarebbe stato automatico il risparmio. poi due elementi che non ti funzionano ma quanto pensi che possono influire su i consumi ?
    Attenzione al colesterolo con cotechini e salemelle :)
     
  6. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    nonostante i miei 134 kg il colesterolo è a posto quello che mi frega è la glicemia.[DOUBLEPOST=1406139589,1406139422][/DOUBLEPOST]
    please visto che sei di Casòria ( alla tv hanno pronunciato diverse volte Casorìa) scrivi tu correttamente quello che ho cercato di scrivere in napoletano. e non dirmi che non sei capace perché tu parli solo italiano perché non ci credo neanche se vengo a trovarti.
     
  7. Pamasi

    Pamasi Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti per le cortesi e scherzose risposte. A quanto sembra, mi conviene lasciar perdere con la richiesta di rimborso seppur parziale e addossarmi in toto svoutamento e riempimento impianto + sostituzione radiatori etc.
    Se posso permettermi: cornuta e mazziata!
    Ciao
     
  8. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    comunque a Roma dicono "Chiedere è lecito, rispondere è cortesia". Tu chiedi, ma con una certa decisione (facendo balenare l'ipotesi di adire alle vie legali), all'amministarore che siccome hai pagato il riscaldamento a vuoto che il condominio contribuisca addossandosi le spese di svuotamento dell'impianto. La sostituzione o riparazione dei termosifoni è un onere a tuo carico.

    P.S. rispetta la tipologia ed il materiale dei termosifoni vecchi altrimenti potresti incorrene in un adeguamento per aver aumentato la superficie radiante e quindi l'assorbimento di calore. Così finisci (cornuta e mazziata)al quadrato.

    Se posso darti un consiglio affoga la tua rabbia in un "tiramisù".
     
  9. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    é quasi scritto bene ma " me disen" non esiste "me dicettene " in un modo che si capisca ma si pronuncia " m' ricettn" leggilo cosi come l'ho scritto.
    Poi sono immigrato a Casoria Ma sono nato è cresciuto a Napoli Capodimonte, giusto per.
    Pamasi ma perchè parli di svuotamento e riempimento impianto se si tratta di un termosifone, chiama un buon idraulico o un termotecnico ci pensa lui senza intervenire sulla caldaia condominiale, stai in casa tua fai la riparazione e non dovrai pagare più di tanto, e caso mai non dici niente a nessuno cosi eviti i professori che sparlano a sproposito.
     
  10. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    @chiacchia non ti sei accorto che la frase è scritta per una parte in napoletano e per l'altra parte in meghenino? eppure avevo scritto

    tu pensi che sia sufficiente chiudera la manopola di ingresso al termosifone per non far uscire tutta la colonna d'acqua della tubazione di adduzione?
    Prova. Ma a casa tua.
     
  11. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    No non ci avevo pensato che era una doppia traduzione anche perchè il meghenino non l'ho mai sentito che dialetto è? per l'ha riparazione invece hai mai visto sostituire un rubinetto senza chiudere l'acqua? è pure si fa! al massimo occorre chiudere l'acqua della caldaia se ha in dispositivo di riempimento automatico e poi è mai possibile che fanno un impianto senza valvole settoriali?
     
  12. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    il meneghino è il dialetto milanese in senso stretto che è diverso dal dialetto brianzolo che passa per milanese.

    Io non l'ho mai visto fare anche perché se si rompe un rubinetto io, fino a chiudere la saracinesca che comanda l'ingresso dell'acqua a casa mia, ci arrivo. quindi l'idraulico arriva in una situazione di sicurezza. Poi se l'idraulico dovesse riaprire la saracinesca per esibirsi in un cambio di rubinetto con acquazampillante dal tubo non faccio altro che prendere la scala, salire nel soppalco, strisciare fino al suo fondo, recuperare l' Estwing (martello da geologo in acciaio monopezzo con manico in gomma, lo stesso inseparabile compagno del televisivo Dott. Geol. Tozzi) e dopo essere ritornato in prossimità dell'idraulico glielo conficco dalla parte della punta a piccozza nel cranio.
    Recentemente in TV hanno fatto vedere un pompiere che a causa della pressione dell'acqua pompata dalla autobotte non riusciva a serrare (quindi manichetta già montata) il niplo di chiusura sul bocchettone.
    E tu mi vieni a dire che monti i rubinetti anche conl'acqua che esce dal tubo? Ci vai in costume da bagno? e chi asciuga tutti i muri e le suppellettili presenti nell'ambiente?
     
  13. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Ma dai non fare l'ostruzionismo il rubinetto è stato cambiato in giardino e ci vuole una certa abilità ma se ci fosse stata la pressione della manichetta dei pompieri di sicuro non ci riusciva ma per la caldaia la pressione è differente al massimo potrà essere di 3 atm e se non c'è l'autoricarica si fa scaricare in casa con pazienza e poi si procede, il meneghino non non l'avevo mai sentito il veneziano stretto si, quello di Cesco Baseggio, se ricordo bene
     
  14. Luigi Criscuolo

    Luigi Criscuolo Membro Storico

    Proprietario di Casa
    eh... eh... eh... Cesco Baseggio xera (era) trevisan (trevisano) parlava molto bene il chioggioto (dialetto di chioggia).
    Mi ricordo che in 4 geometri a Pasqua al teatro Carcano di Milano fu organizzato dalla scuola che frequentavo un mattinee per gli studenti. Si esibiva Baseggio e la sua Compagnia nel "Burbero benefico". andò tutto bene fino al momento in cui Maria Grazia Spina (allora bellissima donna) rimase sola sul palco: dal pubblico partì un "Nuda!!! Nuda!!! Nuda!!!!! Lei prima cercò di contrastare con una certa decisione questa provocazione ottenendo un boato tale che lei si rifugiò dietro le quinte. Uscì allora dal sipario, che era stato chiuso, Baseggio e anche lui cercò di usare il pugno di ferro contro gli studenti che lo fischiarono pesantemente. Lo spettacolo fu sospeso.
     
  15. chiacchia

    chiacchia Membro Senior

    Proprietario di Casa
    :risata:Ragazzacci
     
  16. alberto bianchi

    alberto bianchi Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Una Spina nel fianco.....
    Me la ricordo, gran bella foga.
     
    A Luigi Criscuolo piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina