1. propit.it è il primo e unico forum italiano interamente dedicato ai Proprietari di Casa e agli Inquilini conduttori di proprietà immobiliari.

    Su propit.it puoi approfondire nuove leggi, leggere opinioni, recensioni e consigli, scoprire nuovi strumenti, confrontarti e trovare modulistica fiscale, legale e contabile per gestire la proprietà immobiliare.

    Registrarsi è gratis ed elimina la pubblicità

Tag (etichette):
  1. nicoletta facchini

    nicoletta facchini Nuovo Iscritto

    Proprietario di Casa
    Buongiorno a tutti, vorrei sottoporre il mio problema. Abbiamo venduto parti condominiali dell'edificio in cui abito dando procura all'amministratrice. Ora sono 2 anni che si litiga sul come ripartire le spese di questa procura di 16000 euro. Io sostengo che le procure siano nominali e che ognuno debba pagarsi il suo atto. Qualcuno sostiene invece che esse siano relative al numero di proprietà possedute e quindi io avendo due appartamenti contigui ma non unificati legalmente dovrei pagarne due. Visto l'elevato costo delle stesse e la mancata delibera da parte del condominio sia di un preventivo dei costi notarili sia della suddivisione delle procure, gradirei sapere se c'è una regola che normalmente si segue in questi casi.
    Grazie
     
  2. uragano

    uragano Membro Attivo

    Professionista
    per millesimi.
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  3. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se è stato alienato parti comuni, sia il ricavato che le spese vanno ripartite per mm. di pp.
     
  4. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Avrei anche io detto a millesimi, ma valuto che una procura sia un atto con cui la persona fisica demanda ad altra il suo volere, quindi in maniera più rigorosa, andrebbe ripartita a Cranio, ovvero a persona. Poi la differenza non sarà tale da giustificare discussioni così marcate.
     
    A basty piace questo elemento.
  5. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    Adriano usare la logica è un cosa, dirigere una assemblea condominiale è altra cosa, se non si parte con le idee chiare altro che discussioni, ne so qualcosa con 40 anni di amministratore
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  6. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Credo che il condominio sia la causa maggiore di contenziosi e quindi ti capisco e concordo pienamente. Bisogna prevedere tutto prima, quando si decise di vendere le parti comuni doveva essere già stabilito la ripartizione di oneri e onori.
     
  7. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    IN CASO DI DISACCORDO SULLA RIPARTIZIONE DEL RICAVATO L'AMMINISTRATORE DEVE utilizzare la somma per sopperire le spese del corrente anno che i condomini ne beneficeranno per mm. di pp. come già evidenziato nel mio precedente post
     
  8. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Certo era meglio deliberare prima come ripartire i costi: ma anch'io propenderei per ritenere giustificata l'ipotesi di ripartire le spese di procura in base alle teste, non in base ai millesimi.

    La procura è una delega ad adempiere personale, non obbligatoria, senza relazione alcuna con la quota di proprietà.
    Francamente mi sorprende che venga ipotizzata la ripartizione a m/m: non si applicano i millesimi per i citofoni, o le prese televisive centralizzate; qui mi sembra anche più evidente la relazione individuale.
     
  9. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se un condomino possiede 100 mm, un'altro 50 sulle parti comuni dovè la differenza delle proprietà
     
  10. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non si sta discutendo di quote di proprietà, ma di una procura di Tizio a Caio perchè lo rappresenti nel successivo atto. Rilasciare procura non è un obbligo condominiale, e se solo due condomini non intendessero presenziare di persona, si sobbarcherebbero i relativi costi di procura, anche se la loro quota fosse pari al 20% del condominio.
    Gli altri condomini sarebbero liberi di presenziare all'atto di persona, senza ulteriori spese.
     
  11. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    qualsiasi elienazione di parti comuni in un condominio, per essere alienate o viceversa ci vuole l'unanimità di tutti i condomini in base hai loro titoli di proprietà, anche se sono separati o divorziati devono firmare (tutti)
     
  12. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Nessuno te lo contesta, anzi: ma qui è stato chiesto come sarebbe stato corretto ripartire le spese della procura a vendere conferita all'amministratore: a rilasciare procura sono le persone fisiche, non i millesimi.

    Poteva benissimo capitare la presenza di un condomino singolo proprietario del 90% del condominio, insieme ad una altra proprietà che per successione oggi poteva essere costituita da 3-4 soggetti diversi (es. coniuge e 3 figli): il notaio lavora di più con il primo soggetto o con i secondi? Se non avessero conferito congiuntamente la pratica, i secondi avrebbero dovuto far redigere 4 procure, il primo una sola.
     
  13. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    ma perchè la procura all'amministratore deve essere pagata, per la vendita di parti comuni, non è un agente immobiliare l'amministratore
     
  14. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    Immagino per intervenire in atto con l'acquirente.
     
  15. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    16.000,00 euro non sono bruscolini
     
    A Adriano Giacomelli piace questo elemento.
  16. Adriano Giacomelli

    Adriano Giacomelli Membro dello Staff

    Proprietario di Casa
    No, sarebbe il caso che ci spiegasse in dettaglio questa cifra
     
  17. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    almeno a cosa si riferisce, altrimenti si continua a tergiversare
     
  18. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Non credo ci sano dubbi sulla causale: per intervenire in atto di vendita in rappresentanza dei condomini venditori. Nulla a che vedere con la attività di amministrazione e/o agente immobiliare.
    Normalmente in simili casi si da procura all'amministratore per comodità, essendo figura nota a tutti, ma potrebbe essere chiunque altro.
    Anche se consiste in un atto collettivo, riguarderà itutti i singoli condomini, con le relative posizioni matrimoniali di comunione o separazione dei beni. Per questo anch'io ritenevo più aderente alla realtà una suddivisione delle spese di procura in funzione delle "teste" deleganti.
    Sulla parcella non ho riferimenti,
     
  19. adimecasa

    adimecasa Membro Storico

    Professionista
    se il vs. ammimnistratore ha fatto un intervente professionale, dove esula la sua attività di amministratore ma come professionista, avrebbe dovuto fare un preventivo di spesa, ed hai condomini di accettare o meno
     
    A contro_idealista piace questo elemento.
  20. basty

    basty Membro Senior

    Proprietario di Casa
    Forse ci stiamo perdendo: ritengo che i 16000€ siano principalmente la parcella notarile per redigere le varie procure: non è da escludere comunque che anche l'amministratore sia stato remunerato per la disponibilità e servizio.
     

Per rispondere Entra o Registrati è Gratis…

Perchè dovresti Registrarti?

  • Partecipare e Creare Discussioni
  • Trovare Consigli e Suggerimenti
  • Condividere i tuoi Interessi
  • Informarti sulle Novità

Condividi questa Pagina