• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Conte Dudu

Nuovo Iscritto
Salve, vi sottopongo un problema abbastanza grosso.

A marzo 2008 abbiamo dato in permuta ad una ditta edile una casa e un terreno edificabile in cambio di un appartamento. Tra qualche giorno dovremo fare il rogito per acquisire la proprietà di quest'ultimo.
E solo adesso ci siamo accorti che prima della vendita era sì stata fatta una perizia per attribuire un nuovo valore al terreno (asseverata in tribunale) ed evitare la tassazione ordinaria sulla plusvalenza, ma a causa di un fraintendimento non è stata versata l'imposta del 4%....

Vorrei sapere se non c'è proprio nessuna possibilità di rimediare (sfruttando ad esempio la nuova finestra per le rivalutazioni) o in caso contrario a cosa andiamo incontro e cosa ci conviene fare.

Grazie per l'aiuto.
 
L

leontino

Ospite
bisogna redarre una nuova perizia e relativi versamenti. La precedente senza versamento è nulla.
 
L

leontino

Ospite
se avete già stipulato l'atto non è più possibile rimediare
 

Conte Dudu

Nuovo Iscritto
Quindi nessuna possibilità di rimediare? (sfruttando ad esempio la nuova finestra per le rivalutazioni)

Ora a cosa andiamo incontro e cosa ci conviene fare?
 
L

leontino

Ospite
Ma la perizia asseverata è stata almeno citata all'atto di vendita del terreno? Se, come ho capito, ciò non è stato fatto penso non ci sia più nulla da fare.Le nuove perizie rivalutano i terreni con riferimento alla data del 1° gennaio 2010.
 

Conte Dudu

Nuovo Iscritto
Ma la perizia asseverata è stata almeno citata all'atto di vendita del terreno? Se, come ho capito, ciò non è stato fatto penso non ci sia più nulla da fare.Le nuove perizie rivalutano i terreni con riferimento alla data del 1° gennaio 2010.
Sì. nell'atto di vendita la perizia (depositata in tribunale) è stata citata.
E secondo gli accordi (verbali) il versamento era a carico del costruttore. Per questi due motivi ci siamo accorti solo ora che in realtà la rivalutazione non è stata portata a compimento.
 
L

leontino

Ospite
Dubito si possa ora eseguire il versamento. Comunque, la speranza è ultima a morire e quindi ti posso consigliare di rivolgerti all'Ufficio del Registro della tua zona.
 

Conte Dudu

Nuovo Iscritto
Ma nessuno sa dirmi a cosa si va incontro vendendo un terreno ad un prezzo più alto di quello acquistato? (da notare poi che al momento dell'acquisto il terreno era stato indicato come agricolo)

Sulla casa invece non si tiene conto delle plusvalenze, vero?
 

Conte Dudu

Nuovo Iscritto
A proposito del mio problema ho trovato questo articolo:
La plusvalenza derivante dalla cessione di un terreno edificabile si calcola come differenza tra i corrispettivi percepiti nel periodo d’imposta e il prezzo di acquisto del terreno (articolo 68, comma 1, Tuir). Usando l’espressione «corrispettivi percepiti» si intende che la plusvalenza è imponibile nel momento in cui viene percepito il corrispettivo, facendo applicazione del «principio di cassa» e, in caso di dilazione del pagamento, la plusvalenza è determinata con riferimento alla parte del costo o valore di acquisto proporzionalmente corrispondente alle somme percepite nel periodo d’imposta.

Nel mio caso noi non abbiamo ancora incassato nulla, in quanto dobbiamo ancora entrare in possesso dell'appartamento (dovremo fare il rogito a breve).
Inoltre il giorno stesso dell'atto di vendita abbiamo stipulato una scrittura privata registrata (contratto preliminare di vendita) in cui il costruttore si impegna a vendere e noi ad acquistare l'appartamento. E c'è testualmente scritto che "il prezzo viene corrisposto come segue: Euro xxxxx mediante compensazione del credito vantato dalla parte promettente l'acquisto nei confronti della parte promettente la vendita, derivante dalla cessione dell'immobile descritto in premessa ..."

Detto questo sembrerebbe che il momento in cui "viene percepito il corrispettivo" è quando stipuleremo il rogito per l'acquisto dell'appartamento, e pertanto la plusvalenza dovrà essere dichiarata l'anno prossimo nella dichiarazione dei redditi percepiti nel 2010.

Ritenete giusta la mia interpretazione?
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Affitto immobile a stranieri ed occupato da più persone
Ho affittato un appartamento ad un ragazzo extracomunitario con regolare contratto registrato, ma ho saputo che adesso in quell'appartamento ci vivono anche altri due ragazzi non parenti tra di loro anch'essi extracomunitari, volevo sapere se hanno diritto a viverci e se ho delle responsabilità e sopratutto corro il rischio di essere denunciato dai miei vicini?
Alto