1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

  1. antonio59

    antonio59 Nuovo Iscritto

    Saluti a tutti. Spero di sintetizzare in poche righe.. Il condominio dove risiedo è composto da 10 appartamenti, la condotta idrica, collegata ad un contatore centrale che poi distribuisce a 10 contatori da dove si evince il reale consumo per appartamento. Nel 2009, in tre, chiediamo ed otteniamo all’unanimità dell’assemblea di condominio il distacco dalla condotta condominiale per renderci autonomi. Stipuliamo un nuovo contratto con la società che gestisce la distribuzione dell’acqua, che procedono all’installati dei nuovi contatori, rendendoci indipendenti dal condominio. Nel mese di dicembre si è verificata la una rottura nella condotta idrica condominiale (ad oggi, non ancora riparato), causando la perdita in gran quantità di MC di acqua. Nella riunione condominiale tenuta recentemente, ho appreso che i 7 condomini, nella ripartizione delle spese per il pagamento della fattura dell’acqua, pretendono la nostra partecipazione, in considerazione che alla condotta, vi è allacciato un contatore dedicato alla sala condominiale (che serve a riempire un recipiente di 500 lt in uso al personale delle pulizie e nel periodo estivo per annaffiare le piante nelle aiole). Preciso che al momento del distacco dalla condotta centrale, si concordava di partecipare alle spese del consumo di acqua registrato sul contatore dedicato al condominio. è lecito chiedere la nostra quota? In considerazione che quanto chiesto dai 7 condomini ( la maggioranza ovviamente) non è consumo ma perdita? E che nessuno si sia preoccupato di informarci tempestivamente del guasto?
     
  2. celefini

    celefini Membro Attivo

    Proprietario di Casa
    Visto che Voi tre eravate d'accordo a partecipare alle spese del consumo dell'acqua per uso condominiale, è anche giusto che partecipiate alla spesa del consumo .Il fatto che nessuno vi abbia messo al corrente del guasto, non è imputabile agli altri condomini, ma eventualmente all'amministratore. Oltretutto, ciascun condomino è anche responsabile delle parti comuni, quindi potevate anche voi interessarvi della perdita e segnalarla a chi di dovere. Il consumo anomalo a causa della perdita, deve essere ripartito tra tutti, tranne l'eventuale dolo di chi pur conoscendo il problema ,(amministratore) non si è interessato a far riparare il guasto. In questo caso bisognerebbe dimostrare la sua negligenza !!!!!
     
    A Fausto1940 piace questo elemento.
  3. Giovanni de Matteis

    Giovanni de Matteis Nuovo Iscritto

    Forse sarebbe possibile ripartire la perdita con le quote millesimali della proprietà. Tanto, perchè trattasi di un evento straordinario ! Comunque bisogna che tutti e dieci paghino.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina