1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. maria777

    maria777 Nuovo Iscritto

    Sono proprietaria della villa familiare per il 66%, il restante è diviso fra i miei 3 figli e ho il diritto di abitazione. La nuova tassa IMU grava tutta su di me e sulla mia pensione. Chiedo se posso rinunciare al diritto di abitazione in modo da dividere la tassa con i miei figli, e in quel caso continuare ad abitare nella casa dove ho la residenza. Chiedo inoltre se per vendere sia assolutamente necessario l'accordo di tutti o se i miei figli, che non vedono l'ora di vendere, una volta che mi sia privata del diritto di abitazione, possano obbligarmi con il loro 33% di proprietà a vendere. Grazie.
     
  2. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ciao maria777
    Il diritto di abitazione può essere alienato e per fare ciò devi procedere alla stipula di un rogito.
    Per la vendita dell'immobile occorre essere unanimi da parte di tutti gli aventi diritto di comproprietà, altrimenti si può procedere ad azione giudiziaria per fare ciò, almeno che il bene è comodamente divisibile e che le quote che deriverebbero dalla divisione siano idonee e conformi alla quota di diritto.
    Quest'ultimo caso mi pare di già non realizzabile.
    Ciao salves
     
  3. maria777

    maria777 Nuovo Iscritto

    Ti ringrazio, ma l'altro mio dubbio rimane, possono i miei figli negarmi di abitare nella casa o nel caso chiedermi l'affitto? Due non lo farebbero, ma il terzo, se può, certamente sì. La casa è un'unica unità catastale, quindi non divisibile per quote. Grazie.
     
  4. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Non rinunciando al diritto di abitazione non può chederti nulla, ovviamente devi farti carico degli oneri fiscali.
     
  5. maria777

    maria777 Nuovo Iscritto

    Mi sono spiegata male, se rinuncio al diritto di abitazione, possono i miei figli negarmi di abitare nella casa o chiedermi l'affitto per la loro quota di proprietà? La casa è un'unica unità catastale, non divisibile per quote. E' triste, diventati anziani e bisognosi d'aiuto, doversi difendere dai propri figli.
     
  6. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Intanto se rinunci, come dici, al diritto di abitazione, come fai dopo ad abitarci?.
    Lascia le cose come stanno. I tuoi figli devono contribuire alle tasse per il loro 34% totale di proprietà. Nessuno ti può mandare via nemmeno se cedi , con donazione o con vendita, il tuo 66% a loro. Basta che ti riservi l'usufrutto. Mi fa piacere che siano ansiosi di vendere la TUA casa. E' una cosa che allunga la vita. E quando non ci sarai più (fra dugent'anni.....) continueranno a litigare fra di loro. Perché, pare di capire, che la loro indole sia solo quella......
     
    A alfrac, maidealista, Franca68 e 1 altro utente piace questo messaggio.
  7. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Aggiungerei anche una minaccia ai figli. Che ne direbbero se tu vendessi la nuda proprietà del tuo 66% della villa ad un estraneo? Come minimo gli verrebbe l'orticaria e sarebbe anche il minimo sindacale della punizione che meritano. E' proprio vero che una madre pensa a 100 figli e 100 figli non pensano ad una madre...
     
    A marifior piace questo elemento.
  8. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Contribuiranno, solo se lo vorranno.
     
  9. Luigi Barbero

    Luigi Barbero Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E perché mai: "solo se lo vorranno?". Come comproprietari "devono" contribuire, mica sono esenti solo perché l'abitazione la fruisce la mamma.
     
  10. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Il diritto dell'abitazione comporta l'accollo di tuttigli oneri fiscali cosi come l'usufrutto, la differenza sta che il diritto di abitazione non può essere ceduto, l'usufrutto si, entrambi si estinguono con il decesso del beneficiario a favore dei nudi proprietari.
    Al decesso del beneficiario in questo caso dovranno peocedere a successione per acquisire la quota del beneficiario.
    Ciao salves
     
  11. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    maria 777: non ho capito : con quale titolo i tuoi figli abitano (se non erro) nell'edificio ? hai locato la casa a loro ? In questo caso e' meglio mettersi d'accordo per pagare l'IMU : il resto sarebbe un caos enorme
     
  12. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    A mio parere, non ti conviene a rinunciare al diritto di abitazione, per risparmiare un terzo della futura tassa, perchè come proprietaria, comunque i tuoi due terzi li dovresti pagare.
    Con il diritto di abitazione nessuno ti può madare via ..... senza, pur avendo la maggioranza della proprietà, saresti soggetta anche alla volontà dei tuoi figli. Ciao.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Perché loro non sono i soggetti passivi d'imposta, né ai fini IRPEF, né ai fini Imp.
     
  14. alfrac

    alfrac Nuovo Iscritto

    Io farei ancora meglio:metterei in vendita la nuda proprietà del 66% della villa alla metà del prezzo calcolato sulla tua "testa"(si tratta del prezzo in base a delle tabelle secondo l'età del venditore).Naturalmente l'usufrutto resta a te vita natural durante.Certo che le diatribe coi figli sono molto tristi,ma sono comunissime.
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Non confondiamo il diritto di usufrutto con quello di abitazione.
     
    A marifior piace questo elemento.
  16. maria777

    maria777 Nuovo Iscritto

    Vi ringrazio per le risposte. Purtroppo il diritto di abitazione comporta che tutte le tasse le devo pagare io, inoltre, a differenza dell'usufrutto, non posso cederlo a terzi, né affittare una parte della casa per coprire un po' le spese. Quindi la rinunzia al diritto d'abitazione da parte mia avrebbe lo scopo di pagare il 66% dell'IMU, invece del 100%. Uno dei miei 3 figli è quello che farebbe di tutto perché io vendessi la casa, per intascare subito la sua quota prima che il tempo e l'impossibilità da parte mia di pagare la manutenzione deprezzino ulteriormente la villa, che ha 32 anni. Sì, ho pensato di cedere a terzi il mio 66% in cambio dell'usufrutto, ma chi comprerebbe 2/3 di una villa per poi avere a che fare con 3 eredi?
     
  17. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Cara Maria777, rinunciare al diritto di abitazione, per un terzo di una tassa della quale non sai ancora l'entità di quanto dovrai pagare ha due difetti: Il primo è più importante, ti toglierebbe la certezza del tetto sotto il quale vivere, la seconda che lo faresti per un piatto di lenticchie.
    Se non ti vuoi far convincere dai consigli che hai ricevuto da tutti noi, aspetta almeno che si concretizzi in termini economici, la tassa che tanto ti fa paura, e fai due conti. Ciao.
     
    A maidealista piace questo elemento.
  18. alfrac

    alfrac Nuovo Iscritto

    si parla dell'usufrutto derivante naturalmente dalla supposta vendita della nuda proprietà di quel 66%.
     
  19. salves

    salves Membro Assiduo

    Professionista
    Ribadisco maria777 ha il diritto di abitazione che è disciplinato come l'usufrutto ma non ha usufrutto, ha solo diritto di abiitare e pagare i relativi oneri fiscali.
    Vendendo la sua quota se tale quota è scaturita come penso che lo sia da una successione testamentaria o legale deve osservare il diritto di prelazione a tutti i coeredi.
    Ciao salves
     
  20. hanton21

    hanton21 Nuovo Iscritto

    maria : appoggio quanto dice romrub: perche' fasciarsi la testa prima di avere preso la "zuccata" :
    puoi anche fare un piccolo dispettuccio = NON PAGARE L'IMU : e ignora (anche se essendo una persona TROPPO onesta sara' piuttosto difficile)le azioni che poi ti faranno : vedrai che i "figli" saranno costretti a ...fare qualcosa....quella di rinunciare ai tuoi diritti e' solo una trappola...hai l'eta' per finire in una "casa protetta" ?
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina