• propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Lalla71

Membro Attivo
Proprietario Casa
Buongiorno,avrei bisogno di un'informazione. A seguito della morte di mio padre, vorrei rinunciare alla mia quota di eredità e cosi anche mia figlia maggiorenne. Lascerei tutto, onori ed oneri, a mia sorella. Posso fare la rinuncia da sola portando il modulo in tribunale o dobbiamo avvalerci per forza di un professionista? Posso fare un unico modulo per entrambe (io e mia figlia) pagando 200 euro in tutto, o devo fare 2 moduli e pagare 400 euro?
 

slenisap

Membro Attivo
Proprietario Casa
Sì.
L'atto contenente più rinunce all’eredità di cui all’articolo 519 del codice civile è assoggettato a tassazione con applicazione di un’unica imposta fissa di registro di 200 euro.
La rinuncia va fatta coinvolgendo gli eredi fino alla sesta generazione
 

Nemesis

Membro Storico
Proprietario Casa
entrano tutti i discendenti dell'erede fino alla sesta generazione
"Entra" solamente chi intende rinunciare. E la fattispecie in discussione riguarda la rappresentazione, che ha luogo in infinito. Ossia fino a quando non vi sia un discendente che succeda al proprio ascendente. A prescindere dal grado dei discendenti e dal loro numero in ciascuna stirpe. E in questo si differenzia dalla successione legittima, che non ha luogo oltre il sesto grado.
 
Ultima modifica:

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Ultimi Messaggi sui Profili

Ho affittato a un inquilino con figli in età scolare un alloggio al 2° p. di un piccolo condominio. Il fornaio del p.t., si è lamentato "pesantemente" con me perchè i suddetti figli (ora in DAD) lo disturbano durante il giorno. Ho invitato civilmente il padre a moderare l'esuberanza dei ragazzi ma inutilmente. La domanda è: Qual è la mia responsabilità circa il diurno disturbo arrecato al fornaio?
Buongiorno. Mio figlio è proprietario di un locale di 35 mq. adibito a magazzino, classe C2 ubicato nel cortile di un palazzo, piano terra. Desiderando cambiare la destinazione d'uso, per realizzare ad esempio un piccolo laboratorio, deve avere il consenso del condominio, con delibera assembleare?
Alto