1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. kabala

    kabala Nuovo Iscritto

    Buonasera, siamo 3 figli e da qualche mese è morto mio padre, non ha lasciato testamento, ora c'è un problema: 1 figlio ha problemi di debiti con agezia delle entrate e con privati, quindi ha pensato di rinunciare all'eredita'.
    Ora se lui rinuncia io e l'altro fratello andremmo ad essere unici eredi del patrimonio di mio padre, ma io mi chiedevo, puo' un debitore di mio fratello entro 5 anni annulare la rinuncia all'eredita' dell'altro fratello e subentrare per il recupero dei debiti?
    Se si il recupero del debito è limitato alla sola quota spettante al fratello indebitato oppure possono chiedere la copertura di tutti i debiti ledendo cosi' anche le quote spettanti a me e altro fratello (non indebitati).
    A questo punto mi chiedevo se non era meglio per noi accettare con il beneficio d'inventario?
     
  2. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Non vedo fattibile l'accettazione con beneficio d'inventario, in quanto i debiti non sono del tuo defunto genitore. Tuo fratello, che vorrebbe rilnunziare all'eredità, ha figli?
     
  3. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao kabala
    Il diritto alla rinuncia all'eredità viene esercitata qualora si presume che i, defunto abbia piu debiti che guadagni e da cosa hai scritto mi pare che non è il caso di tuo padre.
    la rinincia invece doveva farla tuo fratello che ha debitipendenti così come previsto dall'art. 519 del Codice Civile per evitare che la quota ereditata venga acquisita dai creditori, a sua volta i creditori hanno diritto all'impugnazione della rinuncia ai sensi dell'art. 524 ma per i beni di questi e non degli altri coeredi.
    Ciao salves
     
  4. kabala

    kabala Nuovo Iscritto

    uno in arrivo ancora non nasce (dovrebbe arrivare fra 3 mesi)
     
  5. kabala

    kabala Nuovo Iscritto

    ok allora, questo mi è chiaro.
    grazie
     
  6. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Penso che non solo i creditori di tuo fratello potrebbero impugnare e contestare la rinuncia da lui fatta, ma anche il figlio quando diventerà maggiorenne potrebbe impugnare la rinuncia fatta dal padre.
     
  7. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    tuo fratello può rinunciare ma i creditori possono impugnare la rinuncia e rifarsi sulla sua quota. se non volete seccature la cosa migliore è che lui accetti e paghi i suoi debiti altrimenti rischiate spese per intestarvi qualcosa che poi dovrete restituire. io lascerei perdere.
     
  8. Fausto1940

    Fausto1940 Membro Attivo

    Pienamente d'accordo con Salves! Cautandero, quando il bimbo diventerà maggiorenne, saranno trascorsi "solo" 18 anni, visto che ancora non intende nascere; con i termini di prescrizione ci sarà da divertirsi!:sorrisone:
     
  9. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    A mio parere, ma non sono un legale, la soluzione più semplice è quella di vendere l'eredità e di dividervi il ricavato: voi avreste la vostra parte senza patemi ed il fratello insolvente alleggerirebbe la propria soluzione ...... sempre che non sia impraticabile per altra tipologia di vincolo. In questo caso, c'è sempre la possibilità che tu e l'altro fratello possiate acquistare la parte del fratello con i debiti, però bisogna fare in maniera che che non ci siano appigli per i creditori.


    Per ultimo: Appurato che l'eventuale creditore può rivalersi solo sulla parte del rinunciatario, potete sempre rischiare, alla peggio spostate nel tempo quanto avevo suggerito nel capoverso precedente.
     
  10. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Il figlio di tuo fratello , in caso di rinunzia all'eredità, sarà erede per rappresentazione sin dalla nascita e non quando sarà maggiorenne.
     
  11. arianna26

    arianna26 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    considera comunque che se i creditori non stanno dormendo non è così facile dire "io non voglio alcun che" e lasciare che erediti tutto il figlio e/o i fratelli trasferendomi poi la mia parte alla chetichella...
     
  12. Fausto1940

    Fausto1940 Membro Attivo

    ovviamente, per rappresentazione; ma chi si incarica della tutela e di accettare l'eredità che comunque il giudice tutelare sottoporrebbe al beneficio di inventario? Il problema è che il fratello dovrebbe mettere sul piatto della bilancio le proprie "grane". Il nascituro, in caso di assenza di un tutore che si assuma la briga di agire in suo favore, per quanto mi risulta, potrà accedere all'eredità (o a quel che ne resta) al raggiungimento della maggiore età. Posso documentare, ovviamente senza violare la privacy degli interessati.
     
  13. kabala

    kabala Nuovo Iscritto

    Se ho ben capito quindi ho tre mele da dividere per tre fratelli, uno rinuncia, le mele restano 3 ma vanno divise per due.
    1) io prendo una mela e 1/2
    2) mio fratello prende una mela e 1/2
    3) l'altro fratello che ha rinunciato ha pero':
    --- A) i creditori che entro cinque anni possono vantare titolo sulla 1/2 che ho preso io e sull'altra 1/2 che ha preso altro fratello.
    --- B) il nascituro erede puo' indeterminatamente reclamare la quota rinunciata all'epoca dal padre.
    Quindi se io e mio fratello prendiamo 1 mela e 1/2 a testa sappiamo che per ciascuna 1/2 mela presa pesa la spada di Damocle (creditori e/o erede nascituro)?
    Allora se fosse cosi' io mi chiedo o meglio a chi sa chiedo:
    - questo è un vincolo imposto "ingiustamente" ai due fratelli non debitori, perche' io non andrei mai a prendermi una mela e 1/2 sapendo gia' a priori che la 1/2 in qualche modo è pendente, e quindi lascio anche io pure la mia quota di una mela e non intesto.
    Ma allora non c'è una legge che tuteli anche chi sempre onestamente si è comportato in vita?
    Posso io prendermi a questo punto sempre ripartendo dall'esempio delle tre mele - 1 mela - l'altro fratello - 1 mela - e la terza mela lasciarla li e chi vuole e/o deve prenderla quando vuole e se vuole se la prende?
    :???:
     
  14. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Purteoppo no il fatto di non esserci testamento in situazione non debitoria tuo fratello ereditava cosi come te e l'altro fratello la quota di 1/3 indiviso su tutti e tre gli appartamenti, rinunciando all'eredità non ha fatto altro che rinunciare a questa quota in tutti e tre gli appartamenti.
    Adesso a parere mio fino a che è tuo nipote a recriminare non puoi far altro di considerare che in fondo era bene di suo padre quindi suo ma se a far ciò sono estranei creditori la cosa cambia, cioè farei in modo di non farmi togliere il mio.
    I creditori accorgendosi della rinuncia possono opporsi col citato art. 524 e chiedere la divisione se possibile ed acquisire la parte relativa a tuo fratello, in caso si ottempera a quanto previsto dall'art. 720, dalla vostra avete l'art. 715 in riferimento alla situazione ed il 719.
    Vista la complessità della situazione di diritto ti consiglio di consultarti con un legale per la salvaguardia dei beni da te ereditati.
     
  15. cautandero

    cautandero Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Certo che puoi prenderti la tua mela che è solo tua. Forse tu e Kabala e Salves non vi siete spiegati bene. La terza mela come tu dici se la prendono i creditori. procedi subito alla divisione dei beni e fate assegnare a Vs/ fratello ciò che gli spetta. Tuo fratello deve convincersi che quanto ereditato (a causa dei suoi debiti) non gli appartiene. E' lodevole il suo pensiero di rinunciare per far accrescere la Vs/ parte, ma accettandola vi andrete ad impegolare in infiniti guai legali. Quindi e meglio che tuo fratello acquisisca la sua parte, proceda alla vendita al più presto e con il ricavato soddisfi i suoi creditori.
     
  16. maria55

    maria55 Membro Attivo

    Professionista
    Secondo me dovreste procedere alla denunzia di successione e subito dopo la divisione dei beni con attribuzione di un appartamento per singolo erede. I creditori di tuo fratello potranno soddisfarsi sul bene allo stesso assegnato.
     
  17. giudichan

    giudichan Nuovo Iscritto

    Salve a tutti, sono ai miei primi post. Sto cercando storie di eredità contese. Potete aiutarmi? :daccordo:
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina