1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. hamilton

    hamilton Nuovo Iscritto

    buongiorno,
    nel 2005 mio padre ha fatto un atto di donazione a noi 3 figli. Ora mio padre è morto, possedendo solo 1/10 di un'abitazione (non in donazione) che deriva da eredità dei suoi genitori e per cui non c'è l'accordo da parte dei miei zii sul da farsi. Per questo noi 3 figli vorremmo fare rinuncia all'eredità (e poi anche farla fare ai nostri figli minorenni) ma ci chiediamo se l'atto di donazione possa essere messo in discussione.
    grazie per le risposte
     
  2. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Le donazioni effettuate in vita da tuo padre si possono ridurre solo se esiste un legittimario leso che non trova di che soddisfare il suo diritto su quanto tuo padre ha lasciato alla sua morte. Se questo sia nel tuo caso lo potete sapere soltanto voi. E a parte il discorso sui limiti alla circolazione dei beni donati, a causa del timore che i terzi (cioè i potenziali acquirenti e le loro banche finanziatrici) potrebbero nutrire in merito alla possibile impugnazione delle donazioni. I tuoi zii, a scanso di equivoci, non sono eredi legittimari di tuo padre. Quindi non hanno titolo per agire in riduzione. Ma perché i tuoi zii dovrebbero accordarsi su qualcosa? Se tuo padre non aveva fatto testamento, la sua eredità si è devoluta ai suoi eredi legittimi. Quindi, da come hai esposto, sembrerebbe solo a voi tre, suoi figli. Perché vorreste rinunciare alla sua eredità? E la successiva rinuncia da parte dei vostri figli minori sarebbe fattibile solo dopo l'autorizzazione del Giudice Tutelare. Trattandosi di soggetti minorenni, deboli per definizione, il giudice tende ad autorizzare solo la rinuncia ad eredità che contengono passività preoccupanti, ossia nell'ipotesi in cui la rinuncia all'eredità sia giustificata da fondate motivazioni di necessità o utilità evidente del minore (per es. nel caso che il defunto sia fallito o comunque risulti palesemente oberato da debiti).
     
    A erwan, bolognaprogramme e Ennio Alessandro Rossi piace questo elemento.
  3. hamilton

    hamilton Nuovo Iscritto

    Per la donazione non c'è nessun altro leggittimario poichè coinvolte tutti i figli. Vogliamo rinunciare perché non conveniente: cosa ce ne facciamo di una parte di abitazione che non possiamo né usare né vendere e per la quale non sono state pagate ICI e altre tasse?
    Quindi, se ho capito bene, la rinuncia non comporta nulla sulla donazione, vero?
     
  4. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    :daccordo::ok:
     
  5. Ennio Alessandro Rossi

    Ennio Alessandro Rossi Membro dello Staff

    Professionista
    perchè rinunciare ? potete vendere la quota ad un altro erede ( chi offre di più) a condizione che che si accolli i debiti tributari pregressi (fra l'altro non si pagano sanzioni se l'evasore è defunto ) . Comunque "1/10 di ICI e altre tasse" corriponderanno probabilmente a cifre modeste
     
  6. hamilton

    hamilton Nuovo Iscritto

    Nessuno vuole comprarsi la quota
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina