1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Michela805

    Michela805 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti.
    L'anno scorso è venuto a mancare mio padre. Possedeva, cointestato con mia madre, un appartamento di edilizia popolare riscattato ed un conto corrente.
    Ho 3 fratelli di cui due sposati con prole e uno disabile interdetto il cui tutore è ora mia madre.
    Mio padre non ha lasciato testamento, almeno non che noi sappiamo. La volontà mia e dei miei fratelli è di lasciare tutto a mia madre. Come possiamo fare per evitare di ereditare la casa? La successione legittima ci assegnerebbe ovviamente una quota, che nessuno di noi vuole.
    Personalmente ho anche altri problemi, che mi rendono sconveniente ereditare la porzione di casa. Io potrei fare la rinuncia all'eredità ma comunque questo non risolverebbe il problema ai miei fratelli, i quali in presenza di figli minori non possono farla.
    Grazie a tutti per i consigli.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Salvo non si sia realizzato quanto indicato nell'art.485 CC (nel qual caso lei e i suoi fratelli sareste già eredi a tutti gli effetti), unica strada praticabile è la riuncia della propria quota; per i fratelli con figli minori, alla rinuncia del genitore dovrà seguire la "rinuncia del minore" (il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore); non è detto che verrà concessa (temo anzi proprio il contrario)
     
  3. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tu potresti fare la rinuncia. La tua quota verrebbe suddivisa fra i tuoi fratelli e mamma. Poi lasciate le cose come stanno visto che comunque mamma ha il diritto di abitazione.
     
  4. griz

    griz Membro Senior

    Professionista
    tieni presente comunque che quando anche tua madre se ne andrà, gli eredi sarete comunque voi
     
  5. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    A meno che non rinunciate anche allora e l'unico erede resterà tuo fratello interdetto e uno di voi fratelli verrà nominato tutore in sostituzione di vostra madre.
     
  6. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Cosa succede se:
    I quattro fratelli rinunciano all'eredità e si astengono dal farlo per i minori???(Quando mori mio padre...quattro figli +la moglie/madre rinunciammo all'eredità nella cancelleria della pretura di Cava d.Tirreni e senza spendere una lira...io con un altro fratello eravamo padri di cinque creature e nulla facemmo nella direzione indicata per i minori.Eravamo nel 1969 ed il codice civile era già in vigore...)
    Cosa fa il cancelliere? Segnala la cosa al tribunale o si fa i Kaiser "sua" ...Visto fra l'altro che, come lei asserisce, il tribunale neanche concederebbe..Evviva, Evviva!
    Tutto collima. " Se è così"... il mio consiglio è di imitare quiproquo del 1969 (ahimè...) escludendo la signora madre diventata erede responsabile di fatto...Quando anche la madre volerà al cielo se ne riparlerà...Magari i minori saranno diventati maggiori e sarà più facile addivenire ad un nuovo accordo.
    Ringrazio Ollj per la consulenza. qpq.
     
  7. Michela805

    Michela805 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Intanto grazie a tutti per le risposte.
    Volevo chiedervi un'altra cosa. Ho chiesto ad un notaio per la pubblicazione di un eventuale testamento e mi ha detto che vuole € 1200 per la sola pubblicazione, più € 400 per la rinuncia all'azione di riduzione (facoltativa, diceva, utile per "blindare" il testamento in caso di legittimi esclusi) ed altri € 400 per l'accettazione. Mi sono sembrati un'enormità. Non sono andata da altri notai a chiedere perché non penso che si possano trovare grandi differenze, voi che ne dite? Grazie.
     
  8. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Tanto per cominciare al posto del "pubblico" opta per il "segreto" che costa solo 250 euro. Per il resto non capisco la riduzione da chi e contro chi e chi sarebbe l'accettante e di che...E in che tempi...i dettagli sono importanti per bene incorniciare il topic e per la migliore comprensibilità da parte di tanti come
    quiproquo.
     
  9. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Forse mi è sfuggito qualcosa o non ho letto bene tutti i post. Ma se tu che come hai detto, sei l' unico che può rinunciare all' eredità in quanto non hai figli, lo stesso non possono farlo i tuoi fratelli perché alla loro rinuncia subentrerebbero, per rappresentazione, i loro figli. Allora, meglio che solo tu faccia la rinuncia. Quando toccherà (il più tardi possibile) a mamma andarsene, farai una nuova rinuncia per la tua quota di eredità ed insieme ai tuoi frarelli fratelli penserete poi a come tutelare al meglio il vostro fratello meno fortunato.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Se aveva indicato spese per la pubblicazione del testamento, non stava ipotizzando un testamento pubblico. E un testamento segreto deve essere pubblicato, come quello olografo.
     
  11. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Succederà un bel niente... Tutto rimarrà in stand-by fino a maggior età dei minori e prescrizione del loro diritto di accettazione. Non mi pare che lo scrivente volesse tutto ciò, anzi!
     
  12. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie Nemesis ho confuso i fischi con i fiaschi e mentre mangiavo dei fichi mi è scappato un fischione che ha rotto il fiasco di cannonau 14 gradi che mi ha stordito fino al punto di confondere la pubblicazione del testamento con il testamento pubblico che costa per l'appunto 1.200 euro. Quindi provo a rettificare
    esortando il postante a gestire personalmente la registrazione all'ADE evitando
    l'intervento del notaio...Ponendo attenzione a farsi dare la delega dalla madre
    ammesso che si possa fare per evitare di diventare erede. Ci ritorneremo.
    Grazie di nuovo a Nemesis. P.S. Rileggendo il tema si evince che non vi è testamento
    e quindi il mio abbaglio era stato indotto perchè ho pensato che si riferisse al futuro
    testamento della madre...Questo solo per dire anche ad Ollj che il postante chiedeva
    pareri e consigli un pò su tutto e che la sua preferenza era di autoscludere prima lui e
    poi i suoi fratelli. Io ho indicato un sentiero già da me percorso nel lontano 1969
    che non mi sembra vietato. Dovremmo analizzare cosa accadrà quando ci sarà la dipartita
    della madre. Con i nipoti maggiorenni sarà una cosa, ancora minorenni un'altra.
    Nel frattempo con la rinuncia dei quattro fratelli si acquisisce tempo per una più profonda
    riflessione che li troverà preparati al triste evento. Fra l'altro, credo che sarà la meno dispendiosa in fatto di arrovellamento burocratico e forse anche di denaro.
    Il caso resta molto interessante e col permesso del postante, di seguirne l'aggiornamento.
    Cordiali saluti a tutti.
     
    Ultima modifica: 25 Maggio 2016
  13. Michela805

    Michela805 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    La situazione è un po' complessa per via della presenza del fratello interdetto, che chiaramente non può rinunciare all'eredità, o meglio si può anche fare la richiesta al giudice ma nessun giudice sano di mente darebbe l'ok.
    Fatemi capire: che io sappia un testamento olografo per avere effetto deve essere pubblicato da un notaio. Non è così? Esiste un'altra strada?
    Comunque la rinuncia di tutti i fratelli escluso l'interdetto non è una strada percorribile (al di là di tutto comporterebbe una spesa di quasi 700€).
    Grazie ancora!
     
  14. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Innanzitutto ti chiedo scusa perchè credevo che fossi un maschio...
    La domanda ancora che mi arrovellava era perchè parli di testamento quando
    nell'esposizione iniziale hai escluso che vi fosse un testamento. vi è un controsenso
    spiegabile solo con quanto avevo anticipato e cioè che stai pensando ad un eventuale testamento di tua madre...E' così? O cos'altro. Se è così avevo visto giusto per consigliarti un testamento olografo "segreto" e non pubblico. Se poi
    è qualcosa d'altro allora ti dispiace chiarircelo??? Restando sull'ipotesi testamento
    futuro di tua madre (solo olografo nel cassetto...) per certi aspetti si complicherebbe ancor di più la situazione.
    Se tuo padre "saggiamente" non ha fatto il testamento ne aveva ben donde...
    Moltissimi futuri decuius evitano il testamento per una serie di motivi che qui ometto e si affidono alla regola codicistica (successione senza testamento) perchè,
    ed io con loro, la ritengono meno foriera di litigi. Il testamento in qualche modo obbliga, la mancanza di esso lascia più aliti di libertà...E' solo una opinione.
    Quindi tua madre potrà seguire l'orma del marito/padre e affidare al futuro buon
    senso degli eredi la spartizione di quanto resta. Il vero problema come ben dici è il fratello interdetto che (solo come ipotesi da sottoporre agli Esperti sul sito) se nulla
    fa potrebbe sfuggire alla nomina anche coatta del titolo di erede. Mi sembra che il codice preveda oltre alla accettazione tacita anche la rinuncia tacita...ma non ne sono sicuro e vedrai che qualcuno lo preciserà meglio di me. Resto in attesa della
    tua risposta sul testamento di tua madre o altro di diverso. cordiali saluti da qpq.
     
  15. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    L'accettazione o la rinuncia tacita avviene, la prima se godi dell'eredità, mentre la seconda, se non prendo possesso o non hai utili della stessa trascorsi i dieci anni. dopo di ché perdi il diritto dell'accettazione dell'eredità.
     
  16. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Grazie Gianco...questo significa che i tre fratelli potranno rinunciare comodamente all'eredità del padre mancato senza testamento.
    Quando verrà il turno della madre saranno già pronti e meglio informati per
    decidere sul da farsi. In sintesi, niente testamento paterno, niente testamento materno. Sostituibile senza valore giuridico ma dal forte impatto morale con
    un prememoria ad hoc della madre con indicazioni superficiali e solo di carattere affettivo-protettivo. Io l'ho fatto da anni. Con la firma anche delle mie due figlie.
    Se ne faranno forza nel caso di interventi brutali da parte dei loro aventi causa.
    Resto sempre in attesa che la gentile Michela ci chiarisca la COSA sul testamento
    come da lei riportato. Grazie di nuovo. qpq.
     
  17. Michela805

    Michela805 Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Gianco: non possiamo non fare la successione perché il conto è bloccato e rimarrebbe un 50% di casa "vacante", senza proprietario. Se invece facciamo la successione non c'è modo di mettere solo mia madre e mio fratello come eredi, bisogna mettersi tutti. Almeno credo.
    Quindi non fare nulla (cioè non procedere alla successione, come mi sembra di capire che stai suggerendo) non è un'opzione percorribile. Se volevi dire qualcos'altro, allora non ho capito.
    Per quiproquo: il testamento come ho detto non c'è, che noi sappiamo, però mio padre quand'era in vita aveva sempre detto che avrebbe lasciato tutto alla mamma e al fratello disabile, quindi potrebbe anche averlo fatto e noi non lo sappiamo. Voglio considerare tutte le ipotesi. Beninteso a me e ai miei fratelli sta bene così, non abbiamo nulla da ridire a riguardo, vogliamo rispettare la volontà paterna. Il problema è che non sappiamo come fare. Forse mi conviene consultare un avvocato...
    Grazie a tutti per le risposte.
     
  18. quiproquo

    quiproquo Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Vogliamo rispettare la volontà paterna...Bellissima frase da incorniciare nel libro d'oro di Propit e da indicare a quei pochi insensati, adoratori irrudicibili
    del nostro vacillante sistema giudiziario...Sono costretto a frenarmi dalla voglia
    di tirare le famose frecce della carissima Arciera. Me ne astengo.
    Consultare l'avvocato non è mai disdicevole...Meglio aspettare...Un tempo per ogni cosa. Convinci la mamma che con o senza testamento voi tutti siete pronti a rinunciare. Preparale uno specchietto come questo:
    A) In presenza di testamento è obbligatorio l'atto pubblico in esclusiva notarile.
    B) Se nel testamento è indicato che gli eredi universali sono solo la mamma e il
    fratello interdetto, voi tre vi asterrete da impugnarlo e ...omissis..(*)
    Più che l'avvocato ci vuole (*) la consulenza del notaio che qui a Torino la danno gratis insieme al preventivo...credo anche a Roma; basta telefonare e otterrai
    una prima indicazione e un appuntamento per la consulenza che quasi sempre
    è rispettosa degli orientamenti di tutti i coeredi. E il notaio non deve trascinare
    nessuno davanti al Tribunale...Sappi che l'atto obbligatorio della pubblicazione
    del testamento deve essere portato a termine entro un anno(?)dalla morte del
    Testatore. ./.
    C) Se invece la mamma ti garantisce che non v'è testamento, allora senza scoprirti
    molto, vai ugualmente dal notaio e chiedi lumi se convenga la rinuncia tacita
    (ammesso che si possa fare) per solo voi tre e l'accettazione della mamma+il
    fratello interdetto (relativa procedura...), oppure solo quella della mamma e
    rinuncia tacita per tutti e quattro.
    ./.
    Chiudo ribadendo che il notaio ti sarà molto più utile dell'avvocato, essendo il caso
    materia squsitamente notarile. Sarà poi il notaio e ti auguro di no, a consigliarti
    il ricorso all'avvocato nel caso di procedimento giudiziario per le tre ipotesi sopra
    esposte. Spero proprio di sbagliarmi. Auguri e cordialissimi saluti da un
    soddisfattissimo Quiproquo. Onore e merito ad un padre religiosamente
    attaccato ai valori reali della famiglia...che in base alle asserzioni di un accanito adoratore sarebbe nientepopodimeno un fuorilegge...Una sola parola: Verg.....a!!!
     
    A Gianco piace questo elemento.
  19. Gianco

    Gianco Membro Storico

    Professionista
    Tu ed i tuoi fratelli dovreste sottoscrivere la rinuncia all'eredità davanti ad un notaio o presso la cancelleria del tribunale. Se ci fossero dei figli minori i genitori dovrebbero chiedere l'autorizzazione al giudice tutelare per rinunciare anche a loro nome, allegando una relazione nella quale dovreste spiegare il perché della scelta in danno dei minori. Se adeguatamente spiegata il giudice non dovrebbe opporsi. A questo punto si può fare la dichiarazione di successione entro un anno dal decesso del genitore. Se invece si trovasse un testamento che disponesse che i suoi beni siano destinati al figlio interdetto e l'usufrutto alla madre, considerato che gli unici che potrebbero impugnarlo siete soltanto voi figli, risolvereste tutti i problemi. A questo punto è sufficiente pubblicare il "testamento olografo", tacitamente accettato dagli eredi che ovviamente rinuncerebbero alla quota di legittima spettantegli, potreste inoltrare la dichiarazione di successione testata indicando gli unici eredi la vedova per l'usufrutto e vostro fratello per la nuda proprietà.
    Se hai dubbi o qualcosa non ti è chiara scrivimi in privato.
     
  20. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La rinuncia all'eredità non può avvenire in forma tacita.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina