1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Salve a tutto il forum Propit,
    mia suocera ha un diritto di usufrutto su alcuni beni immobili mentre la nuda proprietà è dei suoi 2 figli.
    Chiaramente l'usufrutto di questi beni incide sul suo ISEE per cui non può accedere a determinati sussidi di cui si avvantaggerebbe se rinunciasse a quel diritto reale.
    Come si può fare? Mia suocera deve rivolgersi ad un Notaio per la rinuncia o ci sono altri strumenti giuridici che le permettono di farlo?
    Grazie
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Ex art. 1350, comma 1, n. 5) c.c. basterebbe una scrittura privata.
    Ma:
    - ex art. 2643, comma 1, n. 5) c.c. l'atto si deve rendere pubblico col mezzo della trascrizione;
    - ex art. 2657, comma 1 c.c. la trascrizione non si può eseguire se non in forza di sentenza, di atto pubblico o di scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente.
    Conclusioni: sì, occorre un notaio (per l'atto pubblico o per autenticare la sottoscrizione della scrittura privata).
     
    Ultima modifica: 18 Novembre 2015
    A Savepac, Gianco e Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  3. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Grazie Nemesis, sempre chiaro e disponibile
     
  4. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Aggiungo ciò che è stato dibattuto più volte che i notai pur avendo
    l'esclusiva blindata per l'autenticazione dell'atto, si rifutano di farla, adducendo il motivo di dover rispettare la legge tributaria che equalizza la rinunzia alla donazione con l'immediato risvolto da atto
    unilaterale a atto bilaterale con la conseguenza di decuplare i 100 o i 150 euro della autentica fino 2.500-3.000 euro per la parcella con le
    imposte. Con il successivo aggravio, in caso di futura vendita, da parte delle banche che si rifiuterebbero di erogare un mutuo.
    Ne approfitto per chiedere a @Nemesis: Le circolari dell'ADE diventano legge a tutti gli effetti??? O sono prima convalidate da un intervento parlamentare??? Si può o no parlare di arbitrio??? E di sconvolgimento del Codice civile con un ribaltamento al limite della
    prepotenza??? Grazie. quiproquo.
     
  5. ANTOPE

    ANTOPE Membro Attivo

    Ma nelle more della legge tributaria si deve rispettare la legge in vigore; penso che dal punto di vista giuridico la rinuncia di un diritto sia solo unilaterale; in questo caso gli effetti sono conseguenziali dal momento che alla rinuncia consegue il consolidamento del diritto di proprietà in titolo ai nudi proprietari.

    Riguardo alle modalità della rinuncia vorrei un chiarimento: la persona che deve rinunciare all'usufrutto è ricoverata in una struttura residenziale e non è trasportabile; secondo voi il Notaio ha bisogno della sua presenza o è sufficiente che lui abbia il documento di rinuncia di cui i figli si fanno latori?
    Grazie
     
  6. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    La firma deve essere apposta davanti al notaio.
     
  7. moralista

    moralista Membro Attivo

    Professionista
    E' necessaria la presenza del rinunziante, e/o la trasferta del notaio nella struttura dove c'è l'attuale dimora
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina