1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. MARIA TERESA68

    MARIA TERESA68 Nuovo Iscritto

    Salve. Mi scuso in anticipo per la prolissita' del caso!
    Nel novembre 2010 ho fatto proposta di acquisto(tramite agenzia immobiliare) a due fratelli per due diversi immobili adiacenti, versando ad ognuno di loro una caparra confirmatoria di euro 5.000. Dei due immobili, uno e' quello piu' grande, l'altro si compone di due stanze all'interno di un piano, il quale, per poter procedere al preliminare doveva essere sottoposto ad una procedura di frazionamento, attualmente in corso. Col frazionamento si sarebbero isolate queste due stanze senza accesso esterno, ma unicamente collegabili col piano inferiore da me acquistabile dal fratello.Nella proposta dell'immobilie piu' piccolo e' stata inclusa una clausola che lo assoggetta all'accettazione da parte dell'altro fratello, che puntualmente dopo 15 gg e' arrivata, e all'accettazione della documentazione da parte del notaio rogante. A tutte e due le proposte sono state apposte alcune scadenze:entro il 30/11/2010 contratto preliminare presso il mio notaio, entro il 30/4/2011 rogito e consegna dell'immobile. Il tutto si riteneva idealmente conseguente alla conclusione del contratto con il proprietario dell'immobile principale. Purtroppo la documentazione fornita dai venditori era completamente errata e manchevole(assoluta non corrispondenza di quanto al catasto con la realta', condoni non perfezionati, dichiarazione di non abitabilita' di una stanza nella parte principale, non completamento della successione, ecc). Tutto cio' ha allungato all'infinito le scadenze senza che io comunicassi alcunche' e lasciando l'intenzione mia di proseguire con l'acquisto (verbalemente e all'agenzia). A marzo la documentazione relativa alla parte principale e' apparsa in regola e quindi abbiamo proceduto ad un contratto preliminare con versamento di una ingentissima caparra confirmatoria. Solo allora, il fratello proprietario delle due stanze ha proceduto ad iniziare il frazionamento presso il comune(anche perche' fino ad allora bloccato da problemi di destinazione d'uso dell'immobile, ufficio anziche' abitativo). La data posta sul preliminare per il rogito della parte principale e' stata fissata nel 20 luglio (resta un ultimo dettaglio su di un ulteriore cambio di destinazione d'uso). Per modificate (mie) condizioni economiche e di concessione di un mutuo, ho deciso di rinunciare all'acquisto delle due stanze, almeno per il momento. So che sono state sostenute spese per circa 4.000 per il frazionamento(comunque non ancora concesso) e pensavo che comunicando al venditore la mia rinuncia all'acquisto, rinunciando alla caparra confirmatoria e visto l'avvenuto scadere (ampio) dei termini del contratto, sarei stata a posto. L'agente immobiliare, invece, dice che non e' cosi semplice e che deve capire come agire, perche' il venditore potrebbe chiedere un risarcimento danni. Premesso che lui non aveva mai incaricato l'agenzia immobiliare della vendita ma che sono stata io a chiedere di cedermi due stanze, vorrei capire come strutturare la lettera (raccomandata?) da inviargli e qual'e' il rischio economico che corro. Grazie e scusate ancora!
     
  2. ccc1956

    ccc1956 Nuovo Iscritto

    se tu rinunci ad acquistare dopo che il proprietario aveva accettato la tua proposta devi lasciare la caparra confirmatoria perche' sei inadempiente.
    In ogni caso, il danneggiato può rinunciare alla caparra e ottenere invece in giudizio che il contratto venga comunque portato a termine e puo' chiederti i danni per le spese da lui sostenute se puo' provarle.
     
  3. MARIA TERESA68

    MARIA TERESA68 Nuovo Iscritto

    quindi anche se le scadenze accettate da loro per il preliminare ed il rogito sono passate da mesi senza che io rinunciassi all'acquisto?
     
  4. tovrm

    tovrm Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Se i termini per rogitare sono scaduti e i venditori non hanno adempiuto a quanto era contrattualmente previsto, puoi recedere dal contratto per loro inadempienza e nulla è loro dovuto.
     
  5. acquirente

    acquirente Nuovo Iscritto

    .....................dovevi metterli in mora per il ritardo. Il fatto che non l'hai fatto, significa che hai accettato il ritardo.
     
  6. MARIA TERESA68

    MARIA TERESA68 Nuovo Iscritto

    ultimo chiarimento. io non ho mai inviato comunicazione a loro riguardo la mia volonta' di non completare l'acquisto in quanto scaduti i termini, ed ormai sono passati dei mesi. So che le date previste sono passate non per loro inattivita' ma per problemi dell'ufficio del catasto. questo conta ai fini della causa? posso limitarmi ad offrire di lasciare l'assegno di 5000 euro (caparra confirmatoria) piu' il rimborso spese per la procedura di frazionamento (circa stesso importo)?grazie!
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina