1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. rosa50

    rosa50 Nuovo Iscritto

    Nel mio condominio viene applicata una tabella per le spese di pulizie, energia elettrica e assicurazione che non è presente nel regolamento di condominio. Ho saputo che esiste una sentenza della Cassazione (Cass. SS.UU n. 943/99), ma non riesco a trovare la sentenza. Qualcuno può farmela avere? Grazie Rosa50
     
  2. condobip

    condobip Membro Storico

    Proprietario di Casa
    La Sentenza che citi parla dell'uso delle cose comuni e non delle ripartizioni delle Spese;

    Quindi il regolamento predisposto dall'originario, unico proprietario o dai condomini con consenso totalitario può non avere natura contrattuale se le sue clausole si limitano a disciplinare l'uso dei beni comuni pure se immobili. Conseguentemente, mentre è necessaria l'unanimità dei consensi dei condomini modificare il regolamento per convenzionale, come sopra inteso, avendo questo la medesima efficacia vincolante del contratto, è, invece, sufficiente una deliberazione maggioritaria dell'assemblea dei partecipanti alla comunione per apportare variazioni al regolamento che non abbia tale natura. E poiché solo alcune clausole di un regolamento possono essere di carattere contrattuale, la unanimità dei consensi è richiesta per la modifica di esse e non delle altre clausole per la cui variazione è sufficiente la delibera assembleare adottata con la maggioranza prescritta dall' art. 1136 2° comma del codice civile (vedi Cass. S.U. n. 943/99)

    Per la ripartizione delle spese se non indicato nel Regolamento Contrattuale la spesa viene divisa con i criteri legali, salvo una diversa convenzione (appunto nel Regolamento Contrattuale);

    E' affetta da nullità (la quale può essere fatta valere dallo stesso condomino che abbia partecipato all'assemblea e ancorché abbia espresso voto favorevole, e risulta sottratta al termine d'impugnazione previsto dall'art. 1137, Codice civile,) la delibera dell'assemblea condominiale con la quale, senza il consenso di tutti i condomini, si modifichino i criteri legali (art. 1123, Codice civile) o di regolamento contrattuale di riparto delle spese necessarie per la prestazione di servizi nell'interesse comune, e ciò perché il riparto in base all'uso differenziato, previsto dal secondo comma del citato art. 1123, non è applicabile alle spese generali. (Cass. civ., sez. II, 8 gennaio 2000, n. 126)
     
  3. jac0

    jac0 Membro Senior

    Proprietario di Casa
    L'amministratore, interpellato, ti fornirà la documentazione che legittima l'uso di quella tabella. Non ti accontentare della possibile risposta seguente: "In questo condominio si è sempre usata questa tabella".
     
    A condobip piace questo elemento.

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina