• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Maurizio Uberti

Nuovo Iscritto
Proprietario Casa
I due figli e i nipoti minorenni hanno espresso (presso la Volontaria Giurisdizione del Tribunale) rinuncia all'eredità di mia cognata, vedova e morta lo scorso anno. Le proprietà di mia cognata sono irrisorie: una piccola porzione di un rustico in montagna di valore di poche centinaia di euro. Ma ha delle cartelle esattoriali da pagare ed un residuo debito da una finanziaria, contratti come garante dell'ex-marito (morto anche lui qualche anno fa). A questo punto, mia moglie (sorella della signora morta) e le altre 5 sorelle devono fare anche loro la rinuncia all'eredità, per non avere problemi? E se sì, devono tutte andare alla Volontaria Giurisdizione del Tribunale di Brescia? Dove si può vedere se sono state nominate eredi? riceveranno una comunicazione dal giudice?
 

Dimaraz

Membro Storico
Proprietario Casa
Se gli eredi non compiono atti "idonei" ad una "accettazione tacita" non dovrebbero temere nulla.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Non essendo legittimari non sono chiamati a rispondere del passivo se non accettano l'eredità anche se fosse tacita.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Non essendo legittimari non sono chiamati a rispondere del passivo se non accettano l'eredità anche se fosse tacita.
Eh? Chiunque, legittimario o no, finché non accetta l'eredità (o finché non è considerato erede puro e semplice) non risponde dei debiti ereditari.
Ho tentato di interpretare la parte "anche se fosse tacita", ma non ci sono riuscito.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
@Nemesis, non vorrei sbagliarmi, ma i legittimari subentrano al de cuius, anche con l'accettazione tacita, tranne se rinunciano all'eredità. Evidentemente se un erede accetta deve rispondere anche del passivo lasciato in successione.
 

basty

Membro Storico
Proprietario Casa
@Gianco: credo che @Nemesis abbia inteso dire che finché non si accetta , esplicitamente o no, non si eredita e non si corrono rischi in caso di passività prevalenti.
Anche la accettazione tacita è una accettazione: esercitata attraverso un comportamento che si configura come volontà di ereditare
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
L'accettazione dell'eredità può essere notarile o tacita e deve essere manifestata entro i dieci anni nel senso che uno all'interno di quel periodo potrebbe anche cambiare idea. Pertanto, gli eredi legittimi che dovessero subentrare lo potranno fare trascorso quel periodo e magari il debito cade in prescrizione.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
ma i legittimari subentrano al de cuius, anche con l'accettazione tacita
Tutti i chiamati sono... chiamati a succedere. E i chiamati non sono i soli legittimari, ma anche i legittimi e quelli istituiti con testamento
L'accettazione dell'eredità può essere notarile o tacita e deve essere manifestata entro i dieci anni nel senso che uno all'interno
di quel periodo potrebbe anche cambiare idea
Semel heres, semper heres.
L'accettazione dell'eredità è irrevocabile: se l'eredità viene accettata, si diventa eredi. Non si può più rinunciare.
gli eredi legittimi che dovessero subentrare lo potranno fare trascorso quel periodo e magari il debito cade in prescrizione
Qualunque sia la modalità di accettazione, il chiamato all'eredità ha 10 anni di tempo per decidere se accettare o meno. Se entro quel termine non si manifesta l'accettazione si perde ogni diritto sull'eredità.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Con la successione, in assenza di testamento, intervengono i legittimari che hanno 10 anni di tempo per accettare. Superato il termine possono farsi avanti gli eredi legittimi ovvero vengono contattati per partecipare alla divisione dell'eredità giacente. Dico bene?
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
Con la successione, in assenza di testamento, intervengono i legittimari
No. Nella successione legittima l'eredità si devolve al coniuge (o alla parte dell'unione civile), ai discendenti, agli ascendenti, ai collaterali, agli altri parenti e allo Stato, nell'ordine e secondo le regole stabilite nel titolo II del Libro II del codice civile.
Non si devolve ai soli legittimari.
che hanno 10 anni di tempo per accettare. Superato il termine
Non possono più accettare (tutti, e non solo i legittimari) e quindi diventare eredi.
 
Ultima modifica:

Gianco

Membro Storico
Professionista
Se sono presenti i legittimari i collaterali vengono esclusi se non nominati in un testamento.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Evidentemente non mi sono spiegato bene.
Con la successione, in assenza di testamento, intervengono i legittimari che hanno 10 anni di tempo per accettare. Superato il termine possono farsi avanti gli eredi legittimi ovvero vengono contattati per partecipare alla divisione dell'eredità giacente. Dico bene?
Eppure è quello che intendevo dire.
 

Gianco

Membro Storico
Professionista
Andiamo per gradi: con la successione senza testamento l'eredità viene suddivisa fra i legittimari. Se questi non accettano, hanno tempo 10 anni, subentrano gli altri aventi diritto, alla stessa stregua di una eredità giacente.
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
con la successione senza testamento l'eredità viene suddivisa fra i legittimari
No! Continui a confondere i legittimari con i successibili legittimi.
Se questi non accettano, hanno tempo 10 anni, subentrano gli altri aventi diritto
No.
Il diritto di accettare l'eredità per tutti si prescrive in dieci anni, decorrenti dal giorno dell'apertura della successione. Solo in caso d'istituzione condizionale, la prescrizione decorre dal giorno in cui si verifica la condizione. In caso di accertamento giudiziale della filiazione il termine decorre dal passaggio in giudicato della sentenza che accerta la filiazione stessa.
Il termine non corre per i chiamati ulteriori, se vi è stata accettazione da parte di precedenti chiamati e successivamente il loro acquisto ereditario è venuto meno.
I minori, gli interdetti e gli inabilitati non s'intendono decaduti dal beneficio d'inventario, se non al compimento di un anno dalla maggiore età o dal cessare dello stato d'interdizione o d'inabilitazione, qualora entro tale termine non si siano conformati alle norme della Sezione II del Capo V del Libro II del codice civile.
 
Ultima modifica:

Gianco

Membro Storico
Professionista
@Nemesis, hai ragione il diritto ereditario che non seguo con assiduità, mi è appena ostico. Cercherò di documentarmi. Grazie delle "dritte" e scusa la mia ignoranza specifica.
 

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Le Ultime Discussioni

Ultimi Messaggi sui Profili

Ti è stato detto, informa con raccomandata R.R. la locataria che pretendi ti dia un'altro alloggio a parità di canone
Alto