1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. esselte50

    esselte50 Ospite

    Spettabile Community, sono un nuovo iscritto e spero di aver scelto l'arera giusta.

    Ho bisogno del Vs. prezioso consiglio non tanto per gli importi coinvolti quanto per una questione di
    correttezza ed eventualmente per provocare di riflesso una reazione.

    A seguito eredità, sono comproprietario assieme a due miei cognati (stesssa quota di proprietà) di un
    appartamento situato nella loro città di residenza (che non è la mia).
    Io non possiedo nenche le chiavi dell'appartamento in questione, ma premetto che pago regolarmente
    la mia quota di spese condominiali ordinarie e straordinarie, assicurazione e IMU.
    L'appartamento è sfitto da anni e uno dei miei cognati con una scusa o con l'altra ne ostacola la vendita.
    Nonostante ciò,.... da sempre.... si rifiuta di chiudere le utenze (che tra l'altro sono ancora a nome del defunto) in quanto durante la pausa pranzo usufruisce dell' appartamento per farsi una doccia, mangiare
    qualcosa o.....rilassarsi.
    L'altro cognato condivide la mia richiesta per cui, la mia domanda è:
    - legalmente, possiamo pretendere che le utenze vengano chiuse e/o rifiutarci di
    rimborsargli questo tipo di spese?

    Grazie in anticipo per il vs. consiglio.
     
  2. mapeit

    mapeit Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Beh, io direi che questo cognato potrebbe vergognarsi di far pagare così caro il suo "relax" agli altri due proprietari.
    Secondo me ci sono due soluzioni, una più subdola ed una più formale.

    1. Mettere una pulce all'orecchio alla moglie sul fatto che forse utilizza l'appartamento come "garconniere" ... vedrete che gli farà disdire le utenze quanto prima. :^^:
    2. Inviargli una raccomandata "congiunta" a firma tua e dell'altro propietario nella quale esprimete la vostra ferma intenzione di chiudere le utenze entro 30 giorni per non sostenere più le spese, invitandolo, qualora desiderasse continuare ad utilizzare l'appartamento, a stipulare con voi due un regolare contratto di comodato gratuito e a volturare le utenze a suo nome entro il suddetto termine, fermo restando che qualora non vi provvedesse non esiterete a far cessare le forniture.

    Non esistono leggi che regolano queste particolari situazioni, ma il buon senso e, nel caso non bastasse, la volontà della maggioranza in caso di comproprietà.
     
    A bolognaprogramme e essezeta67 piace questo messaggio.
  3. bolognaprogramme

    bolognaprogramme Membro Assiduo

    Professionista
    Direi che il consiglio di Mapeit è eccellente, sia nella prima versione che nella seconda...

    Anzi, io unirei entrambe le modalità per avere un risultato ottimale !
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina