1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. Rud

    Rud Nuovo Iscritto

    Salve,
    chiedo se possibile avere informazioni sulla ripartizione di spese manutenzione straordinaria in questa situazione:
    condominio di 6 appartamenti, tetto che copre tutti gli appartamenti;
    al centro del tetto, terrazzo di proprietà esclusiva con una torretta sempre di proprietà esclusiva di un appartamento.
    Per problemi di infiltrazioni è stato deciso di rifare pavimento terrazza ed impermeabilizzazione tetto torretta.
    Non abbiamo un amministratore condominiale... io sono la proprietaria di torretta e terrazzo.
    Grazie per la cortese risposta.
     
  2. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Ciao,

    Essendo il terrazzo di proprietà esclusiva, le spese per la sua manutenzione devono essere ripartite in base all'art. 1126 cc. ovvero 1/3 a carico del proprietario del terrazzo e i 2/3 a carico di tutti i condomini ai quali il terrazzo fa da copertura.
     
    A Rud piace questo elemento.
  3. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    :ok::ok::ok:

    Mi permetto di aggiungere che, anche qualora non vi sia un condominio formalmente costituito (eventualità tutt'altro che rara in edifici di piccole dimensioni e nei quali alcuni condomini sono proprietari di più unità immobiliari), ogni decisione deve essere presa in sede di regolare assemblea. :daccordo:
     
    A Rud piace questo elemento.
  4. Rud

    Rud Nuovo Iscritto

    Si, è il nostro caso, abbiamo preso la decisione in assemblea in effetti.
    Ma il come suddividere non si è stabilito. E' stato solo deciso di fare i lavori.
    E qualcuno diceva che il proprietario avrebbe dovuto pagare i materiali ed i lavori dove "calpesta" cioè tutte le lavorazioni riguardanti il pavimento, il resto dividendo 1/3 come specificato nelle risposte prima...
     
  5. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Cassazione Sez. 2 n. 2726 del 25-02-2002
    Con riferimento al lastrico solare di uso o di proprietà esclusiva, l'art. 1126 cod. civ. individua la misura del contributo dovuto rispettivamente dall'utente o proprietario esclusivo e dagli altri condomini indicati dalla norma per le spese di riparazione e ricostruzione sulla base del rapporto ( un terzo e due terzi ) tra l'utilità connessa all'uso o alla proprietà esclusiva del lastrico solare e l'utilità, ritenuta dalla norma come prevalente, connessa alla funzione di copertura dell'edificio condominiale, funzione cui il lastrico solare adempie a vantaggio di tutti i condomini. A tale stregua, sono a COMPLETO CARICO dell'utente o proprietario esclusivo soltanto le spese attinenti a quelle parti del lastrico solare DEL TUTTO AVULSE DALLA FUNZIONE DI COPERTURA( ad es., le spese attinenti ai parapetti, alle ringhiere ecc., collegate alla sicurezza del calpestio), mentre tutte le altre spese, siano esse di natura ordinaria o straordinaria, attinenti alle parti del lastrico solare svolgenti comunque funzione di copertura vanno sempre suddivise tra l'utente o proprietario esclusivo del lastrico solare ed i condomini proprietari degli appartamenti sottostanti, secondo la proporzione di cui al suindicato art. 1126 cod. civ...
    Se la pavimentazione fosse totalmente smantellata per i lavori di impermeabilizzazione, le spese rientrerebbero nel caso dell'art. 1126, ovvero 1/3 e 2/3. E' chiaro che se il proprietario del lastrico volesse mettere delle mattonelle diverse dall'esistente che sono per es. di maggior pregio o prezzo, se le paga lui.
     
    A Rud piace questo elemento.
  6. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    o meglio, paga la differenza di prezzo tra quelle preesistenti e le nuove...
     
  7. Alessia Buschi

    Alessia Buschi Membro dello Staff Membro dello Staff

    Professionista
    Lo sai perchè non l'ho specificato? Perchè se sono mattonelle ormai andate fuori produzione da tanti anni, come fai a sapere quanto sono costate?
     
  8. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Se ho letto bene, gli interventi da fare sono due: lastrico solare, e tetto torretta.
    Per il lastrico solare è già stato detto tutto; per il tetto della torretta invece, bisognerebbe sapere se la copertura è calpestabile (se puoi usarla come terrazzo) o se trattasi di tetto a tutti gi effetti.
    Nel primo caso, vale quanto ti è stato già detto per il lastrico solare; nel secondo invece, la spesa va ripartita per i millesimi di proprità, come qualsiasi altra zona del tetto. Ciao.
     
  9. Rud

    Rud Nuovo Iscritto

    Romrub hai capito benissimo:
    gli interventi sono di 2 generi: lastrico solare (di mia proprietà) e tetto torretta non calpestabile che è su parte di mia proprietà ma copre tutti.
    Alessia, in effetti è semplice conteggiare i materiali (piastrelle e posa) perchè fatto specificare in preventivo e materiali (piastrelle) acquistate da me. Ecco perchè alla fine per me è indifferente seguire la metodologia di 1/3 ecc. oppure i materiali "miei"... a conti fatti la differenza incide su ogni condomino di circa 20,00 Euro da una metodologia all'altra ed indicativamente a mio vantaggio nel caso di "spese a carico mio" nell'ordine di Euro 100,00 circa. Il metodo più conveniente in definitiva è pagarmi le mie spese e dividere nella quota insieme agli altri per quanto è la mia proprietà.
    Grazie a tutti. (Come mai non riesco a vedere le mie risposte? Vi arrivano?)
     
  10. romrub

    romrub Membro Ordinario

    Proprietario di Casa
    Rud, non so perchè tu non le legga, ma le risposte noi le leggiamo. Ciao.
     
  11. ergobbo

    ergobbo Membro Attivo

    A meno di non acere una fortuna sfacciata, non si ritrovano mai le stesse mattonelle. Di solito ci si regola basandosi su una pavimentazione omogenea (klinker se c'èra klinker, graniglia se c'èra graniglia, e via di seguito...) Quello che importa non è sapere quanto sono costate quelle che vengono tolte, ma quanto costano quelle che dovrebbero essere messe.
    Faccio un esempio: se il vecchio pavimento è in graniglia, con un costo attuale di 6 euro a mq (le cifre sono tirate a caso) e il proprietario vuole sostituirle con un cotto fiorentino da 140 euro a mq, il condominio pagherà i 6 euro e la differenza di 134 euro ce la metterà il proprietario.
     
  12. Rud

    Rud Nuovo Iscritto

    Le piastrelle sono state scelte su consiglio del muratore... ma ho pagato tutto io, anche se le "vecchie mattonelle" erano perfette! La perdita probabilmente era sotto. Comunque ho pagato io tutto quello che riguarda la voce pavimento inteso come materiale e manodopera... ho ripartito la demolizione del pavimento sostituito.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina