1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. ROCNAT

    ROCNAT Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Da lunghi anni Il nostro condominio viene gestito a rotazione e gratuitamente da alcuni condomini che adesso si sono ridotti a non più di tre. Prima che anche loro si stufino e si vada per l'amministratore esterno, è emersa l'ipotesi di premiare in qualche modo questi due o tre condomini che a rotazione continuano a prestarsi. Avremmo pensato quindi di ripartire fra tutti i condomini una parte delle spese condominiali (luce, ascensore, pulizie, assicurazione, etc) che dovrebbe pagare il condomino che amministra.
    Tutti sarebbero d'accordo ad eccezione di due condomini che vogliono fare ostruzionismo e quindi vorrebbero rimanere esenti. Le domande che pongo sono:
    a) l'ipotesi sù esposta è fattibile dietro delibera assembleare o vi sono controindicazioni di carattere legale o fiscale?
    b) qualora sia fattibile, per poterla rendere esecutiva con quale maggioranza la si può deliberare in assemblea?
    c) una volta deliberata, qualcuno si può rifiutare di pagare le quote del condomino amministratore?

    Ringrazio per i pareri ed i consigli che verranno dati.
     
  2. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    La compensazione tra spettanza dell'amministratore-condomino e sue spese condominiali è fonte di rischi perché le spese sono variabili. E' molto meglio proporre un compenso fisso, ad esempio 4 euro/mese per ogni u.i.
     
  3. ROCNAT

    ROCNAT Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    E' ovvio che andremmo a stabilire un tetto, oltre il quale paga il condomino-amministratore, e fino a quel tetto l'importo andrebbe spalmato in parti uguali su tutti i condomini. Il problema è risolvere i quesiti che ho posto. Grazie.
     
  4. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Stabilire un tetto è come dire che il suo compenso varia. E questo secondo me non va bene perché presta il fianco a discussioni tra lui e gli altri condòmini.
     
  5. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    NO.
    Ipotesi non proponibile perché fiscalmente illecita.
    Il "premio" sarebbe una chiara elusione fiscale se riferibile ad una prestazione legata al ruolo di amministratore.
     
  6. Un giocatore

    Un giocatore Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Qual è il SI'?
     
  7. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Se si viene nominati "amministratore" l' AdE ammette solo 2 "configurazioni":

    a)a titolo gratuito
    b)su compenso...che significa, nel caso di amministratore interno inquadramento con contratto (Cocopro o dipendente) e con tutte le complicazioni relative.

    Oltretutto sconsiglio vivamente l' accettazione di un incarico viste tutte le responsabilità facenti capo ad un amministratore...che vale per 12 mesi qundi chiaramente incompatibile con il "lavoro occasionale".

    Da valutare lo svolgimento di singole operazioni alla mo' del "facente funzioni".
     
  8. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Tutti questi problemi e rischi per circa 50€. ogni unità abitativa pro capite ad un professionista boh
     
  9. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    50 Euro come tariffa in grandi realtà...nei piccoli Condomini si arriva a 100 Euro o più.
    Al compenso vanno aggiunti l'IVA, eventuali rivalse contributive...e gli eventuali extra concordati per le cose "straordinarie"...e i costi per eventual polizze fidejussorie.
     
  10. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Dipendente? L'amministratore non può essere in rapporto di subordinazione con il condominio che amministra.
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    :stretta_di_mano:, se i condomini fossero più collaboratori, (nel loro interesse) anche il costo ad amministrare potrebbe essere più congruo, senza aggravare di costi ogni piccola e semplice diatriba fra condomini.
     
  12. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Chi capisce capisce...chi non capisce chiede.
    Visto che chiedi presumo che non hai compreso:innocente:

    Si stava parlando di "inquadramento fiscale" di un condomino che funga da amministratore non di cosa dice il Codice Civile.
    Posto che un amministratore "interno" non ha certamente alcun interesse ad aprire una Partita IVA per amministrare il proprio stabile le uniche alternative ammesse sono poche e funzione di cosa effettivamente si delibera.
    Quindi possibile anche il lavoro dipendente...ma non lo chiameresti più "amministratore".

    Ps.
    L' ultimo "condizionale" è d'obbligo perchè dubito che dei condomini arrivino coscientemente a tanto.
     
  13. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    No. Non è possibile. E sei proprio tu che l'hai chiamato "amministratore".
     
  14. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Un Condominio (di pazzi) può benissimo assumere un "dipendente" per farsi redarre i bilanci.

    Quanto poi alla distinzione "letterale" nell' uso del termine "dipendente" in un Contratto tipo CoCoCo o CoCoPro altri si sono cimentati nel spiegartelo il mese scorso...rileggi.
     
  15. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Caso mai, redigere. Ma se sono pazzi, non hanno la capacità di agire.
    A nulla servirebbe rileggere quanto non c'entra. Tu avevi scritto: "nel caso di amministratore interno inquadramento con contratto (Cocopro o dipendente)".
     
  16. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Ma ho anche scritto (e te l' ho ripetuto più volte) che se non si comprende quanto scrivo si chiedono "lumi".
    Raramente mi prendo la briga di rileggere per verificare se ho digitato correttamente o se ho saltato qualche locuzione.
    Comunque quanto ti invitavo a rileggere centrava eccome...ma forse oltre che più pignolo e pedante di me... sei pure smemorato.
     
  17. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Sei forse tu che non hai compreso quanto da te scritto.
    "nel caso di amministratore interno inquadramento con contratto (Cocopro o dipendente)" è una baggianata.
     
  18. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Occhio che stai partendo per una tangente pericolosa.
    Dirmi che ho sbagliato/omesso lo accetto da chiunque...darmi dell' idiota è un altro paio di maniche.
    Se fra "o" e "dipendente" interponi "assimilato"...ti si aprono gli orrizzonti o resta la nebbia?

    Ora visto che oltre ad essere irascibile come i felini... passi per uno che conosce tante cose... spiega cosa succede (o meglio cosa era previsto succedesse) in un Contratto quale i citati, altrimenti detti di " lavoro parasubordinato",
    come venga considerato il reddito prodotto per simili contratti da tanta "letteratura di settore"
    (esempio:La fiscalità nel condominio - Umberto Draghi, Giuseppe Merello - Google Libri )

    Che la "guida" dell' AdE specificasse tale inquadramento per gli amministratori interni su compenso, è sempre stato osteggiato da chi si occupa di Leggi.

    Quindi un vero "abominio" tanto più che:
    1-demandato a firmare i contratti per il Condominio è l' amministratore...che quindi firmerebbe 2 volte ( per autoincaricarsi)
    2-ravvisando certi "estremi" l' amministratore potrebbe chiedere l' effettiva assunzione come dipendente
    3-comunque andrebbero adempiuti tutti gli obblighi contributivi al pari di un dipendente (cedolino etc etc).

    Ps.
    Nemesis ha poco a che fare con un "felino"...visto che sei "preciso" per natura perchè non correggi questa tua incongruenza cambiando avatar?
     
  19. Nemesis

    Nemesis Membro Storico

    Proprietario di Casa
    Allora accettalo.
    Nessuno ti aveva dato dell'idiota.
    Irascibile, io? :risata:
    Non sono io che devo interporlo (ora). Tu, semmai, avresti dovuto interporlo (prima).
    Se è "abominio", lo sarebbe ancor di più quando non vi sia un rapporto di "lavoro parasubordinato", ma un rapporto di lavoro "subordinato", da te ritenuto ammissibile.
    Sta bene quello che c'è.
     
  20. Dimaraz

    Dimaraz Membro Assiduo

    Proprietario di Casa
    Dire a qualcuno che non capisce quello che egli stesso scrive (esprime) equivale a dare dell'idiota (magari un ripasso all'etimologia e al significato dei sostantivi)
    Vedo che non hai colto occasione di rispondere alla domanda...e si sa...occorre tempo per recuperare cognizioni che non si usano nella pratica.
    Quindi non baggianata e tutttutt'altro che imperfetto l'accostamento.
    Au revoir.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina