1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. meroni.lucia

    meroni.lucia Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Mi è stato posto un quesito a cui non so rispondere forse qualcuno può aiutarmi.
    Un padre ha deciso di rinunciare ad un credito che ha nei confronti di una SAS i cui soci sono un figlio e un nipote. Avendo un altro figlio in caso di successione questa rinuncia può essere interpretata come donazione e quindi rientrare nella successione ?
     
  2. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    No...ma bisognerebbe capire la natura di quello che chiami credito.
     
  3. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La rinuncia a un credito che il donante vanta nei confronti del donatario è una donazione liberatoria (avente l'effetto di eliminare un'obbligazione di cui sia gravato il donatario). Pertanto tale donazione rientra nel novero delle liberalità soggette a collazione.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  4. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Direi che parti dando per assodato esista un "donante" o comunque un atto che equivalga a "donazione" (cd indiretta).

    "Rinunciare a un credito" nell'uso volgare del termine non equivale automaticamente a donazione.

    Bisognerà appunto valutare la natura del "credito", l'esistenza di un titolo rappresentativo e la "forma" con cui si palesa la "rinuncia".

    Ininfluente chi siano i titolari della Sas (Soggetto giuridico diverso da chi compone la stessa)...ma non speficicato natura del debito ed eventuale modo in cui si rinuncia.
     
  5. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se chi rinuncia a un credito lo fa con animus donandi, e non perché (per esempio) rimette un debito perché non ha speranze di realizzarlo, compie una donazione liberatoria.
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  6. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Appunto...deve esserci l' animus...e si deve capire che tipo di credito.
     
  7. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Può essere che il credito sia stato dato,per mettere in piedi la SAS?
    Oppure per camuffare,un donare?regalare?
     
  8. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Può essere troppe cose...anche un prestito.

    Senza un chiarimento su cosa l'abbia determinato diventa impossibile parlare di donazione o anche di remissione (che richiede comunque un atto).

    Altrimenti sai che "battaglie" aprirebbero gli "eredi" per recuperare tutte quelle "partite perse" da chiunque abbia una attività?
     
  9. rita dedè

    rita dedè Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Uhm,
    Attivita,messa in piedi grazie a papà e grazie a nonno?
    O grazie al capitale di proprietà dei due soci?
    Potrebbe esserci una differenza non di poco!
     
  10. meroni.lucia

    meroni.lucia Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Grazie a tutti. Il credito è la somma di utili derivanti da usufrutto non prelevati. Per la rinuncia basta una scrittura privata o ci vuole un atto dal notaio ?
     
  11. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Suona complicata come risposta.

    Intendi che il padre era socio e abbia ceduto la propria quota di utili per un bene della società dato in usufrutto...o che quello che chiami "utile" era una sorta di "canone" per l'uso di un suo immobile utilizzato magari come sede aziendale?
     
  12. meroni.lucia

    meroni.lucia Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Il padre ha l'usufrutto su delle quote della Sas . Non ha mai fatto prestiti la somma a credito e' costituita unicamente da circa 10 anni di utili non prelevati
     
  13. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Bel "ginepraio".
    L'usufrutto di quote di società di persone è molto "dibattuto" e ha subito continui mutamenti di opinione (su ammissibiità e configurabilità).

    Personalmente ritengo che, visto spieghi siano quote di utili non richieste (distribuite), non si possa parlare di "credito".

    Tali somme possono essere accantonate andando in aumento del capitale come Fondi di Riserva.
     
    Ultima modifica: 17 Marzo 2016
    A rita dedè piace questo elemento.
  14. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Come fu costituito tale diritto in capo al padre? Il padre ha quindi dichiarato gli utili prodotti dalla società e a lui spettanti, posto che il nudo proprietario della quota, per effetto della cessione del diritto parziario sulle partecipazioni, perde il diritto a tali utili?
     
    A rita dedè piace questo elemento.
  15. meroni.lucia

    meroni.lucia Membro Junior

    Proprietario di Casa
    Il padre ha venduto la nuda proprietà al figlio e si è tenuto l'usufrutto il tutto Can atto notarile ed effettivo passaggio di denaro. Esatto il padre ha dichiarato gli utili e ha pagato le relative imposte ma non li ha prelevati ed ora vuole rinunciarvi.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina