1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. tunisino

    tunisino Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Avrei bisogno dell'aiuto di un vostro esperto per la mia seguente situazione. Si tratta di un contratto agevolato 3+2 con opzione per la cedolare secca stipulato dal 1° novembre 2010.
    Primo quesito: alla fine dei primi tre anni non c'è stata nessuna disdetta da ambo le parti, e nemmeno alla fine dei 5 anni. Dal 1° novembre 2015, quindi passati i 5 anni, per quanti anni si rinnova il contratto, altri 3 o altri 2? Alla fine di questo periodo il proprietario può tornare ad usufruire del suo appartamento, senza condizioni specifiche, dando disdetta sei mesi prima della scadenza?
    Secondo quesito: per quanto riguarda le spese di amministrazione, il contratto fa riferimento alla Tabella Oneri accessori , allegato G al decreto del Ministero Infrastrutture e Finanze ai sensi dell'art. 4, comma 2 della Legge 431/98, nella quale non vengono riportate tutte le spese del condominio; per le spese escluse dall'allegato G in questione a cosa bisogna far riferimento per un addebito regolare?
    Grazie per la risposta.
     
  2. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    In mancanza di specifica convenzione contraria, alla legge; le spese per l'amministratore del Condominio sono a carico di chi condòmino è (il locatore).
    Nel silenzio delle parti alla scadenza del biennio, il contratto si è rinnovato automaticamente per ulteriori 3 anni (il biennio è proroga legale che opera in mancanza di diritto di recesso, con preavviso di sei mesi, da parte del locatore)
     
  3. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    E alla fine del triennio di nuova proroga il proprietario dovrebbe tornare in possesso, dietro preavviso e disdetta.
    Uso il condizionale perche sembra ci siano pareri discordi
     
  4. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    E' un rinnovo del contratto non una proroga.
     
  5. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Perfetto. Nessuna questione sulla terminologia e sulla semantica dei termini proroga e rinnovo.

    Volevo solo informare che al termine di questo rinnovo triennale, non dovrebbe più esserci l'obbligo della proroga legale biennale. Anche se so esserci pareri difformi, per la solita non chiarezza linguistica della legge.

    Lei che corrente di pensiero segue?
     
  6. Ollj

    Ollj Membro Assiduo

    Professionista
    Art. 1597 Cc, dato che lo stesso si applica nell'eventuale silenzio della legge 1998
    "La locazione si ha per rinnovata se, scaduto il termine di essa, il conduttore rimane ed è lasciato nella detenzione della cosa locata o se, trattandosi di locazione a tempo indeterminato, non è stata comunicata la disdetta a norma dell’articolo precedente. La nuova locazione è regolata dalle stesse condizioni della precedente, ma la sua durata è quella stabilita per le locazioni a tempo indeterminato. Se è stata data licenza, il conduttore non può opporre la tacita rinnovazione, salvo che consti la volontà del locatore di rinnovare il contratto"
     
  7. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Anche questo è un bell'articolo da sottoporre alla commissione per l'aggiornamento linguistico istituita a Pavia (mi pare abbiano istituito un master in collaborazione col ministero :^^:)

    licenza: ultimamente viene da tradurla come permesso; in pratica qui mi pare di doverla tradurre come licenziamento/disdetta... una certa differenza.

    Stesse condizioni della precedente: appunto la stessa frase dei 3+2: come tradurla? 3+3+3+3...? o
    3+2+3+2+3+2.....
    o più raramente 2+2+2...?
     
  8. ing. Fachinat

    ing. Fachinat Membro Junior

    Professionista
    @tunisino , per rispondere al secondo dei tuoi quesiti
    la corte di cassazione, con sentenza nr. 6088 del 11/11/1988, ha sancito che, salvo patto contrario, sono a carico del locatore le spese di amministrazione e di assicurazione del condominio.

    Di alcuni diritti dei conduttori, compreso questo, ne ho parlato più diffusamente in questo mio articolo, se ti interessa: Diritti affittuario - Marco Fachinat
     
    A basty piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina